Proverbi della Lombardia

I proverbi, in quanto patrimonio di conoscenze acquisite con l’esperienza di generazioni, davano conforto e sicurezza alla società che li utilizzava perché preparavano ad affrontare i diversi aspetti della realtà, anche negativi, e superarli.

Selezione dei più belli e famosi proverbi Lombardi

A’ a scua ol mar. Vai a spazzare il mare (andare a fare un lavoro inutile.. come scopare il mare).
A dientà ècc, a s’diènta s-cècc. Diventando vecchi si diventa bambini.
A ülìs bé, se spènt negót. A volersi bene, non si spende niente.
A la dòna fàga mancà tött ma mìa i sólcc. Alla donna puoi far mancare tutto ma non i soldi.
A la Mórt se s’làsa ché töt. Alla Morte si lascia tutto .
A’ndà s’bèca, a stà a cà l’sèca. (Sottinteso l’uomo) “Ad uscire si rimorchia, a stare a casa rinsecchisce”.
A camp tempestaa nò var benedizion.
A Carnavaa ol porscell al va mazzaa. (A Carnevale il maiale va ammazzato).
A fà un pret ga voeur un sacch da danee, ma quand al prét l’è faa, al sacch l’è bell e guadagnaa.
A la domenega dai oliv tucc i usei fann el sò nid.
A la fin de Agost, giò ‘l sô l’è fosch.
A l’è vora de fà el scovin quand el borla giò el fiorin.
A san Martì al móst l’è ì. A san Martino il mosto è vino Il giorno di San Martino di Tours (11 novembre) il mosto è divenuto vino

A’n dà fò fevru e nòm dà diter marsù  Esci Febbraio ed entra MarzoEra un modo per dichiarare la fine dell’inverno e augurarsi una buona primavera
A parlaa maa se fa maa, ma se indovina. (A parlar male si sbaglia, ma si indovina)
A parlaa maa se fa pecaa, ma s’è mai sbagliaa (A parlar male si fà peccato ma non ci si sbaglia)
Arent al foeugh la paja la brusa. (Vicino al fuoco la paglia brucia)
A San Gall se somma al pian e al vall.
A Santa Caterinna el fregg el se rafinna.
A ciapà i muschi per lasà ‘nda i tavan. Prendere le mosche per lasciare andare i tafani.
Amur di fradii, amur di curtii. Amore dei fratelli, amore dei cortili.
A prima ruscià d’Aùstu, porta via püras e muschi. Il primo acquazzone di Agosto, porta via le pulci e le mosche.
A Santa Margaritta s’han de vedé i castegn lontan ona picca.
A Sant Andreja el fregg te nega.
A Sant Andreja monta el fregg in cardeja.
A Santa Teresa se somna a la destesa.
A Sant Isepp sa tira ol fiaa: ol dì e la nòcc hinn longh inguaa.
A San Vittor mett la pell al sol. (A San Vittore metti la pelle al sole)
A San Vittor trà foeura la bianchetta con tutt onor.
A Sònt Andrea ol fregg al monta in cadrega.
A Sònta Caterina ò nev ò brina.
A stà coi can se impieniss se pures.
A toeu miee, pensegh fin ai trenta, dopo pensegh anmò on pòco… e finiss a toeula nò.
A tutt i Sant, guantin e guant.
Al gh’è miga matela bela ca nu la sia gavela; ma chili bruti glien gaveli tuti.
Al par del ramm e del coramm, anca i dònn con pù se batten deventen bònn.
Ann de erba, ann de merda. (Anno d’erba, anno di merda)
April fà ol fior e magg el gh’ha l’onor.
Agost gh’è gnà sìra che ghè fósch. Ad agosto arriva buio prima di sera .
Agost se rinfrèsca l’bósch. Ad agosto si rinfresca il bosco.
Amùr de fradèi, amùr de cortèi. Amore di fratelli, amore di coltelli.
Almeno ù che l’ sì, disìm che gnì, che parl’a chi g’à e ù che gh’ì. Almeno voi che lo sapete ditemi che venite, che si parla di chi ha.
A dés agn l’è ü s-cèt, a vint agn l’è ü paù, a trènt agn l’è ü leù, a quaranta l’è ü béstiù, a sinquanta l’è ü volpù, a sessanta l’è ü capù, a setanta l’è ü s-cetù, a otanta l’è ‘n del balù. (L’uomo) a 10 anni è un ragazzo, a 20 è un pavone, a 30 è un leone, a 40 è un bestione, a 50 è un volpone, a 60 è un cappone, a 70 è un ragazzone, a 80 è nel pallone.

  • A l’ tira piö ü pél de pòta che sènt caài chi tròta. Tira di più un pelo di vulva di cento cavalli al trotto.
  • A chi che’l vàrda i sò difècc ghe pàsa la òia de fa i dispècc. A chi guarda i propri difetti passa la voglia di fare i dispetti
  • Ai pultrù ghé da fàstide l’òmbra dei lasarù. Ai poltroni dà fastidio l’ombra dei lazzaroni
  • Al calt del lensòl ‘l fa mia buì al paròl. Il caldo del lenzuolo non fa mica bollire l’acqua nella pentola
  • Al fiöl de gàmba störta al fà guarì la zèt mörta. Il figlio di gamba storta fa guarire la gente mortaIl vino (figlio di gambastorta, che è la vite) fa resuscitare anche la gente morta
  • Al pòm piö bél, al và an’boca al porsél Il pomo più bello va in bocca al porcelloLe cose migliori vanno sempre perse
  • Andà an piàsa a tö consèi, andà a cà a fà del so mèi. Andare in piazza a prender consiglio, andare a   casa   a fare del proprio meglio
  • Ardét po’ a de dré, che’l ghè argù che’l stà pègio de té Guardati un po’ anche alle spalle, che c’è qualcuno che sta peggio di te
  • Aria de fesùra pórta ala sepùltura Aria di fessura porta alla sepolturaGli spifferi d’aria fanno male alla salute
  • A mangià l’órss ol cül al sé rincorss. A mangiare l’orzo (minestra tipica) il culo si accorge (fa scaricare) .
  • A parlà de cül e de mèrda l’anima la se consèrva. A scherzare di “culo e merda” si mantiene lo spirito.
  • A ó a ae e öi i ae ìe. (Scioglilingua)   Vado ad api e voglio le api vive
  • A ó a et a ent i ae ìe. (Scioglilingua)   Vado a veder vendere le api vive
  • A chèla àca là che la ‘a ‘nchela cà là. (Scioglilingua)   Guarda quella mucca là che va in quella casa là.
  • Aqua sànta e tèra sànta’nsema i fà ól paciük. Acqua santa e terra santa, insieme, fanno melma . simile al detto l’occasione fa l’uomo ladro/.
  • Bèi e bröcc a i è depertöt, bù e gram a i è depertöt. Belli e brutti sono ovunque, capaci e incapaci sono ovunque.
  • Bosii e giurament quaj voeulta hinn bon parent.
  • Bèi a n’ fassa, bröcc a n’ piassa. Belli in fasce, brutti in piazza (da adulti).
  • Boca fa sito che tàn paghe mes bicer. Bocca stai zitta che ti pago mezzo bicchiere.
  • Caràter de la rassa bergamasca, fiama de rar, sóta la sènder brasca. Carattere della razza bergamasca: s’infiamma raramente, sotto la cenere la brace.
  • Chi gà pùra dèl pecàt al mörr cól cül pélàt. Chi ha paura del peccato muore col culo pelato.
  • Chi g’a n’ bél nàs, g’a n’ bu cass. Chi ha un bel naso, ha un bel ….
  • Chi l’è stacc iscotàt öna ólta, l’ótra l’ ghe bófa sura Chi è stato scottato una volta, l’altra ci soffia sopra.
  • Caga come on’òcca e pissa come on can se te voeu stà semper san.
  • Cavalee zòpp, galett a balòcch.
  • Cent coo, cent crapp, cent cuu, dusent ciapp!
  • Chi comanda fa legg.
  • Chi fa tant ghe manca al pan, chi fa pòcch ghe n’ha anca tròpp. (A chi fa tanto manca il pane, chi fa poco ne ha fin troppo)
  • Chi gh’ha fen, gh’ha tutti i ben.
  • Céra de fan amò e pintís mài Ha la faccia di chi lo rifarà, senza pentirsene
  • Chi ga pòra del pecàt al ga semper el gòs pelàt Chi ha paura del peccato ha sempre il gozzo pelato
  • Chi è scrupoloso è sempre povero.
  • Chi gh’ha danee fa danee, e chi nò gh’ha danee el pò fà scusà el cuu per candiree.
  • Chi gh’ha la vigna sova in tra marz e april la brova.
  • Chi gh’ha danee fa danee, e chi gh’ha pioeucc fa lenden.
  • Chi ‘l vosa pussee, la vacca l’è soa.
  • Quanche la Còrna la gà al capél o ch’al piòf o ch’al fa bél Quanche la gà mìa o che’l piòf, o che’l piòf mìa   Quando la Corna ha il cappello o piove oppure fa bel tempo Quando invece non ce l’ha, o piove oppure no.
  • Il tempo attorno alla   Concarena   è sempre incerto
  • Chi maja el levaa caga el pajee.
  • Chi ona schisciada d’oeugg non al comprend, l’è intregh in dal crompà, pesg in dal vend.
  • Chi nò pensa innanz despoeu sospira.
  • Chi no voeur fa pedin faga pedanna e chi no voeur fà all’amor vaga in la tanna.
  • Chi toeu miee a bonora coi sò fioeu lavora.
  • Cun calma e con pazienza, gh’hann faa ‘l bus del cuu a voeugn che l’eva senza
  • Curt de vista, longh de battista.
  • Chi g’a mia l’antadùr i’se ‘anta de per lür Chì non ha qualcuno che li vanti si vantano da soli’
  • Chèl che g’ó al cül (té) me l’ tróet Tutto quello che ho al sedere me lo troviTutto quello che ho lo sfoggio.
  • Chèl chè’l rìa tàrde al mangia i ànsaròcc. Chi arriva tardi mangia gli avanzi . (Metaforicamente anche in amore)
  • Chèl che l’sà a l’laùra, chèl che l’sà mìa l’insègna. Chi sà lavora, chi non sà insegna.
  • Chèle che córr a töte i campàne i è i pö putàne. “Le donne che accorrono a tutte le campane (di chiesa) sono le più puttane.”
  • …Ciao màma che’ndò cól nóno. …Ciao mamma che vado a vivere col nonno.Detto di una (un) giovane che ha una relazione con un anziano.
  • Ciàpèn da chi che’l piàns e daghèi a chè’l che’l grègna. Prendi soldi da chi si lamenta e danne a chi sorride .
  • Cort de vista, long de batista. Corto di vista, lungo di pene .
