La rivoluzione silenziosa dell’Acqua

I dati, gli strumenti e il dialogo per una governance sostenibile
23 marzo p.v. alle ore 8,30 a ROMA presso la sede del CNR – Piazzale Aldo Moro 7.

La nuova Direttiva (UE) 2020/2184 sulla qualità delle acque destinate al consumo umano introduce un approccio olistico alla sicurezza dell’acqua che prevede nuovi modelli di analisi e di gestione dei rischi di contaminazione estesi dal ciclo naturale dell’acqua al ciclo idrico integrato.
La Direttiva rivoluziona il sistema di controlli esistente, di tipo retrospettivo, con un criterio preventivo, basato sull’analisi delle situazioni di potenziale pericolo che potrebbero verificarsi in tutta la filiera.
L’approccio basato sul rischio garantirà la condivisione di modelli strutturati (piani di gestione della sicurezza dell’acqua), gli scambi e la comunicazione tra le autorità pubbliche competenti e i fornitori di acqua, e garantirà, quindi, un ciclo di governance completo dell’acqua.
L’incontro vuole affrontare le ricadute dovute alla trasposizione della Direttiva nell’ordinamento italiano. In particolare sarà affrontato il tema del necessario dialogo tra i diversi attori di settore.

In tale contesto verranno presentate le attività e gli obiettivi raggiunti dal progetto WHOW (Water Health Open knoWledge) finalizzato alla creazione di una infrastruttura distribuita europea sui dati ambientali e impatto sulla salute.

Location : Sede Centrale CNR – Piazzale Aldo Moro, ROMA
Registrazione: per partecipare all’evento è necessario registrarsi usando il seguente form

https://www.isprambiente.gov.it/it/events/la-rivoluzione-silenziosa-dell-acqua/registration-form


Agenda
8:30 – 9:15 Registrazione
9:15 – 9:45 Saluti istituzionali
Maria Chiara CARROZZA, Presidente CNR ; Aldo GANGEMI, Direttore CNR ISTC
Stefano LAPORTA, Presidente, ISPRA-SNPA
9:45 – 10:15
Relatore: Silvia BARTOLINI, Head of Unit, Marine Environment & Clean Water Services, DG ENV, Commissione Europea
Intervento: Il Green Deal Europeo e le politiche per l’acqua: principali novità, sfide e opportunità per il futuro
10:15 – 11:00
Politiche acqua e salute e trasposizione della Direttiva sulle acque potabili
Relatore: Pasqualino ROSSI, Direttore Direzione generale della prevenzione sanitaria, Ministero della Salute
Intervento: Politiche acqua e salute e prospettive globali
Relatore: Enrico VESCHETTI, Primo ricercatore, Istituto Superiore di Sanità, Dipartimento Ambiente e salute
Intervento: Direttiva sulle acque potabili: Governance e implementazione
11:00-11:30 COFFEE BREAK
11:30-12:00
Relatore: Giuseppe LO PRESTI, Direttore Generale, Direzione generale uso sostenibile del suolo e delle risorse idriche, Ministero dell’Ambiente e
della Sicurezza Energetica
Intervento: Dialogo ambiente, acque e salute: il ruolo del MASE
12:00-12:30
Relatore: Elena GALLO, Vicedirettore Direzione Sistemi Idrici, Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente
Intervento: Come cambiano i monitoraggi e sistemi di controllo
12:30-13:00
Relatore: Carmen CICIRIELLO, Coordinatrice progetto WHOW – Water Health Open knoWledge
Intervento: Fare sistema: Il valore dei dati Acqua-Salute
13:00-14:00 LUNCH BREAK
13:00 14:00 LUNCH BREAK
Esperienze di condivisione dei dati
14:00-14:25
Relatore: Elena GIGLIA, Responsabile Unità di progetto Open Science, Università di Torino
Intervento: Il valore degli Open Data: accesso e condivisione a beneficio di tutti
14:25-14:50
Relatore: Michele MUNAFO’, Dirigente Servizio per il sistema informativo nazionale ambientale, ISPRA
Intervento: I dati ambientali a supporto delle politiche di sostenibilità a livello nazionale ed europeo. Il ruolo di ISPRA e del Sistema Nazionale per
Protezione dell’Ambiente
14:50-15:15

5 – H2o Le acque sotterranee Gli ecosistemi

Gli ecosistemi dipendenti dalle acque sotterranee (GDE) sono presenti in diverse aree, dalle valli di alta montagna ai fondali oceanici, compresi anche i deserti. Le acque sotterranee alimentano il flusso di base di fiumi e torrenti; si tratta di una fonte essenziale di acqua da cui dipende il rischio di prosciugamento di questi corsi durante…

Leggi di +

06 Acqua in città – Acqua in eccesso Conseguenze e misure

Non disporre di sufficiente acqua può essere abbastanza sgradevole, ma averne troppa può essere disastroso. Nel 2002, Praga subì devastanti inondazioni, a causa delle quali 17 persone persero la vita e 40000 dovettero essere evacuate, con danni complessivi per un miliardo di euro. A partire da quel disastroso evento, la città ha investito molto nello…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *