Pianeta Terra: l’elemento dominante è H2O Acqua

Rapporto sulle Risorse Idriche del Territorio Italiano di ISPRA

L’acqua è una risorsa fondamentale per la vita umana, animale e vegetale sulla terra ed il suo uso e la sua reperibilità sono tra i principali problemi che gli amministratori del territorio devono oggi affrontare, alla luce dell’incremento demografico mondiale e delle esigenze idriche sia dei singoli individui che delle attività agricole ed industriali ad essi connesse.

L’Istituto per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) è una Struttura Scientifica che ha tra i suoi compiti istituzionali anche quelli di approfondire la conoscenza delle caratteristiche idrologiche ed idrogeologiche del territorio italiano, mediante studi e ricerche sulla formazione, distribuzione e circolazione delle acque superficiali e sotterranee in relazione alle caratteristiche geologiche del suolo/sottosuolo, anche in funzione della disponibilità quanti/qualitativa di questa importante risorsa.

In particolar modo il Dipartimento per il Servizio Geologico d’Italia tratta approfonditamente le tematiche attinenti all’idrogeologia seguendo i lineamenti normativi evidenziati dalla prima legge organica di difesa del suolo (Legge n.183/1989) e da quelle successive, tra cui la Legge n.267/1998 che ha introdotto i Piani di Assetto Idrogeologico (PAI) ed il Decreto Legislativo 152/2006 di recepimento della Direttiva Europea 2000/60 che riguarda nel suo complesso il ciclo delle acque sotto tutti i suoi aspetti, sia gestionali che ambientali.

Questo “Rapporto” su “Le risorse idriche nel contesto geologico del territorio italiano. Disponibilità, grandi dighe, rischi geologici, opportunità”, redatto da un esperto idrogeologo del Dipartimento per il Servizio Geologico d’Italia dell’Istituto, ha pertanto lo scopo di fornire alla Comunità Scientifica ulteriori dati su questa tematica, ampliando la conoscenza sull’entità delle risorse idriche e sul loro utilizzo anche nelle opere di sbarramento artificiale per la creazione di invasi e sulla connessa relazione
con i “rischi” naturali, come quello sismico, tettonico, geomorfologico ed idraulico.

Il quadro complessivo che emerge da questa ricerca potrà permettere agli studiosi del settore ed a coloro che devono gestire il territorio di avere ulteriori elementi conoscitivi in grado di garantire piani di sviluppo ambientale e sociale compatibili con le potenzialità idriche del territorio e con la sicurezza delle popolazioni ivi presenti.

Scarica il Rapporto sulle Risorse Idriche ISPRA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.