Sicilia
LIMONE INTERDONATO DI MESSINA IGP

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE LIMONE INTERDONATO DI MESSINA IGP

LIMONE INTERDONATO DI MESSINA IGP

Il Limone Interdonato Messina IGP comprende le cultivar “Interdonato”, ibrido naturale tra un clone di cedro e un clone di limone, appartenente alla famiglia delle “Rutacee”, genere “Citrus” e specie “C. limon”. Quando è immesso al consumo, il Limone Interdonato è di dimensioni medio-grosse e il suo peso varia tra gli 80 e i 350 g. Ha una forma ellittica e peduncolo pronunciato, tutto circondato da una buccia di colore verde nei primi momenti di maturazione fino al giallo. All’interno, il frutto ha pochi semi, una polpa succulenta (25% di resa) con tessitura media e il grado di acidità è inferiore a 82 g/l di acido. Al consumo il limone è suddiviso in due categorie principali: “I” e “Extra”.

Metodo di coltivazione

Per la coltivazione dei limoni possono essere utilizzate le seguenti tecniche: integrata e biologica. La raccolta inizia il 1° settembre e termina il 15 aprile e viene effettuata a mano con il solo ausilio di forbici. La resa di prodotto fresco è compresa tra 80-130 kg/pianta.

Legame tra il prodotto e il territorio

Il nome del frutto deriva dal colonnello Giovanni Interdonato che, nel 1875, selezionò questa particolare cultivar per la sua maturazione precoce e le grandi dimensioni. Oltre agli aspetti storico-culturali, a facilitare la vocazione per la cultura degli agrumi nella regione sono gli elementi pedo-climatici. Il clima temperato, con assenza di forti precipitazioni, e la presenza di molti torrenti, che facilitano l’irrigazione dei terreni, favoriscono una maturazione del frutto, specialmente nei mesi invernali, in maniera progressiva e senza alterarne le qualità organolettiche. Oggi il limone è uno dei frutti maggiormente coltivati nella zona del messinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.