L’orto dei frutti dimenticati, ViVi green!

Tra i tanti orti e giardini sparsi per l’Italia, dedicati ai frutti antichi, ve ne è uno molto particolare. È “L’Orto dei frutti dimenticati”, nato nel 1990 da un’idea del poeta Tonino Guerra, e si trova a Pennabilli, in provincia di Rimini. Nell’orto si trovano alberi da frutto un tempo molto diffusi negli orti delle case contadine delle campagne appenniniche, ma che oggi, non essendo più coltivati, vanno scomparendo.

Passeggiando nell’Orto di Pennabilli, si possono vedere la pera cotogna, la corniola (una sorta di ciliegia allungata), il giuggiolo, l’uva Spina, la ciliegia cuccarina, il biricoccolo (susina blu con la buccia vellutata come quella dell’albicocca) e tante altre varietà che l’agricoltura moderna ha quasi fatto scomparire.

Ma ciò che rende davvero speciale questo Orto è il modo in cui queste piante sono disposte e gli ambienti che sono stati creati per sperimentare, immaginare e meditare, come il Bosco incantato, un labirinto formato da steli in pietra scolpite con i simboli della pigna e della ghianda, al cui centro una lumaca in bronzo invita alla lentezza e alla riflessione; o come la Meridiana umana, in cui il visitatore si può sostituire allo “gnomone” (l’asticella degli orologi solari), ponendosi al centro del quadrante orizzontale, in modo che la sua ombra indichi l’ora solare; o la Voce della foglia, una fontana in cui l’acqua zampilla “saltando” da una foglia di legno alta tre metri per ricadere sulla pietra circolare di un vecchio mulino ed essere raccolta da bianchi sassi di fiume. E tanti altri ancora…

Gli alberi da frutto coltivati all’interno dell’orto comprendono svariate specie di mele, la pera cotogna, la corniola, il giuggiolo, l’uva spina, la ciliegia cuccarina, il biricoccolo, il sorbo, il nespolo, more e mirtilli. Con il tempo si è arricchito di altri arbusti come le buddleie che fiancheggiano il sentiero delle farfalle, ed “il gelso della pace” messo a dimora per ricordare il XIV Dalai Lama, Tenzin Gyatso, in visita a Pennabilli il quindici giugno1994 per rendere omaggio alla casa natale di padre Francesco Orazio Olivieri, missionario in Tibet, in occasione del 250° anniversario della morte.

L’orto non accoglie solo antichi sapori ed arbusti ma anche sculture ed opere di artisti contemporanei e dello stesso Tonino Guerra.

Elenco delle specie presenti nell’Orto:

MELIPERISUSINI
annurca
campanino
cotogno
decio verde
del bare quise
durello
durello giallo
lavina bianca
limoncella
mela Luigi
pupino
renetta
renetta grigia del Canada
renetta stellata
rosa romana
ruggine
scudellino
verdone
butirra Mardy
campagnina
cotogno
curato
garofanino
la paira cotta
la praza
martin pescatore
Martin secco
mora di Faenza
moscatello gambolungo
pero vecio
San Giovanni
San Pietro
scipiona
spadona estiva
volpino
zugnin
biricoccolo
gostiniana
luglienga
rusticano
CILIEGIPESCHIFICHI
durone marchigiano
visciola
anna balducci
buco incavato
gianbela
hale
brogiotto bianco
verdino

ALTRI FRUTTI:
mora, lampone, mirtillo, melograno, nespolo della goccia, giuggiolo, uva spina, ribes bainco, ribes rosso, ribes nero, azzeruolo rosso, azzeruolo giallo, mandorlo, sorbo, noce, ciliegia cuccarina, gelso, nespolo del giappone, kaki, nocciolo, corniolo

Fonte isprambiente.gov.it

Pompelmo, Citrus paradisi

Quest’albero ha dei frutti davvero importanti per le loro proprietà salutari e anche per il loro gusto inconfondibile. I pompelmi fanno molto bene in quanto sono ricchi di vitamina C. Contengono diversi sali minerali, acqua, vitamine, fibre e la quantità di zuccheri non eccessiva fa in modo che possano essere indicati come frutti consigliati nelle…

Leggi di +

Antiche Faggete. Patrimonio dell’Umanità UNESCO

Si estendono dalla Emilia Romagna alla Basilicata le dieci Antiche Faggete italiane riconosciute come Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO per il loro eccezionale valore naturalistico e per l’incredibile biodiversità che le contraddistingue. Le Antiche Faggete italiane rientrano nel contesto del sito ambientale transnazionale delle “Foreste primordiali dei faggi dei Carpazi e di altre regioni d’Europa”.

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.