La Germania prende il comando nella corsa globale alle Zero Emissioni con un nuovo obiettivo

L’obiettivo del gigante industriale di eliminare le emissioni entro il 2045 è il più ambizioso tra le principali economie

La Germania sta scuotendo il movimento globale per il clima con una sola dichiarazione.

La coalizione di governo del cancelliere Angela Merkel ha dichiarato mercoledì che punterà ad eliminare le emissioni di gas a effetto serra entro il 2045, cinque anni prima del suo obiettivo precedente e la tempistica più breve tra le principali economie. I responsabili politici stanno lavorando a una nuova legge sul clima che aumenterà gli obiettivi di riduzione a breve termine della Germania al di sopra dei suoi pari dell’Unione europea.

La decisione coraggiosa si distingue anche in un momento in cui alcuni dei maggiori inquinatori fanno promesse monumentali. La Cina ha sorpreso il mondo a settembre con un impegno per il 2060, gli Stati Uniti vogliono dimezzare le emissioni entro il 2030 e persino l’India è sotto pressione per fissare un obiettivo zero netto. Il nuovo obiettivo della Germania la pone davanti a tutti questi paesi e potrebbe aprire la strada ad altri per aumentare le loro ambizioni.

“Aiuterà assolutamente altri paesi europei e alcuni al di fuori di andare più velocemente verso lo zero netto”, ha affermato Richard Black, senior associate presso l’Energy & Climate Intelligence Unit. “Se la Germania lo fa, è un segnale agli altri paesi che è una cosa abbastanza sensata da fare”.

Raggiungere lo zero netto entro il 2045 è un’impresa enorme. La Germania dovrà tagliare le emissioni non solo dal settore elettrico che beneficia di energie rinnovabili e batterie più economiche, ma anche da fabbriche che producono acciaio e cemento che non hanno ancora alternative economiche pulite.

Emissioni della Germania
Raggiungere lo zero netto entro il 2045 richiederà forti riduzioni dal 2025 in poi

L’obiettivo è raggiungibile, secondo un rapporto pubblicato il mese scorso dal think tank Agora Energiewende. Per arrivarci, la Germania dovrà raddoppiare il ritmo di riduzione delle emissioni a 30 milioni di tonnellate all’anno nei prossimi 25 anni, in gran parte aumentando la fornitura di energia rinnovabile anche quando le centrali a carbone, gas e nucleari sono chiuse.

La produzione di energia da carbone dovrà essere gradualmente eliminata entro il 2030, prima dell’attuale obiettivo del 2038. Le emissioni industriali possono essere affrontate introducendo metodi più puliti di produzione dell’acciaio e incentivando l’uso dell’idrogeno verde. Le case e gli uffici dovrebbero ridurre la loro impronta di carbonio implementando 6 milioni di pompe di calore e crescendo le reti di teleriscaldamento.

Una delle sfide principali sarà quella di affrontare l’inquinamento provocato dalla sua industria automobilistica dominante. La Germania avrà bisogno di 14 milioni di veicoli elettrici su strada entro la fine del decennio, ha dimostrato lo studio Agora, rispetto ai 10 milioni a cui si rivolge attualmente. In passato, l’influente lobby automobilistica ha respinto gli sforzi per ridurre l’inquinamento e ha respinto le richieste per un futuro esclusivamente elettrico. Ma con giganti come Volkswagen AG e Daimler AG che stanno pianificando una rapida elettrificazione delle loro flotte, potrebbe essere possibile un divieto un tempo impensabile delle auto con motore a combustione.

Per contribuire a finanziare la trasformazione, il ministro dell’Economia Peter Altmaier ha proposto di istituire un fondo privato che sarebbe in grado di contrarre debiti senza che questo comparisse nei conti del governo federale e violando i limiti costituzionali al prestito.

Anche l’aumento del prezzo europeo per l’emissione di CO₂ aiuterà. All’inizio di questa settimana, i futures sul mercato del carbonio dell’UE hanno superato per la prima volta i 50 euro ($ 60) per tonnellata. “L’interesse della Germania ora sarà quello di mantenere il prezzo del carbonio abbastanza alto”, ha detto Black.

Diversi fattori hanno portato all’annuncio del 2045. In una sentenza senza precedenti la scorsa settimana, la più alta corte tedesca ha affermato che la legge sul clima esistente mette a rischio il futuro dei giovani lasciando la maggior parte dei suoi tagli alle emissioni a dopo il 2030. Il partito dei Verdi è balzato avanti nei sondaggi prima delle elezioni di settembre mentre gli elettori si concentrano su il cambiamento climatico come una questione importante, facendo pressione sulla coalizione della Merkel per aumentare le sue credenziali verdi.

Carta di Venezia Climate Change

L’”acqua granda” che ha colpito Venezia a novembre 2019, con danni ingenti sofferti dalle persone, dalle cose e dal territorio, ben rappresenta la metafora del futuro che attende l’umanità nei prossimi decenni, una volta rotto un equilibrio essenziale. Mentre invece è tutta la storia di Venezia, caratterizzata per un millennio dal perseguimento lucido, razionale, modernissimo,…

Leggi di +

Mobilità ferroviaria sempre più green, sempre più sostenibile!

Riduzione di consumi ed emissioni, introduzione di nuove tecnologie come i motori a idrogeno, attenzione alla circolarità di processi e materiali: come cambia il settore ferroviario per essere sempre più green. Nonostante la forte battuta d’arresto causata dalla pandemia di Covid-19, nel prossimo futuro la domanda globale di mobilità non è destinata a scendere. Le ferrovie extraurbane…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *