One Spadina Crescent

Facoltà di Architettura, Paesaggio e Design (DFALD) John H. Daniels dell’Università di Toronto

Questa ristrutturazione e aggiunta ben concepite per l’utilizzo della luce diurna e i sistemi di raccolta dell’acqua ben integrati

Integrazione

One Spadina Crescent

La ristrutturazione e l’ampliamento di One Spadina Crescent per la Facoltà di Architettura, Paesaggio e Design (DFALD) John H. Daniels dell’Università di Toronto incarna un approccio olistico al design sostenibile. Il progetto si è concentrato sul contesto della città e sui modelli di utilizzo dinamici nel tempo, invece di concentrarsi esclusivamente su quadri di accreditamento statici. Il progetto ha cercato di distinguersi in termini di efficienza di utilizzo, efficienza energetica / idrica / dei materiali, tessuto edilizio adeguatamente isolato, qualità ambientale interna, paesaggio e urbanità. Cosa più importante, il progetto ha anticipato la natura dinamica dell’educazione e della tecnologia al design attraverso la sua flessibilità e resilienza.

Gli obiettivi del progetto erano duplici:

(1) riabilitare il paesaggio, l’architettura storica del Knox College e il significato urbano di Spadina Crescent

(2) dimostrare l’obiettivo di DFALD di sostenibilità aperta attraverso lo spiegamento di materiali e sistemi per accogliere un programma per lo spazio dello studio, laboratori, aule, uffici, una biblioteca, un caffè, una galleria, un auditorium, un Living Lab, un Fab Lab, un anfiteatro pubblico e una terrazza per eventi.

Le strategie di progettazione erano sfaccettate per affrontare i valori ambientali, economici e sociali.

Un esempio è il nuovo soffitto dinamico al terzo piano della nuova aggiunta.

Utilizzando la logica strutturale a sbalzo del Firth of Forth Bridge, il soffitto dello studio è sagomato per integrare l’illuminazione diurna, il controllo idrologico e l’ottimizzazione strutturale, creando uno spazio desiderabile che coinvolga i sensi risparmiando contemporaneamente energia e acqua e fungendo da strumento pedagogico.

Per anni, molte iniziative hanno tentato di preservare e riutilizzare One Spadina Crescent. Questo progetto ha rianimato il sito e offre una parete nord per la prima volta nella sua storia. La conservazione dell’aggiunta nord avrà valore nel modo in cui stabilisce un dialogo con il contesto urbano e del campus e funge da infrastruttura fondamentale per la città di Toronto.

Comunità

Il processo di progettazione includeva la comunità su più scale. C’erano diversi forum pubblici, sei forum studenteschi e sei forum Heritage Toronto.

Ciò ha portato a un edificio che sta rinvigorendo un importante nodo urbano nello spazio pubblico come era destinato ad essere.

L’Università di Toronto può ospitare eventi chiave nella sala principale, nello studio, nella galleria e nel Fab Lab. Il quartiere di Kensington è ora invitato nella “strada” interna, la sala di lettura della biblioteca e le conferenze pubbliche, assorbendo l’edificio piuttosto che aggirarlo.

E, naturalmente, l’edificio serve gli studenti, i docenti e il personale del DFALD.

All’esterno, l’asse nord-sud del sito è caratterizzato da rapporti simbolici con la città, mentre l’asse est-ovest è attivato dai pedoni. Ciascuno dei quattro lati dell’edificio ospita uno spazio pubblico: una piazza a est, una corte del fabbricazione a nord, una corte pubblica ad ovest e un prato / terrazza a sud.

Consideriamo queste stanze e connessioni urbane come spazi di equità, che offrono un forum civico, interazione sociale, vita pubblica e una connessione con la borsa di studio che accade nella scuola.

L’intero circolo rinnovato include servizi per studenti e pubblico con l’intenzione di pedonalizzare il sito e ridurre al minimo la dipendenza dall’auto.

ECOLOGIA

Il sito è saldamente inserito nel consolidato paesaggio urbano di Toronto, che è abbastanza distinto dalle più ampie ecologie regionali. Indipendentemente da ciò, è un paesaggio pedagogico, che presenta una serie di iniziative che sono esperimenti per stabilire e monitorare nuove ecologie urbane.

Il paesaggio è un protagonista critico nell’inquadrare il sito.

Situato in un sito storico dismesso, che comprende un edificio storico, il paesaggio non è solo uno sfondo, né solo “orticoltura”, ma un robusto pezzo di terra che supporta nuovi programmi accademici.

Attiva il sito e lo rende più accessibile, il che è tanto più importante perché storicamente il sito era una rotatoria scollegata.

Le banchine paesaggistiche fiancheggiano gli spazi esterni, sfruttando gli orientamenti meridionali per offrire posti a sedere. Il design della berma pone la biodiversità vegetale del sito letteralmente davanti agli occhi dei visitatori.

