PALERMO arabo-normanna e le Chiese Cattedrale di Cefalù e Monreale

Situata sulla costa settentrionale della Sicilia, la Palermo arabo-normanna comprende una serie di nove strutture civili e religiose risalenti all’epoca del regno normanno di Sicilia (1130-1194): due palazzi, tre chiese, una cattedrale, un ponte, così come le cattedrali di Cefalù e Monreale.

Cattedrale di Cefalù

Nel loro insieme, sono un esempio di sincretismo socio-culturale tra le culture occidentale, islamica e bizantina dell’isola che ha dato origine a nuovi concetti di spazio, struttura e decorazione. Inoltre testimoniano la feconda convivenza di persone di origini e religioni diverse (musulmana, bizantina, latina, ebraica, lombarda e francese).

Cattedrale di Monreale

Eccezionale valore universale

Situato sulla costa settentrionale dell’isola italiana di Sicilia, Palermo arabo-normanna e le Chiese Cattedrale di Cefalù e Monreale è una serie di nove strutture religiose e civili risalenti all’era del regno normanno di Sicilia (1130-1194).

Palazzo Reale o dei Normanni PALERMO
La Cappella Palatina è una basilica a tre navate che si trova all’interno del complesso architettonico di Palazzo dei Normanni a Palermo.

Due palazzi, tre chiese, una cattedrale e un ponte si trovano a Palermo, capitale del regno, e due cattedrali si trovano nei comuni di Monreale e Cefalù. Collettivamente, sono un eccezionale esempio di sincretismo socio-culturale tra culture occidentali, islamiche e bizantine.

Questo scambio ha dato origine a un’espressione architettonica e artistica basata su nuovi concetti di spazio, struttura e decorazione che si sono diffusi ampiamente in tutta la regione mediterranea.

Palazzo Zisa PALERMO

I monumenti che compongono questa proprietà seriale di 6,235 ettari includono:

  • il Palazzo Reale e la Cappella Palatina;
  • Palazzo Zisa;
  • Cattedrale di Palermo;
  • Duomo di Monreale;
  • Duomo di Cefalù;
  • Chiesa di San Giovanni degli Eremiti;
  • La Chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio o Martorana;
  • Chiesa di San Cataldo;
  • Ponte dell’Ammiraglio.
Cattedrale di Palermo
Church of San Giovanni degli Eremiti, Palermo

Ognuna illustra aspetti importanti del sincretismo multiculturale occidentale-islamico-bizantino che caratterizzò il regno normanno di Sicilia durante il XII secolo. L’innovativa rielaborazione di forme architettoniche, strutture e materiali e i loro trattamenti artistici, decorativi e iconografici – in particolare i ricchi ed estesi mosaici di tessere, pavimenti in opus sectile, intarsi, elementi scultorei, dipinti e arredi – celebrano il fecondo convivenza di persone di origini diverse.

Criterio (ii)

la Palermo arabo-normanna e le Chiese Cattedrale di Cefalù e Monreale testimoniano una particolare condizione politica e culturale caratterizzata dalla feconda convivenza di popoli di diversa origine (musulmana, bizantina, latina, ebraica, lombarda e francese) . Questo scambio ha generato una combinazione consapevole e unica di elementi derivati ​​dalle tecniche architettoniche e artistiche delle tradizioni bizantine, islamiche e occidentali. Questo nuovo stile ha contribuito allo sviluppo dell’architettura del versante tirrenico dell’Italia meridionale e si è diffuso ampiamente in tutta la regione mediterranea medievale.

CHiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio o Martorana
Criterio (iv)

la Palermo arabo-normanna e le Chiese Cattedrale di Cefalù e Monreale è un eccezionale esempio di sintesi stilistica che ha creato nuovi concetti spaziali, costruttivi e decorativi attraverso la rielaborazione innovativa e coerente di elementi di culture diverse.

Integrità

Le varie proprietà includono tutti gli elementi necessari per esprimere il loro Valore universale eccezionale, comprese le opere religiose, civili e di ingegneria, ed è quindi di dimensioni adeguate per garantire la rappresentazione completa delle caratteristiche e dei processi che trasmettono il significato delle proprietà le quali non subiscono nessun effetto negativo dallo sviluppo o dall’incuria.

Chiesa di San Cataldo PALERMO

Autenticità

Il valore culturale della proprietà e delle sue singole componenti è espresso in modo veritiero e credibile attraverso attributi come la loro posizione e ambientazione, forme e design, materiali e sostanze, usi e funzioni. L’autenticità dei mosaici in particolare è stata confermata da esperti nel campo dei mosaici bizantini.

Requisiti di protezione e gestione

Ponte dell’Ammiraglio – PALERMO

I nove componenti della proprietà seriale sono di proprietà di vari enti governativi e religiosi. Hanno ottenuto il massimo livello di protezione stabilito dalla legislazione nazionale ai sensi del Codice italiano del patrimonio culturale e paesaggistico del 2004.

Inoltre, la Chiesa di San Giovanni degli Eremiti, la Chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio (Chiesa della Martorana) e la Cattedrale di Monreale sono state designate individualmente come Monumenti Nazionali.

Le zone cuscinetto di Livello I e Livello II sono tutelate in virtù delle normative e degli indirizzi urbanistici degli attuali strumenti di pianificazione del territorio.

Un sistema di gestione e un piano di gestione per la proprietà seriale nel suo insieme sono stati definiti in un memorandum d’intesa.

Il Memorandum istituisce un Comitato direttivo composto da rappresentanti dei proprietari, dei dirigenti e delle istituzioni responsabili delle nove componenti. Questo Comitato specificherà le attività da svolgere annualmente e la Fondazione Siciliana per il Patrimonio UNESCO attuerà le decisioni del Comitato.

Il Piano di Gestione include una descrizione della proprietà seriale e dei suoi componenti; il sistema di protezione, pianificazione e controllo per la proprietà, le zone cuscinetto e l’ambiente; pianificazione esistente a livello civico e regionale; il sistema di gestione; il contesto territoriale; e piani d’azione.

Le sfide a lungo termine per la protezione e la gestione della proprietà includono l’eliminazione o l’attenuazione delle conseguenze delle azioni umane (atti di vandalismo, furto, incendio); fenomeni degenerativi provocati dalle pressioni del turismo di massa, comprese le navi da crociera; disastri ambientali (terremoti, frane, alluvioni, inquinamento), in particolare per monumenti soggetti a rischio sismico; e degrado socio-economico dei centri storici urbani.

Queste potenziali vulnerabilità e minacce all’eccezionale valore universale, all’autenticità e all’integrità della proprietà devono essere affrontate completamente dal piano di gestione e dalla struttura di gestione.

© whc.unesco.org

ISOLE EOLIE

Le Isole Eolie forniscono un record eccezionale di costruzione e distruzione di isole vulcaniche e di fenomeni vulcanici in corso. Studiate almeno dal XVIII secolo, le isole hanno fornito alla scienza della vulcanologia esempi di due tipi di eruzione (Vulcaniana e Stromboliana) e quindi hanno avuto un posto di rilievo nell’istruzione dei geologi per più…

Continua a leggere

FIRENZE, Centro storico

Patrimonio Mondiale dell’ Umanità UNESCO Santa Maria el Fiore © Limes.Media/Tim Schnarr Costruito sul sito di un insediamento etrusco, Firenze, simbolo del Rinascimento, raggiunse il primato economico e culturale sotto i Medici nel XV e XVI secolo. I suoi 600 anni di straordinaria attività artistica sono visibili soprattutto nella cattedrale del XIII secolo (Santa Maria…

Continua a leggere

TOSCANA, Ville e giardini medicei

Dodici ville e due giardini sparsi nel paesaggio toscano compongono questo sito che testimonia l’influenza esercitata dalla famiglia Medici sulla cultura europea moderna attraverso il suo mecenatismo. Costruite tra il XV e il XVII secolo, rappresentano un innovativo sistema di costruzione in armonia con la natura e dedicato al tempo libero, alle arti e al…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *