Ridurre inquinamento

L’inquinamento è una delle principali cause della perdita di biodiversità ed è dannoso per la nostra salute e l’ambiente Sebbene l’UE disponga di un quadro giuridico solido per ridurre l’inquinamento, sono ancora necessari maggiori sforzi. La biodiversità è in sofferenza: il rilascio di nutrienti, pesticidi, prodotti farmaceutici, sostanze chimiche pericolose, acque reflue urbane e industriali e altri rifiuti, tra cui quelli dispersi nell’ambiente e le materie plastiche, sono tutte pressioni che occorre decisamente ridurre.

L’ambizione di azzerare l’inquinamento, eliminando le sostanze tossiche dall’ambiente, muoverà la Commissione a presentare una nuova strategia dell’UE in materia di sostanze chimiche per la sostenibilità, insieme a un piano d’azione per l’inquinamento zero di aria, acqua e suolo.

La Commissione promuoverà anche l'”inquinamento zero” causato dai flussi di azoto e fosforo contenuti nei fertilizzanti come minimo dimezzando le perdite di nutrienti, senza però compromettere la fertilità del suolo, e ottenendo così una riduzione dell’uso dei fertilizzanti di almeno il 20 %: questi obiettivi saranno raggiunti attuando integralmente la legislazione pertinente in materia di clima e ambiente e garantendone il pieno rispetto, individuando, in collaborazione con gli Stati membri, le riduzioni del carico di nutrienti necessarie per raggiungere i risultati desiderati, applicando una fertilizzazione equilibrata e una gestione sostenibile dei nutrienti e gestendo meglio l’azoto e il fosforo in tutto il loro ciclo di vita.

A tal fine nel 2022 la Commissione elaborerà con gli Stati membri un piano d’azione integrato di gestione dei nutrienti. La nuova strategia “Dal produttore al consumatore” affronterà la riduzione dell’uso dei pesticidi e dei rischi derivanti e sosterrà la diffusione della difesa fitosanitaria integrata; in quest’ottica sarà rafforzata la valutazione del rischio ambientale associato ai pesticidi. I problemi posti dalla plastica sono affrontati principalmente nell’ambito dell’attuazione della strategia europea per la plastica e del nuovo piano d’azione per l’economia circolare.

La Commissione elaborerà una serie di indicatori per la riduzione progressiva dell’inquinamento e definirà valori di riferimento per aiutare a monitorare i progressi compiuti. La pressione esercitata dai rifiuti marini e dal rumore subacqueo è già disciplinata dalla direttiva quadro sulla strategia per l’ambiente marino.

Dal produttore al consumatore

“La crisi del coronavirus ha dimostrato la vulnerabilità di tutti noi e l’importanza di ripristinare l’equilibrio tra l’attività umana e la natura. La strategia sulla biodiversità e la strategia “Dal produttore al consumatore” sono il fulcro dell’iniziativa Green Deal e puntano a un nuovo e migliore equilibrio fra natura, sistemi alimentari e biodiversità: proteggere la…

Leggi di +

SNAP – Scuola Nazionale di Pastorizia

La pastorizia – allevamento estensivo a pascolo brado di diverse specie – é un’attivitá che associa tradizionalmente forme di produzioni di qualitá con servizi socio-ambientali, come il mantenimento della biodiversitá, del paesaggio e le dimunzioni dei rischi ideo-geologici. In molte realtà italiane, soprattutto nelle aree interne, montane ed insulari, la pastorizia svolge un ruolo di…

Leggi di +

Fermare le future pandemie!

Un nuovo rapporto dell’UNEP e dell’ILRI descrive come il nuovo coronavirus faccia parte di una tendenza crescente di malattie zoonotiche che sono passate dagli animali alla popolazione umana.

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.