Agrimonia

Agrimonia: conosci le sue proprietà curative?

Agrimonia eupatoria, è una pianta erbacea perenne alta circa 40-60 centimetri, appartenente alla famiglia delle Rosaceae, dotata di un breve rizoma dal quale spunta un fusto cilindrico provvisto di peli, privo di foglie per buona parte della sua lunghezza, che termina con una infiorescenza racemosa dai fiori gialli.

Agrimonia

Le foglie seghettate sono verde brillante nella pagina superiore, più chiare e grigiastre in quella inferiore; il frutto è un achenio fornito, sulla parte superiore, di un anello di aculei uncinati, che si attaccano al vello degli animali al loro passaggio, favorendone la disseminazione.

L’Agrimonia fiorisce in giugno-luglio, cresce nei luoghi incolti, nei prati aridi, lungo strade e fossi, in tutta l’Italia dalla pianura fino a 1500 metri.

Proprietà e Indicazioni

La droga, cioè la parte di pianta dotata di principi attivi, è costituita dalle sommità fiorite, il cui fitocomplesso contiene acido ursolico, flavonoidi, e tannini espressi in pirogallolo in percentuale elevata.

L’Agrimonia nella tradizione popolare è sempre stata considerata una pianta dalla moderata attività coleretica e colagoga, poiché rende la bile più fluida e abbondante: già Plinio il vecchio la consigliava per i problemi epatici e per migliorare il flusso biliare.

Possiede proprietà antinfiammatorie, astringenti e cicatrizzanti; antiallergiche, decongestionanti e risolventi per le infiammazioni della congiuntiva oculare e delle mucose oro-faringee; per la pelle è antisettica, lenitiva e cicatrizzante. E’ inoltre ipoglicemizzante, antispastica, sedativa nervosa e depurativa generale.

E’ utilizzata, sia per uso esterno, sia interno, in caso di faringiti, riniti, congiuntiviti allergiche, per sciacqui, gargarismi, impacchi oculari, oltre che per infiammazioni intestinali, orticaria e affezioni della pelle in genere, con azione antipruriginosa.

L’utilizzo di rimedi naturali, come quelli descritti, per problemi di salute di un certo peso, non può che essere un coadiuvante, magari per calmare i sintomi, e non deve escludere quindi il ricorso ai medicinali di sintesi! Prima di qualsivoglia cura fai da te ASCOLTATE SEMPRE IL VOSTRO MEDICO CURANTE. – Leggi le avvertenze d’uso

Fonte @dna-solutions.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.