Mont-Saint-Michel e la sua baia – Francia

Patrimonio Universale dell’Umanità UNESCO

Fonte whc.unesco.or

Arroccati su un isolotto roccioso in mezzo a vasti banchi di sabbia esposti alle potenti maree tra la Normandia e la Bretagna si ergono la “Meraviglia dell’Ovest”, un’abbazia benedettina in stile gotico dedicata all’arcangelo San Michele, e il villaggio cresciuto nell’ombra delle sue grandi mura. Costruita tra l’XI e il XVI secolo, l’abbazia costituisce un tour de force tecnico e artistico , avendo dovuto adattarsi ai problemi posti da questo sito naturale unico.

Eccezionale valore universale

Arroccato su un isolotto roccioso in mezzo a vasti banchi di sabbia esposti alle potenti maree, al limite tra la Normandia e la Bretagna, si erge “Meraviglia dell’Ovest”, un’abbazia benedettina in stile gotico dedicata all’Arcangelo San Michele, e il villaggio che si sviluppò all’ombra delle sue mura. Costruita tra l’XI e il XVI secolo, l’abbazia costituisce un tour de force tecnico e artistico , avendo dovuto adattarsi ai problemi posti da questo sito naturale unico. Pertanto, le soluzioni pratiche ed estetiche inscritte nelle pietre dell’edificio sono ormai inseparabili dal suo ambiente naturale.

Questa abbazia benedettina, fondata nel 966, fu eretta su un santuario dedicato all’Arcangelo Michele dal 708 e conserva alcune vestigia del periodo romanico. La parte più antica dell’attuale abbazia, la piccola chiesa preromanica a doppia navata, Notre-Dame-sous-terre, in muratura di granito e mattoni piatti, risale sicuramente al X secolo. L’apporto del periodo romanico è ancora visibile nella navata della chiesa abbaziale, il cui incrocio è sostenuto dalla sommità della roccia, e in un gruppo di edifici conventuali sfalsati (la cappellania o galleria dell’Aquilone, la galleria coperta dei monaci di cui la volta, costruita dopo il 1103, sarebbe uno dei primi esempi di volta a costoloni).

Ma sono i maestri del periodo gotico che, approfittando come meglio potevano dello spazio ristretto, inventano le alte mura, le masse slanciate, i volumi aperti, gli ariosi pinnacoli e la sagoma affilata della roccia. Il nuovo corpo degli edifici conventuali, edificato a partire dal 1204, merita l’appellativo di “ Merveille ” (Meraviglia) per l’eleganza della sua concezione. Sopra la cappellania del XII secolo, comprende le celebri sale dette degli ‘ Hôtes ‘ e dei ‘Chevaliers’e, al piano più alto, oltre al vasto corpo del refettorio, il chiostro con colonnette raggruppate in cinque, aperto da un lato verso il mare. Tra le numerose aggiunte successive è da ricordare il fiammeggiante coro della chiesa abbaziale, iniziato nel 1448 in sostituzione del coro romanico precedentemente crollato.

Il Mont-Saint-Michel, santuario situato in un luogo di difficile accesso, secondo la tradizione dei luoghi di culto dedicati a Saint Michel, luogo di pellegrinaggio frequentato per tutto il Medioevo, e successivamente sede di un’abbazia benedettina di forte influenza intellettuale , è nei suoi aspetti più caratteristici, uno dei siti più importanti della civiltà cristiana nel Medioevo.

Criterio (i): Attraverso la combinazione unica del sito naturale e dell’architettura, il Mont-Saint-Michel costituisce un successo estetico unico.

Criterio (iii): Mont-Saint-Michel è un insieme ineguagliabile, tanto per la coesistenza dell’abbazia e del suo villaggio fortificato entro i limiti ristretti di una piccola isola, quanto per l’originalità della collocazione degli edifici che accordo con la sua silhouette indimenticabile.

