MILANO, Chiesa e Convento domenicano di Santa Maria delle Grazie con “L’ultima cena” di Leonardo da Vinci

Patrimonio Mondiale dell’umanita UNESCO

Santa Maria delle Grazie – Milano (Italy)

Il refettorio del Convento di Santa Maria delle Grazie fa parte integrante di questo complesso architettonico, iniziato a Milano nel 1463 e rielaborato alla fine del XV secolo dal Bramante.

Sulla parete nord si trova l’Ultima Cena, capolavoro senza pari dipinto tra il 1495 e il 1497 da Leonardo da Vinci, il cui lavoro fu quello di annunciare una nuova era nella storia dell’arte.

Eccezionale valore universale

Il refettorio del Convento di Santa Maria delle Grazie a Milano costituisce parte integrante di questo complesso architettonico, iniziato nel 1463 e rielaborato alla fine del XV secolo dal Bramante.

Sulla parete nord si trova l’Ultima Cena, capolavoro senza pari dipinto tra il 1495 e il 1497 da Leonardo da Vinci, il cui lavoro fu quello di annunciare una nuova era nella storia dell’arte.

Il complesso, tra cui la Chiesa e il Convento, fu costruito dal 1463 in poi da Guiniforte Solari, e fu in seguito notevolmente modificato alla fine del XV secolo da Bramante, uno dei maestri del Rinascimento.

Bramante allargò strutturalmente la chiesa e aggiunse grandi absidi semicircolari, una meravigliosa cupola a forma di tamburo circondata da colonne e uno spettacolare chiostro e refettorio.

Il dipinto fu commissionato nel 1495 e completato nel 1497. La rappresentazione di Leonardo da Vinci raffigurava il momento immediatamente dopo che Cristo disse: “Uno di voi mi tradirà”.

Leonardo respinse l’interpretazione classica della composizione e raffigurò Gesù in mezzo agli Apostoli, raffigurati e suddivisi in quattro gruppi di tre figure su entrambi i lati di Cristo.

I 12 apostoli reagirono in modi diversi; i loro movimenti ed espressioni sono magnificamente catturati nell’opera di Leonardo.

Il genio dell’artista si vede soprattutto nell’uso della luce e della prospettiva accentuata. Sfortunatamente, Leonardo non lavorò ad affresco ma a tempera su una superficie di intonaco a due strati che non assorbiva la vernice.

Era il 1568 quando Vasari per la prima volta sottolineò problemi di questa tecnica pittorica. L’ultima cena, che Leonardo da Vinci dipinse nel refettorio del convento domenicano di Santa Maria delle Grazie, è senza dubbio uno dei capolavori della pittura universale.

Il suo valore unico, che nel corso dei secoli ha avuto un’enorme influenza nel campo dell’arte figurativa, è inseparabile dal complesso architettonico in cui è stata creata.

Criterio (i): L’Ultima Cena è un risultato artistico unico e senza tempo di eccezionale valore universale.

Criterio (ii): quest’opera ha fortemente influenzato non solo lo sviluppo di un tema iconografico, ma anche l’intero sviluppo della pittura.

Heydenreich ha scritto della “superdimension” dei suoi corpi dipinti in relazione allo spazio.

È uno dei primi dipinti classici che si concentra su un momento preciso e molto breve, anziché lungo.

Dopo cinque secoli, l’Ultima Cena è uno dei dipinti più riprodotti e copiati, e si ritiene che la sua creazione nel 1495-1497 abbia inaugurato una nuova fase nella storia dell’arte.

Integrità

Il luogo contiene tutti gli elementi che esprimono il suo valore unico, in particolare il complesso di Santa Maria delle Grazie, formato dalla chiesa, dal convento e dall’Ultima Cena dipinti da Leonardo da Vinci.

Nonostante i danni verificatisi durante la seconda guerra mondiale, il complesso ha conservato sia la sua struttura architettonica originale sia la relazione interna tra i suoi componenti, incluso il famoso affresco.

La presenza di padri domenicani e la continuità dell’uso religioso hanno contribuito a salvaguardare l’integrità funzionale della proprietà.

La pittura di Da Vinci ha notevoli problemi di conservazione a causa delle tecniche utilizzate per dipingerla. L’ambiente soffre di pressioni ambientali e di visite potenzialmente eccessive, sebbene quest’ultima sia controllata limitando l’accesso.

Autenticità

Il sito fu gravemente danneggiato dai bombardamenti del 1943, ma successivamente completamente restaurato e rinnovato.

L’Ultima Cena, che miracolosamente sopravvisse ai bombardamenti degli Alleati, soffre di altri problemi di conservazione dovuti soprattutto alla tecnica sperimentale di Leonardo e che sono stati a lungo evidenti.

Vi sono registrazioni di lavori di restauro dal XVIII secolo fino ai giorni nostri, a testimonianza della continua preoccupazione per la conservazione di questo patrimonio artistico.

Un importante restauro dell’Ultima Cena è stato completato alla fine del 1990. Un attento trattamento dello strato di vernice estremamente delicato e notevolmente deteriorato ha ripristinato i colori nascosti dell’opera.

Sia gli edifici della chiesa che quelli del convento (ad es. I chiostri) sono stati oggetto di continui lavori di restauro dagli anni ’90 in poi, seguendo una strategia di conservazione unificata. Attualmente sono in corso lavori di restauro di routine sugli edifici che hanno portato a nuove scoperte che aumentano ulteriormente il valore della proprietà.

Requisiti di protezione e gestione

Ultima Cena – Dipinto di Leonardo da Vinci

Il complesso e le aree circostanti sono attualmente sotto la protezione della legge italiana sul patrimonio culturale (Decreto legislativo n. 42/2004, Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio).

Ogni intervento deve ottenere un’autorizzazione specifica da parte degli uffici locali del Ministero per i beni e le attività culturali e il turismo. Sono state previste ulteriori norme di protezione per gestire il traffico locale e i parcheggi dei veicoli nella vicina piazza pubblica. Il gruppo direttivo della proprietà è formato dai membri dell’ufficio locale del Ministero.

Sono direttamente coinvolti in tutti gli aspetti della proprietà. Il gruppo direttivo ha il compito di definire le linee guida, le procedure, la programmazione e il monitoraggio periodico applicati al sistema di protezione, che è stato istituito in particolare per l’Ultima Cena, e di garantire un’interazione efficiente con i programmi di conservazione e manutenzione dell’intero complesso immobiliare .

Uno degli aspetti più importanti e difficili della conservazione dell’affresco è legato all’inquinamento provocato dal gran numero di visitatori. Il monitoraggio continuo viene eseguito per garantire condizioni atmosferiche ottimali all’interno del refettorio ed evitare così il pericolo rappresentato dall’inquinamento atmosferico e dall’elevato numero di visitatori.

Un sofisticato dispositivo di monitoraggio garantisce che la composizione dell’aria, i livelli di luce e umidità rimangano entro i limiti stabiliti. È ammesso un numero limitato di visitatori alla volta.

Il complesso è di proprietà dello Stato italiano e, nel 1934, fu concesso in concessione ai Padri domenicani di Santa Maria delle Grazie, che contribuiscono all’amministrazione quotidiana del complesso per quanto riguarda le sue funzioni residenziali e religiose . La sala dell’Ultima Cena è un museo curato dall’amministrazione statale.

La gestione della proprietà è svolta dal Ministero per i beni e le attività culturali e il turismo attraverso i suoi uffici locali, che sono direttamente coinvolti nella conservazione, nel monitoraggio e nella protezione della proprietà. Sebbene un piano di gestione stesso non sia stato ancora elaborato, esiste uno strumento efficace che regola l’uso e le relazioni esterne.

© whc.unesco.org

La Convenzione sulla Protezione del Patrimonio Mondiale culturale e naturale, adottata dall’UNESCO nel 1972, prevede che i beni candidati possano essere iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale come:

Patrimonio culturale:
  1. monumenti: opere architettoniche, plastiche o pittoriche monumentali, elementi o strutture di carattere archeologico, iscrizioni, grotte e gruppi di elementi di valore universale eccezionale dall’aspetto storico, artistico o scientifico,
  2. agglomerati: gruppi di costruzioni isolate o riunite che, per la loro architettura, unità o integrazione nel paesaggio hanno valore universale eccezionale dall’aspetto storico, artistico o scientifico,
  3. siti: opere dell’uomo o opere coniugate dell’uomo e della natura, come anche le zone, compresi i siti archeologici, di valore universale eccezionale dall’aspetto storico ed estetico, etnologico o antropologico.
Patrimonio naturale:
  1. i monumenti naturali costituiti da formazioni fisiche e biologiche o da gruppi di tali formazioni di valore universale eccezionale dall’aspetto estetico o scientifico,
  2. le formazioni geologiche e fisiografiche e le zone strettamente delimitate costituenti l’habitat di specie animali e vegetali minacciate, di valore universale eccezionale dall’aspetto scientifico o conservativo,
  3. i siti naturali o le zone naturali strettamente delimitate di valore universale eccezionale dall’aspetto scientifico, conservativo o estetico naturale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.