Cronide di Capo Artemisio

UNA VISITA AL MUSEO: MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ATENE

Il ritrovamento della statua avvenne nel 1926, anche se il recupero fu completato nel 1928. Essa si trovava nei pressi di un relitto databile intorno al 200 a.C., del quale si sa poco, in quanto la spedizione di recupero fu interrotta a causa della morte di un sub e mai più ripresa. Si presume che la nave fosse di origine romana, una delle tante navi che all’epoca solcavano quei mari per portare elementi di arte greca verso Roma. Anche se così fosse, a causa dell’interruzione dell’operazione di recupero, non è ancora chiaro se la statua fosse imbarcata sul vascello o no.

Si è cercato senza successo di accostare il Cronide a uno dei grandi bronzisti greci dell’epoca, i cui nomi ci sono stati tramandati dalle fonti: Onata di Egina, Pitagora di Reggio o Calamide. La mancanza però di opere certe e l’inesistenza di accenni diretti al dio di Capo Artemisio rendono impossibile formulare un’attribuzione sicura.

La distinzione iconografica tra Zeus e Posidone è piuttosto difficile essendo rappresentati spesso in modo molto simile. In questo caso, tuttavia, la disposizione della mano che lancia propende più per il tridente piuttosto che per il fulmine, questo solitamente impugnato con tutte le dita a differenza del primo impugnato con sole tre dita atte a calibrare il lancio.

La statua rappresenta una figura maschile nuda protesa probabilmente nel lancio di un fulmine in avanti: guardando il busto frontalmente, le gambe sono saldamente poggiate a terra e ruotate verso sinistra. Il peso del corpo è sulla gamba sinistra e con quella destra, invece, cerca di darsi la spinta. Le braccia sono entrambe distese all’altezza delle spalle e il volto è ruotato sempre verso sinistra fissando un obiettivo. Il braccio sinistro è nell’atto di prendere la mira e quello destro è teso indietro, ma non è chiaro cosa la statua dovesse tenere nella mano destra, forse un fulmine oppure un tridente (si tratterebbe quindi di una figura di Zeus o, rispettivamente, di Poseidone, entrambi figli di Crono, da cui il nome Cronide), o qualcos’altro.

Il volto barbuto e con l’acconciatura finemente cesellata è tipico delle statue di divinità.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Lo scultore voleva indicare movimento dinamico, con l’apertura delle gambe, detta a “forbice”, restando attento all’equilibrio compositivo, che per i greci stava a simboleggiare qualità interiori. Braccia e gambe nel complesso formano un chiasmo, ovvero una figura simile alla lettera chi dell’alfabeto greco (χ), secondo una modalità compositiva assai in voga nel periodo arcaico; rispetto a atleti precedenti è chiaro però come il Cronide sondi maggiormente lo spazio circostante con la posa aperta, sebbene sia ancora prevalente una visione di tipo frontale.

Si presume che in origine negli occhi ci fossero inserti in avorio, che le sopracciglia fossero rivestite in argento e che le labbra e i capezzoli fossero rivestiti in rame.

Fonte @wikipedia

PISA, Piazza del Duomo

PIAZZA DEI MIRACOLI di PISA: In piedi in una grande distesa verde, Piazza del Duomo ospita un gruppo di monumenti conosciuti in tutto il mondo. Questi quattro capolavori dell’architettura medievale – la cattedrale, il battistero, il campanile (la “Torre pendente”) e il cimitero – hanno avuto una grande influenza sull’arte monumentale in Italia dall’XI al…

Continua a leggere

L’Architettura del Quattrocento in ITALIA – Leon Battista ALBERTI

Letterato, teorico dell’arte e artista, Alberti incarna l’ideale dell’Uomo-Artista rinascimentale, il cui operare si fonda sulla cultura e sulla teoria: l’arte viene innalzata al rango delle arti liberali e la figura dell’artista viene distinta da quella dell’artigiano. Per Alberti ciò che importa è l’idea: pertanto si disinteressa, a differenza del Brunelleschi, dei problemi tecnici e…

Continua a leggere

Chiesa di San Benedetto Martire

Costruita sull’antico sepolcro di Benedetto Martire, ad opera dell’architetto lombardo Pietro Augustoni, è di stile neoclassico, lineare e semplice. Al suo interno si conserva una pala con raffigurata l’Ultima Cena, risalente al 1707 ed edita dall’artista di Fermo Ubaldo Ricci.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.