Sulla facciata nord, dove sono presenti molti vetri, le alette creano una rottura visiva del vetro e la frattura verticale nel vetro con vari gradi di densità riduce l’impatto negativo sugli uccelli.

Il progetto mirava anche a trattenere quanto più terreno possibile, di conseguenza sono stati utilizzati terreni scavati per creare i tumuli del sito.

L’edificio si ispira ai principi bioclimatici e sfrutta l’orientamento e l’illuminazione diurna.

ACQUA

Il tetto è stato progettato come una capriata a forbice che copre lo spazio della comunità scolastica centrale.

Il tetto porta la luce del giorno, ma è stato progettato anche per catturare e incanalare l’acqua piovana.

Parte dell’intento progettuale del sistema del tetto era di mettere in mostra il sistema di capzione del tetto. Il flusso dell’acqua è reso evidente anche sulle facciate est e ovest dell’edificio.

La silhouette di queste facciate è un riflesso dell’organizzazione idrologica del sistema di copertura: il prelievo dell’acqua attraverso un pluviale centrale che funge da rivelazione tra l’edificio originale e la nuova aggiunta.

In sostanza, abbiamo astratto le caratteristiche neogotiche della struttura esistente come base per la manipolazione e l’estensione. I sistemi sono in atto man mano che il laboratorio GRIT del tetto verde cresce per riutilizzare questa acqua piovana catturata.

Il paesaggio intorno al progetto soddisfa gli obiettivi comunali e “LEED” per la gestione delle acque piovane in loco attraverso una combinazione di “bioswales”, giardini acquatici e cisterne di ritenzione.

L’acqua piovana raccolta soddisfa il 100% delle esigenze di irrigazione del progetto. Sia il deposito sotterraneo che i giardini pluviali forniscono le migliori pratiche nella protezione del bacino idrografico

ECONOMIA

L’obiettivo fondamentale del progetto era quello di consolidare tre scuole in un unico luogo, un approccio intrinsecamente “di più con meno”.

Un altro obiettivo era quello di produrre spazi adattabili ai futuri cambiamenti nella pedagogia del design. Tuttavia, l’edificio è stato flessibile sin dal primo giorno con piani aperti che utilizzano il modello di studio “hot desk”.

Il fulcro del progetto è un auditorium flessibile che ospita grandi conferenze quando non è suddiviso in aule.

Gli studi iniziali hanno identificato gli spazi cellulari dell’edificio del Knox College di “dimensioni giuste” per uffici e aule. L’analisi dei costi del ciclo di vita ha aiutato il team a investire nel controllo della scheda madre per bilanciare i sistemi di costruzione.

Questo sistema ha richiesto una spesa aggiuntiva, ma il sistema ridurrà notevolmente i carichi energetici e viene utilizzato nel curriculum, contribuendo ai maggiori obiettivi didattici dell’edificio.

Le finiture interne sono state mantenute al minimo per ridurre le richieste di materiale del progetto, ottenendo un effetto sorprendente.

I materiali sono stati acquistati localmente per soddisfare i Toronto Green Standards. Anche tutti i consulenti e gli appaltatori del progetto erano locali.

Il nuovo edificio ha attirato più richieste di studenti. Un rapporto dell’aprile 2018 ha rilevato che le domande di laurea sono aumentate del 10% rispetto all’anno precedente e le domande di laurea sono aumentate del 21,1%.

ENERGIA

Le strategie primarie che hanno ridotto i carichi energetici includevano la compattazione delle volumetrie dell’edificio, la creazione di uno stretto collegamento con l’edificio del Knox College e la limitazione delle vetrate sulle facciate est e ovest.

Ci sono state sfide nel fondere l’edificio storico con l’aggiunta, nonché sfide con l’aumento del carico di utilizzo 24 ore su 24, 7 giorni su 7 in parti dell’edificio. Ciò è stato gestito individuando la maggior parte degli spazi 24 ore su 24, 7 giorni su 7, il che consente all’edificio storico di funzionare separatamente pur essendo monitorato dal sistema della scheda madre.

Durante lo sviluppo del progetto, la scuola e il team di progettazione hanno invitato un consulente energetico di terze parti a rivedere i sistemi. Il nuovo rapporto ha portato a uno sforzo per passare da un sistema a pavimento sopraelevato a un soffitto radiante.

Non solo questo sistema avrà un costo del ciclo di vita migliore, ma investire in questo sistema all’avanguardia fa avanzare il settore. Ciò ha portato a una strategia di interior design semplificata.

Inoltre, con il bel tempo, il sistema di ventilazione può essere spento e le finestre aperte, il che consente la ventilazione passiva e un livello di raffreddamento passivo. Il progetto soddisfa gli standard del codice energetico del modello canadese.

BENESSERE

La luce del giorno, le finestre azionabili manualmente per il comfort psicologico, il controllo della temperatura tramite scheda madre, molte connessioni esterne, spazi stimolanti e viste della città contribuiscono al benessere degli occupanti.

La dipendenza dall’illuminazione da lavoro in tutti gli studi di progettazione incoraggia il controllo diretto degli studenti sul loro ambiente, consentendo al contempo una densità di potenza di illuminazione significativamente inferiore agli obiettivi nazionali.

La ventilazione a dislocamento in tutti gli studi di progettazione ha prodotto uno spazio confortevole, poco inquinante ed efficiente dal punto di vista energetico.

Tutti i materiali sono appropriati LEED.

Da un punto di vista programmatico, la caffetteria serve cibo sano, tra cui frutta e opzioni vegane e sandwich senza glutine.

I distributori automatici con opzioni salutari vengono installati in una sala studenti. Una volta alla settimana vengono offerti corsi di yoga gratuiti per gli studenti.

Il paesaggio aiuta a promuovere la salute fornendo parcheggi per biciclette e posti dove sedersi / riunirsi all’ombra e al sole.

RISORSE

Dato che metà del progetto era la conservazione storica del Knox College, la quantità di nuovi materiali utilizzati nell’edificio è stata notevolmente ridotta.

La muratura dell’edificio storico è stata preservata, mentre le finestre a vetro singolo e il tetto sono stati migliorati per aumentare l’efficienza energetica dell’edificio.

Il design della nuova aggiunta ha massimizzato l’isolamento sulle facciate est e ovest, dove la protezione dall’abbagliamento è importante, e le vetrate delle facciate continue lungo la facciata nord e i lucernari portano una luce nord a bassa abbagliamento, ideale per il lavoro creativo.

Il rapporto finestra-parete complessivo è calibrato al 37 percento. La nuova aggiunta ha incorporato materiali riciclati e riutilizzati quando possibile, comprese le ceneri volanti al posto del cemento Portland e dei prodotti in legno certificati FSC.

Un innovativo sistema strutturale a lastre vuote è stato utilizzato per affrontare diversi obiettivi sostenibili ed estetici del progetto.

Le lastre svuotate utilizzano sfere di plastica cave riciclate per compensare il materiale in calcestruzzo al centro della lastra (utilizzando il 30 percento in meno di calcestruzzo rispetto alle solette tradizionali gettate in opera).

Le lastre svuotate consentono ai soffitti architettonici in calcestruzzo a vista di estendersi più a lungo e con una minore impronta di carbonio.

Poiché le lastre svuotate sono parzialmente prefabbricate fuori sede, sono state preinstallate tubazioni idroniche per il riscaldamento e il raffreddamento radiante.

Cambiamenti

Questo progetto è stato progettato per soddisfare le mutevoli esigenze della pedagogia del design e dell’esperienza accademica.

Le piastre del pavimento flessibili potrebbero consentire adattamenti del programma. La nuova porzione di edificio potrebbe ospitare molti tipi di programmi; tuttavia, lo storico Knox College è più limitato nella sua flessibilità.

Le maggiori questioni legate al cambiamento climatico, come l’innalzamento delle acque, non sono state prese in considerazione in questo sito urbano senza sbocco sul mare;

tuttavia, un tetto predisposto per impianti ad energia solare è orientato a massimizzare l’esposizione anticipando il fotovoltaico super efficiente del futuro.

I sistemi di backup di emergenza includono un generatore in grado di alimentare illuminazione, ascensori, aria condizionata in sale IT selezionate e altri servizi elettrici critici.

I problemi sismici a Toronto sono minimi e quindi non erano una parte fondamentale del progetto strutturale.

Dato l’ambiente urbano del progetto, si è ipotizzato che i servizi di pubblica utilità potessero essere ripristinati in tempi relativamente brevi.

Scoperte

Per celebrare la nuova sede della scuola e speculare su come utilizzarla al meglio negli anni a venire, la facoltà ha tenuto una serie di discussioni, conferenze e workshop, nonché un simposio che includeva architetti, paesaggisti e consulenti del patrimonio nella primavera del 2018.

Questi eventi hanno esplorato la relazione tra i nostri spazi di lavoro e le pedagogie, i progetti di ricerca e le forme di sensibilizzazione pubblica in cui ci impegniamo.

Una lezione particolare appresa che viene condivisa durante le lezioni è il modo in cui il soffitto deformato è stato esaminato come un elemento di costo importante.

La pratica edilizia convenzionale suggeriva che la forma poteva essere ottenuta solo con intonaco spatolato a mano. Al contrario, abbiamo proposto di utilizzare cartongesso economico, dimostrando la fattibilità del concetto con un modello 1: 1 fabbricato internamente.

Il modello ha convinto il team di costruzione a ridurre i costi stimati di oltre il 50%.

L’edificio sta soddisfacendo le sue aspettative di prestazione; ad esempio, le letture dei punti acustici post-costruzione corrispondono quasi al modello acustico.

Il team di progettazione continua a lavorare con la scuola sulla pianificazione delle future fasi aggiuntive.

Fonte @AIA.ORG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.