WWF Living Planet Report 2020. Stiamo distruggendo la biodiversità! In calo del 68%

La stiamo distruggendo a un ritmo senza precedenti nella storia dell’umanità.

L’indice globale del pianeta vivente continua a diminuire, mostra una diminuzione media del 68% della popolazione di mammiferi, uccelli, anfibi, rettili e pesci tra il 1970 e il 2016. Un picco del 94% il calo dell’LPI per le sottoregioni tropicali delle Americhe, è li la più grande caduta osservata in qualsiasi parte del mondo. Perché questo è importante? È importante perché la biodiversità è fondamentale per la vita umana La Terra, e le prove sono inequivocabili: noi la stiamo distruggendo a un ritmo senza precedenti nella storia.

Dalla rivoluzione industriale, le attività umane hanno sempre più distrutto e degradato le foreste, praterie, zone umide e altri importanti ecosistemi, minacciando il benessere umano. Il settantacinque per cento della Terra priva di ghiaccio è già stata alterata in modo significativo, la maggior parte degli oceani sono inquinate, e più dell’85% della superficie delle zone umide è stato già perso. Le tendenze della popolazione delle specie sono importanti perché sono una misura della salute globale dell’ecosistema.

Misurare la biodiversità, la varietà di tutti gli esseri viventi è complessa e non esiste un unico modo di misura che può catturare tutti i cambiamenti in questa rete della vita.

Tuttavia, la stragrande maggioranza degli indicatori mostra un netto calo negli ultimi decenni.

Questo perché negli ultimi 50 anni il nostro mondo è stato trasformato da un’esplosione nel commercio globale, nel consumo e nell’essere umano con una crescita della popolazione, nonché un enorme passo avanti verso l’urbanizzazione.

Fino al 1970, l’impronta ecologica dell’umanità era inferiore al tasso di rigenerazione della Terra. Per nutrire e alimentare il nostro stile di vita del 21 ° secolo, stiamo abusando della biocapacità della Terra per almeno il 56%.

Queste tendenze sottostanti stanno guidando la distruzione inesorabile della natura, con solo una manciata di paesi che conservano la maggior parte del ultime aree selvagge rimanenti.

Il nostro mondo naturale si sta trasformando più rapidamente che mai e il cambiamento climatico è un ulteriore accelerazione del cambiamento.


Tigri, panda e orsi polari sono specie ben note in storia del declino della biodiversità, ma che dire dei milioni di piccoli, o specie ancora da scoprire, anch’esse minacciate?

Cosa sta accadendo alla vita nei nostri terreni e alla diversità di piante e insetti?

Tutti questi forniscono un supporto fondamentale per la vita sulla Terra e stanno mostrando segni di stress.

La perdita di biodiversità minaccia la sicurezza alimentare e un’azione urgente è necessaria per affrontare la perdita della biodiversità che alimenta il mondo.

Dove e come produciamo il cibo è una delle più grandi minacce causate dall’uomo alla natura e ai nostri ecosistemi, rendendo la trasformazione del nostro sistema alimentare globale più importante che mai.

Anche la trasformazione dei nostri sistemi economici è fondamentale.

Le nostre economie sono radicate nella natura, riconoscere per agire su questa realtà che possiamo proteggere e migliorare la biodiversità e migliorare la nostra prosperità economica.

Possiamo stimare il valore del “capitale naturale”, lo stock del pianeta di risorse naturali rinnovabili e non rinnovabili, come piante, suolo e minerali – accanto ai valori del capitale prodotto e umano – ad esempio, strade e competenze, che insieme formano una misura della vera ricchezza del paese.

Dati dall’ambiente delle Nazioni Unite

Il programma mostra che il nostro capitale, stock globale di prodotti naturali è diminuito di quasi il 40% a persona dall’inizio degli anni ’90, mentre il capitale prodotto è raddoppiato e il capitale umano è aumentato del 13%.

Ma troppo pochi dei nostri decisori economici e finanziari sanno come interpretare ciò che stiamo ascoltando o, peggio ancora, scelgono di non sintonizzarsi affatto.

Un problema chiave è la mancata corrispondenza tra i file di “grammatica economica” artificiale che guida la politica pubblica e privata e la “sintassi della natura” che determina il modo in cui funziona il mondo reale.

Insieme, queste prove dimostrano che la conservazione della biodiversità è più che un impegno etico per l’umanità: è un impegno non negoziabile e necessità di investimenti strategici per preservare la nostra salute, ricchezza e sicurezza.

Possiamo invertire queste tendenze di declino?

Il WWF ha co-fondato un nuovo iniziativa di ricerca – la Bending the Curve Initiative – che ha sviluppato modelli pionieristici, fornendo una “prova di concetto” da cui possiamo arrestare e invertire la perdita di biodiversità terrestre e cambiamento dell’uso del suolo.

I modelli di studio ci dicono tutti la stessa cosa: abbiamo ancora l’opportunità di appiattire e invertire la perdita di natura se intraprendiamo un’azione di conservazione urgente e senza precedenti e apportare cambiamenti trasformativi nel modo in cui produciamo e consumiamo il cibo.

Il 2020 è stato annunciato come un “super anno” di clima, biodiversità e incontri sullo sviluppo sostenibile in cui l’internazionale la comunità aveva grandi progetti per prendere le redini dell’Antropocene.

La pandemia COVID-19 ha significato che la maggior parte di queste conferenze sono ora programmati per il 2021 e ha fornito un forte promemoria di come la natura e gli esseri umani si intrecciano.

Fino ad ora, decenni di parole e avvertimenti non hanno cambiato la traiettoria del business “as usual” della società umana moderna.

Eppure a volte il rapido sconvolgimento e l’interruzione di nuove idee, creatività, sono processi in cui possono sorgere opportunità di trasformazione.

Il futuro è sempre incerto ma forse la pandemia COVID-19 ci spronerà ad abbracciare questa opportunità inaspettata e rivoluzionare il modo in cui ci prendiamo cura della nostra casa, la Terra.

Fonte @WWF.IT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.