  • Cül e sólcc i fà chèl che ghe’nà òia. Culo e soldi fanno quello che gli pare.
  • De chèi tocàcc de Dio, tri pass in drio. Da quelli toccati da Dio, tre passi indietro .- Dai pazzi bisogna stare lontani.
  • Del sunì a s’böta vià negótt. Del maiale non si butta via nulla .
  • Di vinte ài trènta i và chi spaènta, di quarànta i sinquànta i và chi stànta, di sesànta i setànta i précc i cànta, di otànta’nda’nsö i se cónta gnà piö. Dai 20 ai 30 (anni di un essere umano) quando muoiono spaventa, dai 40 ai 50 sono i più che vivono, dai 60 ai 70 sono i più che muoiono, oltre gli 80 sono pochi i vivi.
  • Dòne che la piàns e caàl che ‘l süda… i è fals cume GiüdaFónna che la piàncc e caàl che l’ süda, töcc du fals cume Giüda Donna che piange e cavallo che suda, sono falsi come Giuda.
  • Degh adòss che l’è de Monscia.
  • De là del podè nò se poeu minga andà.
  • D’avril ‘na gosa per fil D’aprile una goccia per filo d’erba
  • Desgrazia del can fortunna del loff.
  • Da i segnàcc de Dio gnè sta tré pas an drío Dai segnati da Dio bisogna stare tre passi indietro -Bisogna allontanarsi dai menomati
  • Dal sòc el vè lé stèle Dal ceppo ne vengono le stelle Tale genitore, tale figlio
  • Di donn ghe ‘n voeur domà dò per ca: vunna viva e l’altra pitturada sul mur.
  • Dicember, fiòcca e fa fregg: pissa ‘l camin e pareggia ‘l scoldalecc.
  • El mangià per vess assee el gh’ha de cress . Il cibo, per essere a sufficienza, deve avanzare . Detto dopo aver mangiato di gusto.
  • Donna che piansg, cavall che suda, òmm che spergiura, pòcch temp el dura.
  • Dònna sòna pissa ‘me ona fontòna.
  • Dal dedré la te tènta, dal denàcc la te spaènta. La donna che vista da dietro ti tenta, dal davanti ti spaventa.
  • Dòne, pàssere e óche i par tante anche quando i è póche. Donne, passere e   oche   sembrano tante anche quando sono poche.
  • Dopo la quarantìna ü dulùr ògne matìna. Dopo i quarant’anni un dolore ogni mattina.
  • El ben del patron l’è come al vin del peston, che alla matinna l’è bon e alla sira l’è guast.
  • El mond l’è mezz de vend e mezz de comprà.
  • El pioeuv e el dà el sò, el balla i strij e el servitò, el servitò el butta in lecc, el balla i strij sul tecc.
  • El Poo el sarav minga Poo se Ada e Tesin no ghe mettessen coo.
  • El Signor el creja l’agnellin con el sò pascolellin.
  • El temp el regoeujem sul nòst.
  • Fà e desfà l’è sèmper laurà Fare e disfare è sempre lavorare.
  • Fin’àl quarànta de Màss caa mia fò i stràss. “Fino alla prima decade di giugno non levarti i vestiti.”
  • Fin che ghe n’è, viva’l re. “Detto di chi sfrutta compiacente fin quando ne trae beneficio.”
  • Fà tuttcoss al sò moment e i bon rav toeu su l’advent.
  • Febrar l’è curt, ma l’è pesg d’on Turch.
  • Giai a trùas a Linsì o a l’Adamé, dopo san Bartolomé Guai a trovarsi tra la malga Lincino e l’Adamé dopo san Bartolomeo La festa di san bartolomeo segna un cambiamento di stagione
  • Foeuja smaggiada, galetta mai fallada.
  • Fònne, pasére e óche le par tante anca se ié poche Donne, passere ed oche sembrano tante anche quando sono pocheLe donne, come le passere e le oche, hanno l’abitudine a fare molto rumore
  • Formenton a gatton, loeuv a monton.
  • Fa balà l’oeugg.
  • Figa a foresta, l’usell fa festa.
  • Fides dela vulp, fides del tass ma fides minga dela dona cul cu bass
  • Ghè de ìga l’invìss quando ghè ol lüìss. Per un uomo è bene desiderare se è in grado di soddisfare .
  • Ghe n’é che mör, ma che nas… . C’è molta gente che muore, ma c’è ne anche che nasce… . ‘ Gioco di parole: Detto popolare utilizzato per commentare nasi molto “importanti”. ‘In questo caso “nas” (nascere) ha lo stesso suono di naso.
  • Ginee l’è on mes festee.
  • Genee e fevree l’è madregna, marz l’è tegna.
  • Quant che ‘l Grigna al grignerà Prèsten, Bièn, Bèrs e Eden i pianzirà Quando il Grigna riderà, Prestine, Bieno, Berzo ed Esine piangeranno Quando il torrente Grigna strariperà, vi saranno grossi danni per i paesi di Prestine, Bieno, Berzo ed Esine
  • Gnè per tòrt, gnè per rezù lagàss mai enserà en prezù   Né a torto, né a ragione lasciarsi rinchiudere in prigione
  • Giugn, la ranza in pogn.
  • Guardet de chi te fa pussee de mamma: ò ch’el voeur ingannàtt ò ch’el t’inganna.
  • Ghe n’è piö de fò che de dét. Ce ne sono più fuori che dentro. “Riferito a matti e delinquenti.”
