Azione urgente sulla biodiversità per lo sviluppo sostenibile

Le nostre società sono intimamente legate e dipendono dalla biodiversità. La biodiversità è essenziale per le persone, anche attraverso la fornitura di cibo nutriente, acqua pulita, medicinali e protezione da eventi estremi. La perdita di biodiversità e il degrado dei suoi contributi alle persone mettono a repentaglio il progresso verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) e il benessere umano. L’evidenza di queste connessioni è chiara.

La pandemia COVID-19 ha ulteriormente evidenziato l’importanza del rapporto tra persone e natura. Ci viene ricordato che quando distruggiamo e degradiamo la biodiversità, miniamo la rete della vita e aumentiamo il rischio di diffusione di malattie dalla fauna selvatica alle persone. Le risposte alla pandemia offrono un’opportunità unica per un cambiamento trasformativo come comunità globale. Un investimento nella salute del nostro pianeta è un investimento nel nostro futuro.

La crisi che l’umanità deve affrontare a causa del degrado della biodiversità mette in luce l’urgente necessità di accelerare l’azione sulla biodiversità per lo sviluppo sostenibile. Fornirà un’opportunità ai capi di Stato e di governo e ad altri leader di aumentare l’ambizione per lo sviluppo del quadro globale sulla biodiversità post-2020 da adottare alla 15a Conferenza delle parti della Convenzione sulla diversità biologica nel 2021. Questo quadro, e la sua effettiva attuazione, deve mettere la natura su un percorso di recupero entro il 2030 per soddisfare gli SDG e realizzare l’obiettivo di “Vivere in armonia con la natura”.

Mentre ci avviciniamo alla fine del Decennio delle Nazioni Unite sulla biodiversità 2011-2020, i progressi verso gli obiettivi globali di biodiversità, compresi quelli degli OSS, sono stati insufficienti. Sebbene ci siano molti esempi locali di successo, la biodiversità sta diminuendo a livello globale a tassi senza precedenti nella storia umana, con impatti crescenti sulle persone e sul nostro pianeta.

Recenti valutazioni della Piattaforma intergovernativa di politica scientifica sulla biodiversità e i servizi ecosistemici (IPBES) hanno concluso che i tassi di estinzione delle specie sono da decine a centinaia di volte più alti rispetto alle medie storiche, che:

75% della superficie terrestre terrestre è stata significativamente alterata dalle azioni umane, inclusa ad esempio la perdita dell’85% dell’area delle zone umide

66% dell’area oceanica sta subendo molteplici impatti da parte delle persone, inclusi la pesca, l’inquinamento e i cambiamenti chimici dovuti all’acidificazione

75° Anniversario Nazioni Unite

Il 75 ° anniversario delle Nazioni Unite, l’inizio del decennio di azione e realizzazione delle Nazioni Unite sugli obiettivi di sviluppo sostenibile e i decenni delle Nazioni Unite sul ripristino degli ecosistemi e sulla scienza oceanica per lo sviluppo sostenibile, tra gli altri, forniscono un contesto aggiuntivo per il vertice. Insieme, ci ricordano l’urgente necessità di riconoscere la nostra dipendenza da un pianeta sano e di lavorare insieme per un cambiamento trasformativo.

Occorre dimostrare leadership e impegno per migliorare il nostro rapporto con la natura, affrontando le cause del cambiamento e assicurando che la biodiversità e i contributi che fornisce a tutte le persone siano al centro dello sviluppo sostenibile e della lotta ai cambiamenti climatici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.