La Scozia prevede di proteggere il 30% della sua terra per aumentare la biodiversità

Il governo scozzese ha annunciato piani per proteggere il 30% della terra, per aumentare la biodiversità e affrontare il cambiamento climatico.

Ha circa 30.000 laghi d’acqua dolce, incluso Loch Ness. La Scozia è famosa per whisky, haggis e paesaggi mozzafiato; dolci colline, montagne innevate.

Ospita anche circa 90.000 specie di animali, microbi e piante. Ora vengono proposti piani per proteggere fino a un terzo della sua natura. Se emanate, le nuove leggi aiuteranno a salvaguardare la biodiversità scozzese e l’economia naturale, che è stata valutata circa $ 39 miliardi.

“Affrontare le crisi gemelle del cambiamento climatico e della perdita di biodiversità è una delle sfide più importanti di questa generazione”

Roseanna Cunningham Segretaria per l’Ambiente Scozzese

I piani vedrebbero il 30% della terra scozzese ottenere lo status protetto – dal 22,7% – e il governo esaminerà le opzioni per estenderlo ulteriormente. Attualmente, il 37% dell’ambiente marino scozzese riceve protezione.

Il governo scozzese dovrebbe anche aggiornare il suo piano per il cambiamento climatico, con soluzioni basate sulla natura, incluso il ripristino delle torbiere e della creazione di boschi, che dovrebbero essere al centro delle proposte.

Esistono collegamenti diretti tra la salute del mondo naturale e l’economia globale. “Si stima che gli impollinatori come api, uccelli e farfalle siano responsabili di raccolti per un valore compreso tra 235 e 577 miliardi di dollari ogni anno”, secondo il WWF Living Planet Index 2020.

Le minacce combinate di cambiamento climatico, perdita di habitat, malattie, inquinamento e parassiti stanno esercitando una pressione crescente sugli insetti impollinatori e su molte altre creature viventi. Dagli anni ’70, le popolazioni globali di anfibi, uccelli, pesci, mammiferi e rettili sono crollate di circa il 68%, afferma il WWF.

Il Loch Ness scozzese, sede dell’omonimo mostro mitico, fa parte di una serie di importanti siti ecologici. Contiene 7.452 milioni di metri cubi d’acqua: più di tutti i laghi in Inghilterra e Galles sommati. I laghi si sono formati dall’erosione glaciale durante l’ultima grande era glaciale e possono essere importanti habitat naturali.

Nonostante le loro posizioni remote, devono affrontare minacce da due fonti particolari. Uno è l’inquinamento, che può modificare l’equilibrio dei nutrienti nell’acqua. L’altro è un aumento del numero di specie vegetali invasive che trovano la loro strada nell’ecosistema.

L’iniziativa Young Global Leaders del World Economic Forum sta lavorando in collaborazione con la National Geographic Society e altre comunità per affrontare alcuni di questi problemi. Annunciata nel 2019, la sua campagna per la natura sta cercando di promuovere la biodiversità e la gestione ecologica. Uno degli obiettivi della campagna per la natura è proteggere almeno il 30% del mondo naturale entro il 2030, cosa che fa eco nei piani per l’ambiente naturale della Scozia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *