Il percorso verso un futuro più verde inizia nelle nostre città

Città e urbanizzazione

Le città sono i maggiori contributori al cambiamento climatico e la nostra migliore opportunità per affrontarlo


Le città generano oltre il 60% delle emissioni globali di CO2. Rendere il nostro ambiente costruito più sostenibile è vitale se vogliamo affrontare il cambiamento climatico. Le tecnologie digitali collegate a sistemi elettrici più efficienti e rispettosi del carbonio possono dare il via al cambiamento di cui abbiamo bisogno.
I dati non mentono e ciò che ci dicono è che le città consumano il 78% dell’energia primaria del mondo e generano oltre il 60% di tutte le emissioni di carbonio, con i maggiori contributi che sono gli edifici, la produzione di energia e i trasporti.

È stato suggerito che i cambiamenti nel comportamento individuale e aziendale apportati durante la pandemia COVID-19, come un aumento del lavoro a distanza e meno viaggi internazionali, potrebbero aumentare gli sforzi per combattere il cambiamento climatico. Questa sarebbe una buona notizia, ma studi recenti indicano che l’impatto netto di COVID-19 sul riscaldamento globale sarà trascurabile a meno che non vengano intraprese azioni molto più aggressive, di vasta portata e sostenute. Ciò significa non solo dare uno sguardo attento alla nostra routine quotidiana e alle pratiche aziendali, ma anche ripensare e trasformare i luoghi fisici in cui viviamo e lavoriamo, con al centro l’esperienza delle persone, la salute pubblica e gli obiettivi di sostenibilità.

Secondo l’Alleanza globale per gli edifici e le costruzioni, il 28% delle emissioni globali di CO2 proviene dalle operazioni di costruzione. Aggiungi materiali da costruzione e costruzioni e questo numero sale al 38%, rendendo gli edifici la principale fonte di emissioni di CO2. Questi numeri sono profondamente preoccupanti e tuttavia raccontano solo una parte della storia.

Le città sono al centro del nostro viaggio verso lo zero netto. Ecco perché

Si prevede che entro il 2050 la popolazione mondiale raggiungerà quasi i 10 miliardi, con la stragrande maggioranza di questa crescita che si verificherà nelle nostre città. Per soddisfare questa domanda, il patrimonio edilizio globale dovrebbe raddoppiare nei prossimi decenni. Gran parte di questa crescita si verificherà nei paesi in cui i codici energetici degli edifici obbligatori sono limitati o inesistenti. Eppure sappiamo che gli edifici devono essere ammodernati. Dobbiamo interrompere il circolo vizioso in base al quale le emissioni urbane aumentano l’imprevedibilità del tempo e, con il persistere di ondate di freddo e ondate di calore, viene utilizzata più energia per il riscaldamento e l’aria condizionata.

Unire le forze

Il compito che ci attende è scoraggiante. Il World Green Building Council stima che ogni edificio del pianeta debba essere a “zero emissioni di carbonio” entro il 2050 per mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 ° C, ma attualmente meno dell’1% del patrimonio edilizio globale soddisfa questo standard. Trasformare il modo in cui progettiamo, costruiamo e gestiamo gli edifici non può essere lasciato a nessun settore.

Piuttosto, dobbiamo agire ora per unire le forze in tutti i settori e tra i settori pubblico e privato. Oggi possiamo aggiornare in modo sostenibile gli edifici esistenti con l’aiuto di soluzioni interoperabili digitali basate su standard. Non abbiamo necessariamente bisogno di costruire strutture nuove di zecca. Gli edifici esistenti possono essere trasformati in edifici resilienti e autosufficienti del futuro in grado di generare e gestire i propri bisogni energetici, supportando la transizione alle flotte di veicoli elettrici e sbloccando esperienze migliori per le persone che li utilizzano.

Questa non è fantascienza. La convergenza tra elettrificazione e digitalizzazione negli edifici, sebbene sia solo un pezzo di questo complesso puzzle, rappresenta un importante punto di partenza e ha il potenziale per guadagni rapidi e significativi. La separazione dell’involucro esterno e interno dell’edificio consente di abilitare digitalmente l’involucro interno attraverso dati e analisi, rendendo immediatamente l’intero edificio intelligente, con aggiornamenti del software e del layout disponibili su richiesta.

Se gli strumenti digitali rappresentano il sistema nervoso di un edificio, l’elettricità è la linea di sangue, con sinergie create a tutto campo. I sistemi di riscaldamento che utilizzano pompe di calore elettriche, ad esempio, sono in media da tre a quattro volte più efficienti delle tradizionali caldaie a combustibili fossili.

Aggiungi energia intelligente e sistemi di gestione degli edifici e questi vantaggi si aggiungono, riducendo le bollette elettriche del 20-30%. Inoltre, le microgrid consentono l’integrazione delle energie rinnovabili su qualsiasi scala e più vicino al loro punto di utilizzo, offrendo quindi un ulteriore livello di vantaggi nella riduzione della perdita di trasmissione, aiutando i proprietari di edifici e gli inquilini in tutto il mondo a realizzare una maggiore resilienza e accesso all’energia, e tracciare un percorso verso la sostenibilità.

Costruire connessioni

Ad oggi, gli sforzi per ridurre le emissioni degli edifici si sono concentrati in gran parte sui singoli edifici, principalmente a causa della mancanza di una strategia integrata a livello di sistema. Tuttavia, per favorire un progresso più rapido e una maggiore efficienza, gli edifici dovrebbero interagire tra loro, con la rete elettrica e con altri settori. Questo potrebbe cambiare quartieri e persino intere città, un passo alla volta.

Nella città di Grenoble, ai piedi delle Alpi francesi, un nuovo complesso commerciale chiamato IntenCity offre uno sguardo su come i settori pubblico e privato possono unire le forze per costruire comunità più pulite, più sane e più dinamiche.

Il parco per uffici intelligenti di 26.000 metri quadrati ospita 5.000 dipendenti Schneider Electric, ma mira a consumare solo 37 kWh / m² ogni anno, quasi 10 volte meno energia rispetto alla media degli edifici europei. I pannelli solari sul tetto, due turbine eoliche in loco e soluzioni tecnologiche intelligenti consentono al complesso di essere autonomo al 100% dal punto di vista energetico, condividendo e coordinando anche l’energia con la comunità circostante attraverso una partnership unica con microgrid.

Cosa sta facendo il World Economic Forum per sostenere il futuro del settore immobiliare?

Il mese scorso, in occasione dell’Agenda di Davos del World Economic Forum, nove città e più di 70 organizzazioni che rappresentano 10 diversi settori hanno lanciato un nuovo quadro per accelerare il passaggio verso edifici e città a zero emissioni di carbonio attraverso un approccio energetico più integrato. Parallelamente, gli amministratori delegati delle principali società immobiliari del mondo stanno delineando una nuova strategia per consentire edifici e città più vivibili, convenienti, resilienti e sostenibili.

Queste nuove iniziative sono molto promettenti, ma da sole non possono fornire il cambiamento necessario. In ogni settore, in ogni settore e in ogni regione, è tempo di assumersi la responsabilità dei luoghi in cui viviamo e lavoriamo. Ciò significa insistere sul fatto che i nuovi edifici e le costruzioni sono progettati per soddisfare gli standard di zero emissioni di carbonio, fare investimenti a lungo termine per modernizzare i nostri edifici e le nostre infrastrutture esistenti e adottare un approccio più olistico al modo in cui pianifichiamo e gestiamo le nostre comunità. Solo allora le nostre città – e il nostro pianeta – potranno riprendere il controllo e alla fine vincere la lotta contro il cambiamento climatico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.