  • Hét e Nàder tücc bindù e làder. Nàder e Hét tücc bùna zét Ceto e Nadro (hanno gli abitanti) tutti lazzaroni e ladri. Nadro e Ceto sono tutti brava gente .
  • I dòne balòse i pèla i póe sènsa fàle usà. Le donne furbe spennano le galline senza farle urlare   (circuìscono senza farsi accorgere)
  • I dòne de San Maté i gà ól denàcc po’ anche’l de dré. Le donne di S. Matteo hanno tanto seno e tanto sedere (agli uomini piacciono formose).
  • I danee fann dannà, ma a mia avègghen fann penà
  • I dònn se paragonen ai castegn: bell de foeura, denter gh’è i magagn.
  • In agost, giò el sol gh’è fosch . In agosto, quando scende il sole c’è buio . Le giornate cominciano ad abbreviarsi e finiscono presto.
  • Incoeu l’è foeuja, doman hinn foeuj.
  • In duu a un cappon e in quatter a on resegon.
  • I marà de Saviúr, quand nó i sa a chi fàghela, i se la fa tra de lùr I Marà di Saviore, quando non riescono a far danni agli altri, se li fanno tra di loro .
  • In trent’ann e trenta mes torna l’acqua ai soeu paes.
  • In tutt i cà gh’è el sò defà.
  • I proverbi fallen minga (perché gh’hann mettuu cent agn a fai). I proverbi non falliscono (perché c’hanno messo cento anni a farli).
  • I ultem a andà in gesa hinn i primm a vegnì de foeura.
  • I usei in frasch e i fioeu in di strasc.
  • I sbaja pò i précc a dì mèsa. Sbagliano anche i preti a dire messa
  • In d’una cà i sta bè duma tri done: Ona viva, ona morta e ona piturada in su la porta. In una casa stanno bene solo tre donne: Una viva, una morta e una pitturata sulla porta.
  • I fiö in dul duca, chi ga i ha, i a pilüca. I figli sono del duca, chi ce li ha li sopporta.
  • Lüi a téra la büi. Luglio la terra bolle.
  • La aca ògne inte dé, ol caàl ògne òtt dé e la fónna töch i dé. La mucca ogni venti giorni, il cavallo ogni otto giorni e la donna tutti i giorni
  • La bóca l’è la cumudità de la zét. La bocca è la comodità della gente Con la bocca puoi raccontare quello che ti fa più comodo (ti avvantaggia).
  • La bocca l’è minga stracca se la sa minga de vacca. La bocca non è stanca se non sa di mucca (formaggio)
  • La bolp la lòggia la fa minga dagn.
  • La fiòcca desembrinna per trii mes la confinna.
  • La galetta l’è quella che ten avert l’uss tutt l’ann.
  • La geja fina ai genoeucc, la famm finna ai oeugg.
  • La nev de Ginee la piendis ol granee.
  • La tròppa confidenza la fa perd la riverenza.
  • L’ama el gran el sò paltan.
  • L’asen del Ghinella el gh’ha quaranta piacch sòtt a la sella.
  • La terra la va minga a l’osteria.
  • L’è cattiv segn quand la festa de ball la se fà in cà di sonador.
  • L’è de badee morì andree a la miee.
  • L’òm che ‘l va sö e zö da la cantina al pàsa l’otantìna L’uomo che va su e giù dalla cantina passa l’ottantinaColui che scende a bere in cantina ma non si sofferma, vive a lungo
  • La mort del lüf l’é la sanidà dela pegora La morte del Lupo è la salvezza della pecora
  • La ròba del Comù l’è roba de nigù La roba del Comune è roba di nessuno
  • La ròba l’è mìa de chi ché l’ha ma de chi ché l’ha gót! La roba non è di chi ce l’ha ma di chi ce l’aveva
  • L’è apena al campanìl che’l ribàt le óre E’ appena il campanile che batte le ore Equivalente di “Paganini non ripete”
  • L’è ‘l mestér del Michelàs mangià, biì e nà a spàs E’ il mestiere del Michelaccio mangiare, bere ed andare a spasso
  • L’è mèi piegàs che scàesas E’ meglio piegarsi che rompersi
  • La bòca l’è mìa stràca se la sà mìa de àca La bocca non è stanca finché non sa di vacca “Il pasto si conclude col formaggio (equivalente di “dulcis in fundo”)”
  • La césa l’è grànda, ma i sancc i è poc! La chiesa è grande, ma i santi sono pochi
  • La ghè fümada Gli è andata in fumo Ha perso la pazienza
  • Laurà per la cèsa de Àder Lavorare per la chiesa di Adro Lavorare gratis
  • L’è saldo men maa on usell in sacchella che né cent in l’airo.
  • L’erba medegada la fa bòna la brusada.
  • L’estaa de Sòn Martin al dura trii dì e on ciccin.
  • L’é fò come l’Òi E’ fuori come l’Oglio E’ arrabbiatissimo
  • L’invidà l’è creanza, e el taccà (el zettà) l’è petulanza.
  • Loj, la tera la boj.
  • La legora senza corr la se ciappa tutt i or . La lepre senza correre si prende a tutte le ore . Se si ha pazienza prima o poi la propria preda sarà catturata senza fatica.
  • La bocca l’è minga stracca se la sa nò de vacca . La bocca non è mai stanca se non sa di vacca . Non si è mai sazi e stanchi di mangiare e non si concludono mai i pasti se non con un po’ di formaggio   (latte di vacca).
  • L’oeugg el voeur la soa part.
  • Loeuva ben vestida, inverno fregg e marsciottent.
  • La bóca l’è mia straca se la sènt mia de aca. La bocca non è sazia se non sa di vacca Non si è sazi, se non si è concluso il pasto con del formaggio.
  • La gà mia cólpa la gàta se la padrùna l’è màta. Non ha colpe un animale (figlio) se il padrone (genitore) è matto.
  • L’esperiènsa l’è la mader de la sciènsa L’esperienza è la madre della scienza.
  • L’è mèi ün asen vif che ü dutùr mórt. È meglio un asino vivo che un dottore morto.
  • L’è mèi ü rat in bóca al gat, che ün òm in mà a ün aocàt. È meglio un topo in bocca ad un gatto , che un uomo in mano ad un avvocato .
  • La crùss col pà, l’è mèi portà. La croce con il pane è meglio portare.
  • La fónna che té paghet de meno l’è chèla che té paghet söbet. La donna che ti costa meno nella vita è quella che paghi subito.
  • L’è méi ‘èndela che tèndela. È meglio venderla che darle retta.
  • L’è grant pò ol campanil ma i ghe pissa töcc adòss. È alto anche il campanile ma ci urinano addosso tutti.
  • Murusa del cümü, spuza de nisü. Morosa di tutti, sposa di nessuno.
  • Murùsa stantìda, famèa falìda. Fidanzamento lungo, famiglia fallita.
  • Mèi èndela che tróàla. Meglio venderla che trovarla . Detto di colei o affare che può portare guai.
  • Magg l’è on gran bell mes: fior, magioster e scires.
  • Magg succ gran per tucc.
  • Marz, l’è fioeu d’una baltròcca: ò piòv, ò tira vent, ò fiòcca.
  • Mej minestra rara che polt spessa. Màl che’l se öl, nol döl Male che si vuole non duole
  • Majà pòc e majà mal per stà delòns de l’ospedàl Mangiare poco e male per star lontani dall’ospedale Con “mangiar male” si intende mangiare cibi non troppo elaborati
  • Mangià màr e spudà dòls Mangiare amaro e sputare dolce
  • Inghiottire le offese senza far nulla
  • Maia Signùr e càga Diaòi Mangiare il Signore e cagare i Diavoli Fare la comunione, ma non comportarsi coerentemente
  • Magnà magnòccom, l’è a lavorà che barbòttom.
  • Mai fidass d’un scalin rutt, dela cua del can e de chi va in gesa tucc i duman
  • Mèi ès ü gré de pièr che ü fic de àzen.
  • È meglio essere un grano di pepe che essere una cacca di   asino .
  • Mèi ol vì colt che l’acqua frègia.
  • Meglio il vino caldo che l’acqua fredda.
  • Mèi s-ciòpa pànsa che ròba che ànsa.
  • Meglio abbuffarsi che avanzare roba.
  • Maià l’ maiòca, l’è a laurà che l’ borbòta.
  • Per mangiare mangia, è a lavorare che si lamenta.
  • Mè crèt a metà de chèl che s’vèt e a negót de chèl che s’sènt
  • Bisogna credere a metà di quello che si vede e a niente di quello che si sente
  • Mia lonc chel toche, mia gros che l’istope ma dür chel düre
  • Non lungo che tocchi, non grosso che tappi ma duro che duri
  • Con riferimento alle caratteristiche del membro maschile.
  • Michèl àl pórta la merènda’n ciél.
  • “S. Michele porta la merenda in cielo. /Detto di chi ha una grande generosità/
  • Nedàl ü pass de gàll, Pasquèta ün urèta, Sant’Antóne ün’ura gròsa.
  • A Natale le giornate si allungano di un poco, a Pasquetta di quasi un’ora e a Sant’Antonio (da Padova) più di un’ora.
  • Negòzzi squajaa l’è mezz sassinaa.
  • Nòs de me missee, moron de me pader, e vit de mì.
  • Nigol ros la sera tösò la ranza e a séga nigol ros la domà ciapa al gabà e tegnel a mà
  • Nube rossa alla sera, piglia la falce e va a falciare nube rossa al mattino, piglia il mantello e tienilo a mano
  • November   l’è Cain: ò se paga ‘l fitt ò se fa Sòn Martin.
  • Nò iè proerbe, se nò iè proàcc
  • Non sono proverbi, se non sono provati
  • No el tìra piö né cópe né bastù
  • Non tira più né coppe né bastoni
  • Na pisada senza ‘n pet, l’è me la dòna senza i tèt.
  • Nas che pissa ‘n bóca, guai a chi la tóca.
  • Naso che piscia in bocca   [ossia ha naso aquilino]   guai a chi lo tocca   [ovvero: ha un carattere irascibile .]
  • ‘ Ndóe a l’ suna i campane gh’è bèc e pütane.
  • Dove suonano le   campane   ci sono becchi e puttane .
  • In tutti i paesi ci sono cornuti e prostitute.
  • Ògne ü ‘ncà sò al fà chèl’chèl’ghé’nnà òia.
  • Ognuno, casa sua, fa quel che gli pare.
  • Oia de fà saltèm adoss, che ma sa sposté.
  • Voglia di fare saltami addosso, che mi sposto.
  • Ol basì l’è l’ prim scalì.
  • Il bacino è il primo scalino.
  • Ól tròpp bo tépp a li schìsa l’oss dèl còll.
  • Il troppo buon tempo schiaccia l’osso del collo.
  • Ò gent ò argent.
  • Ògni boscon el gh’ha el sò oreggion.
  • Ògni fil d’erba al gh’ha la sua rusada.
  • Ol Signur l’è andà in ciel, i remedi j’ha lassaa in terra.
  • Ogni mórt de Èscof
  • Ogni morte di Vescovo
  • Una cosa che accade raramente
  • Ombrèll, dònn e orelòcc spazza sacòcc.
  • Ona ròbba se l’ha de vèss assee n’ha de vanzà. (Una cosa per essere abbastanza deve avanzare)
  • On bosch liga l’alter.
  • Ól vì bù l’è’l bastù di ècc.
  • Il buon vino è il bastone dei vecchi.
  • Ol Signùr l’ha perdunàt ól ladrù ma mìa spiù.
  • Gesù ha perdonato in croce il ladrone ma non Giuda .
  • cagà o lasà liber al büs.
  • Come a dire : “Agisci o togliti di mezzo”.
  • Quando, nei tempi passati, il watercloset era un semplice buco in cortile, la disponibilità di quest’ultimo era, evidentemente, prioritaria.
  • Per amùr o per mangià i se’ntent töcc i sàncc.
  • Per amore o per mangiare si capiscono tutti.
  • Per fà öna crus g’à öl du lègn, ü piö lóngh e ü piö pissèn.
  • Per fare una croce ci vogliono due legni, uno più lungo e uno più corto.
  • Pò ü pàl l’è bèl éstìt de cardinàl.
  • Anche un palo è bello vestito da cardinale .
  • Pulènta frègia, strachì che spössa l’è la baüssa di milanéss.
  • Polenta fredda e   stracchino   puzzolente ingolosiscono i milanesi.
  • Parlee men de quell che savii, mostrii men da quell ca gh’hii.
  • Paròla tasuda l’è mai scrivuda.
  • Per scampà on pezz ghe voeur bon zòccor, bon bròccol, bon capell e pòcch cervell.
  • Per Sòn Benedett, la rondina sotta al tecc.
  • Préicc, monaghe e frà
  • cavài da capél e poi lagài nà
  • Preti, monache e frati levarsi il cappello e poi lasciarli andare
  • Bisogna essere rispettosi con il clero, ma stare attenti a non farsi irretire.
  • Pifania, toeucc i fest ja mena via.
  • Pòlta e cagnon, ris in preson.
  • Pril, prilett, on dì còld, on dì fregg.
  • Prima de fà on amis mangia insemma on carr de ris.
  • Pu che viv e morì nò se poeù fa. (Più che vivere e morire non si può fare)
  • Puttòst che ròbba vanza, crepa panza!
  • Précc e frà, caàs el capel e lassai ‘ndà.
  • Preti e   frati , togliersi il cappello e lasciarli andare per la loro strada.
  • Prìma o dopo i rìa töcc söl bachetù.
  • Prima o poi tutti prendono una bastonata.
  • “Pòta!” a l’ diss i fracc quanc i sa scòta.
  • “Pota!” lo dicono i frati quando si scottano.
  • Pöta de ostér, caala de malghéss, aca de urtulana, porca de mulenér, lassàghele a chi gh’i a.
  • Ragazza da   osteria ,   cavalla   da malghese, mucca da ortolana,   porca   del   mugnaio , lasciarle ai loro padroni.
  • Per capí capésse, l’é a laorà che patésse.
  • Per capire capisco, è a lavorare che patisco.
  • Puchì al fa diertì
  • Piccolo fa divertire
  • Riferito al membro maschile.
  • Quando l’Albensa l’ g’à ol capel, ol piöf o l’ fà bel.
  • Quando l’Albenza ha il cappello, o piove o bel tempo.
  • Quando ol (Linsù) Resegù a l’ gh’à sö l’ capèl, mèt zó la ranza e ciapà ‘n di mà ol restèl.
  • Quando il (Linzone) Resegone ha il cappello, lascia da parte la falce e afferra il rastrello.
  • Quando i nass i è töi bèi, quando i se spûza i è töi sciòrr, quando i mör i è töi bràe.
  • Quando si nasce si è tutti belli, quando ci si sposa si è tutti ricchi, quando si muore si è tutti bravi.
  • Quando i rùndene i ula bass se te sét sènsa ombrèla slonga l’ pass.
  • Quando le rondini volano basso (rasoterra), se sei senza ombrello, accelera il passo.
  • Quand al Corniscioeu al gh’ha ‘l cappell, ò ‘l fa brutt ò ‘l fa bell.
  • Quand el ciel l’è faa a pan gh’emm l’acqua incoeu ò doman.
  • Quand el marì el va a fà terra la dònna la ven bella.
  • Quant i materocc e le sguisete i se sbàsa e i se met a rusulì l’è segn che la nef la öl vignì
  • Quando le passere selvatiche e le pispolette si abbassano e si mettono a gruppi
  • è segno che vuol nevicare.
  • Quand el sò el tramonta la massera la s’imponcia (s’emponta).
  • Quanche le fònne le ciapa mìa al menàcol le se tàca al tabèrnacol
  • Quando le donne rimangono insoddisfatte sessualmente si dedicano ad affari religiosi
  • Quand sè diènta ècc càla le àrie e crès i difecc
  • Quando si diventa vecchi calano le arie e crescono i difetti
  • Quand la montagna la gh’ha ligaa su el coo prest gh’emm l’acqua ai pee.
  • Quand el Mont al gh’ha su ‘l cappell, mett via la ranza, toeu scià el restell. (Quando il monte ha sul cappello, metti via la ranza, prendi il restello)
  • Quand pioeuv in agost bagna el bosch .
  • Quando piove in agosto bagna il bosco .
  • Quando la löna la fa la curuna, ol bèl tép ol me abanduna.
  • Quando la luna fa la corona, il bel tempo ci abbandona.
  • Quando l’om l’è sóta tèra, la dòna la se fa bèla.
  • Quando l’uomo è morto, la donna si fa bella.
  • Quando’l’piöff de la montàgna s’ciàpa la sàpa e s’và’n’campagna.
  • Quando la pioggia arriva dalla montagna (dalle Orobie alla città di Bergamo) è passeggera.
  • Quando l’ truna i lömaghe i se muntuna.
  • Quando tuona, le lumache si ammucchiano.
  • Quando l’ canta l’ gal fò de ura, se l’ gh’è ciàr a l’ se sniùla.
  • Quando il gallo canta fuori orario, se c’è sereno si rannuvola.
  • Quando l’cül al tìra la bràga l’è úra de petàga.
  • “Quando (la donna) indossa abiti stretti vuole essere corteggiata”.
  • Quando l’acua la fà i balù, gh’à de ‘ègnen amò ‘n vagù.
  • Quando piovendo si formano bolle nelle pozzanghere pioverà ancora a lungo.
  • Quando l’sùl al tramonta la ègia la spónta.
  • “Quando non c’è più tempo i tiratardi cominciano a lavorare.”
  • Quando l’ taca a ‘gnì ol pil grisì, lassa la fónna e taches al vi.
  • Quando inizia a diventare il pelo grigio, lascia la donna e attaccati al vino.
  • Róss de sera bèl tép se spéra, róss de matina l’acua l’è ‘isina.
  • Rosso di sera bel   tempo   si spera, rosso di mattina brutto tempo si avvicina.
  • Rar in camp e spess in del caldar.
  • Ròbba de stola, ròbba de gola.
  • Ràsa bergamasca, sòta la sender brasca.
  • La razza bergamasca, arde sotto la cenere (sembra fredda da fuori, ma nasconde un grande cuore)
  • Scùa nöa, scùa bé.
  • Scopa nuova, scopa bene .
  • Sé ègné mia ègne gnècc, se ègne gnècc ègne gnàcc, se so mia gnècc ègne mèj, alùra l’è mèj che ègne mia gnècc.
  • Se non vengo mi arrabbio, se mi arrabbio non vengo, se non mi arrabbio vengo meglio, allora è meglio che non mi arrabbio.
  • Spìör de nas, nutisie en viàs.
  • Prurito di naso, notizie in viaggio.
  • S’el pioeuv ol dì de l’Ascenza, per quaranta dì semm minga senza.
  • Se al trii de marz gh’è acqua, nev ò vent, per tòtt ol mes al dura ‘sto torment.
  • Se al trii da marz gh’è vent par quaranta dì ol se sent.
  • Sa ‘l pioeu a   Pasqua   g’avarem püsseé üga che frasca.
  • Se piove a Pasqua, avremo più uva che foglie.
  • San Biàs ga gèra a guta sòta ul nas.
  • A San Biagio gela la goccia sotto il naso.
  • San Giuàn fa minga ingàn.
  • San Giovanni non fa inganni.
  • San Sebastiàn, frégiu da can.
  • San Sebastiano, freddo da cani.
  • Santa Lüzìa, l’è ul dì püssé cürtu ca ga sia.
  • Santa Lucia, è il giorno più corto che ci sia.
  • Se fa bell la festa de San Gall el fa bell finna a Natal.
  • Se i oliv grappissen in masg, prepara el campasg, se grappissen in giugn, prepara el pugn.
  • Se nò l’è loff el sarà can.
  • Santicòl paìs de la sfortüna, l’inverno sensa sùl e l’istàt sensa lüna
  • Santicolo paese della sfortuna,d’inverno senza sole e in estate senza luna
  • Se pioeuv per San Giovann el succ el fà pocch dann.
  • Se ta gh’heet un sciocchett, tegnal lì per marzett.
  • Se te voeu che la messizia se mantegna ona man vaga e l’altra tegna.
  • S’el pioeuv a San March o a San Grigoeu l’uga la va tutta in cavrioeu.
  • Settember al dovaria vessegh semper.
  • Sant’Antone dala Barba Bianca fém troà che’l che me mànca
  • Sant’Antonio dalla barba bianca fatemi trovare quello che mi manca
  • Sònta Martina la trò giò gròn farina.
  • Sant’Anna la vòr on mòrt ne la fontana. (Sant’Anna vuole un morto alla fontana).
  • S’ol barbiss al va in guerra la soa cà l’è bele che atterraa.
  • Se té stantàet ü dé a nas, té nassìet co la cua.
  • Se aspettavi ancora un giorno prima di nascere, saresti nato con la coda.
  • Modo di dire per dare dell’asino a qualcuno
  • Se te öret giüdicà bé, mètet sèmper nei so pé
  • Se vuoi giudicare bene, mettiti nei suoi piedi   (ovvero panni)
  • Sentài zò se’n’ciàpa piö de ràcc.
  • A star seduti non si prendono topi (non si conclude nulla).
  • Signùr di poarècc chel dì sciòrr i è amò’n’lècc.
  • Signore dei poveretti, quello dei ricchi è ancora a letto.
  • Solcc e ròba i scont bé la gòba.
  • Soldi e roba nascondono bene la gobba.
  • Solcc e pecàcc l’è mal giüdicà.
  • Su soldi e peccati si giudica male.
  • Söche e melù a la sò stagiù.
  • Zucche e meloni alla loro stagioni   ossia   c’è un tempo per ogni cosa.
  • Sich sach de sòch sèch, i è car ach a cà
  • Cinque sacchi di legna secca, sono cari anche a casa.
  • S’gh’à de crèd metà de chèl che s’vèd e negót de chèl che s’sènt
  • Bisogna credere a metà di ciò che si vede e a niente di ciò che si sente.
  • Sul aböcc aböcc acqua sòta ai öcc
  • Sole che va e che viene porta pioggia.
  • Súra glòria, sóta misericòrdia.
  • “A ricchezza ostentata si nasconde miseria.”
  • Tàcé có, tàte cràpe; tàcé cüi, al döpe i ciàpe.
  • Tante teste, idee diverse; tanti culi, chiappe diverse.
  • Té sé compagn del Michelàss: a l’ màia, a l’ biv e l’ va a spass.
  • Sei come il Michelasso   (o   Michelaccio : mangia, beve e vai a spasso.
  • Te manca trènta a andà a trentü.
  • Ti manca trenta ad arrivare a trentuno.
  • ‘ Dicesi di persona quasi completamente priva di cervello’.
  • Té fét la vida del bel campà: màia, a l’ biv e l’ fa menà.
  • Fai la vita del bel campare: mangiare, bere e farlo menare (masturbarsi).
  • ‘ Dicesi a persone pigre’.
  • Tale qual se ara, se arpega.
  • Tri dònn e ona gaina fann mercaa tutta mattina. (Tre donne e una gallina fanno mercato tutta mattina).
  • Tancc i sa tancc nigù i sa tucc
  • Tanti sanno tanto nessuno sa tutto
  • Tucc i bindù gà le sò devosiù
  • Tutti i lazzaroni hanno i loro santi protettori
  • Cumudàla sa de sùra de Bré
  • Sisemarla al di sopra di Breno’
  • Si dice in alta valle quando si risolvono le questioni senza appellarsi al tribunale locale
  • Tre còss impossibel: fà tasè i dònn, fà corr i vegg, fà stà fòrt i bagaj.
  • Tan cò, tan züchi.
  • Tante teste, tante zucche.
  • Tre dònn, marcà da Saròn.
  • Tre donne, fanno il mercato di Saronno.
  • Tutt i cà hinn faa da sass, ognuna ha ‘l sò fracass.
  • Tépp e sólcc i sistéma töt.
  • Tempo e soldi sistemano tutto .
  • Tri dòne in d’öna cà i va decórde quando öna comànda, ün’otra l’è mórta e la tèrsa l’è pitüràda söla pórta. Tre donne, in una casa, vanno d’accordo quando una comanda, un’altra è morta e la terza è pitturata sulla porta.
  • Té che té Tàkèt i Tàk, tàchèm a mé i mé tàcc. Mè teccàt i tàcc a tè? taccèti tè i tò tàk, tè che te tàkèt i tàk Te che attacchi i tacchi, attami i miei tacchi. Io attaccarti i tacchi? attaccali te i tuoi tacchi, te che attacchi i tacchi ó
  • Utuber te se bell, se l’è fen l’è in cassina e’l vin in del vassell. (Ottobre sei bello, se il fieno è nella cascina e il vino nel fiaschetto)
  • Val püsseé un andà che cént andem Vale di più un andare che cento andiamo
  • Vià’l gàtt bàla ol ràtt. Via il gatto balla il topo .
  • Viva la figa e chi la spisiga. Viva la vagina e chi la pizzica.’
  • Viva la brogna e chi la spalpogna. Viva la prugna (vagina) e chi la palpa.’
  • Viva la vagia e chi la masagia. Viva la vagina e chi la massaggia.’
  • Vendembia temporida de spess la va fallida.
  • Vòst tal e qual el troeuva el loeuva.
  • Val pussè on “andà” che cent “andemm”.
  • Zucch e dònn brutt ghe n’è da par tutt. (Di zucche e donne brutte ce n’è per tutti).
  • Zucch e melon à la sua stagion.
  • Zó de vài, só de dòs, nó ssè mài a Lóh. Giù per le valli, su per i dossi, non s’arriva mai a Lozio.

Proverbi della Puglia

– I proverbi, in quanto patrimonio di conoscenze acquisite con l’esperienza di generazioni, davano conforto e sicurezza alla società che li utilizzava perché preparavano ad affrontare i diversi aspetti della realtà, anche negativi, e superarli. Rassegna dei più belli e famosi proverbi Pugliesi Centro Storico Bari Vecchia Pane e p’m’dor mett sagn’ e ch’lor –…

Continua a leggere

Proverbi del Veneto

Rassegna dei più belli e famosi proverbi Veneti. A chi nasse sfortunai, ghe piove sul cul a star sentai.
Chi è sfortunato, gli piove sul culo anche da seduto.

Continua a leggere

Proverbi della Basilicata

– I proverbi, in quanto patrimonio di conoscenze acquisite con l’esperienza di generazioni, davano conforto e sicurezza alla società che li utilizzava perché preparavano ad affrontare i diversi aspetti della realtà, anche negativi, e superarli. Rassegna di proverbi della Lucania Megghj ric d’sangue ca ric d’sold.Meglio essere in buona salute che ricco. Quann lu ciucc…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.