Criterio (vi): Mont Saint-Michel è uno dei siti più importanti della civiltà cristiana medievale.

Integrità

Nonostante la storia turbolenta del Monte e la distruzione della parte precedente della chiesa, l’integrità dell’insieme del sito e dell’abbazia è efficace. I restauri del XIX secolo hanno restituito agli edifici la loro dignità e il loro aspetto emblematico, in particolare con la costruzione della guglia nel 1897. Il villaggio ha conservato le sue antiche costruzioni.

I valori del sito sono stati mantenuti nonostante l’insabbiamento della baia dovuto a fenomeni naturali e soprattutto la costruzione di una strada rialzata di accesso nel 1879, che ha fatto perdere al Monte il suo carattere insulare Al termine dei grandi lavori realizzati dallo Stato francese nel 2015, il carattere marittimo del Mont Saint-Michel è stato ristabilito.

Autenticità

Il rapporto tra il Monte e il vasto paesaggio circostante la baia è rimasto intatto da secoli. Gli edifici dell’abbazia e del villaggio che la circonda, mantenuti, restaurati o rinnovati a partire dai secoli XVII, XIX e XX, sono di notevole autenticità nella loro sostanza, nel loro sviluppo o nella loro disposizione.

Soppressa nel 1789 e trasformata in carcere fino al 1863, l’abbazia è oggi un monumento che testimonia il passato cristiano, dove la presenza monastica è assicurata da una piccola comunità. La sua storia, condivisa da tre milioni di visitatori ogni anno, ricorda il ruolo eccezionale che ha ricoperto.

Le caratteristiche visive del Monte , legate alla sua topografia, e al suo status di punto di riferimento ampiamente visibile, sono molto vulnerabili agli inserimenti nel paesaggio che potrebbero alterare il panorama da e verso la proprietà. Inoltre, l’elevata frequentazione dei visitatori rischia di danneggiare lo spirito del luogo.

Requisiti di protezione e gestione

L’insieme del bene, costruito e naturale, beneficia di protezione a livello nazionale sia ai sensi del Codice del patrimonio che del Codice dell’ambiente. L’abbazia, i suoi bastioni e le dipendenze appartengono allo Stato e sono classificati Monumenti Storici dal 1862. Il litorale compreso nella proprietà è protetto dalla “legge costiera” e la baia è protetta dal 1994 dalla Convenzione di Ramsar.

Lo Stato ha affidato la gestione dell’abbazia al Centro Nazionale dei Monumenti, organismo sotto l’autorità del Ministero della Cultura. L’abbazia beneficia di importanti e regolari lavori di restauro. Tenendo conto della natura geologica del sito, periodicamente vengono eseguiti lavori di consolidamento delle rocce.

La governance condivisa tra lo Stato e il Sindacato Misto della Baia di Mont-Saint-Michel, istituito nel 2006, prosegue con l’organismo denominato Conferenza della Baia, presieduto dal Prefetto della Regione Normandia e dai due presidenti della Regioni della Normandia e della Bretagna.

Dopo il ripristino del carattere marittimo del Mont-Saint-Michel, la strada rialzata è stata sostituita da una passerella e un servizio navetta garantisce il trasporto dei visitatori dalla località della Caserne ai piedi del Mont . L’istituzione di questa struttura ha consentito la regolazione del flusso turistico. Inoltre, le opere di costruzione idraulica, come la diga di Couesnon, dove gli scarichi d’acqua scaricano i sedimenti al largo, combattono l’insabbiamento del Monte .La zona cuscinetto, proposta nel 2018, comprende quasi 130 comuni. Il suo confine è stato definito sulla base di uno studio paesaggistico in cui sono visibili il Mont-Saint-Michel, i principali panorami e i Montjoies. Inoltre, è stata definita un’area di influenza sul paesaggio del Mont-Saint-Michel, escludendo i suoi principali impianti e attrezzature, che completa il sistema. È incorporato negli strumenti di pianificazione come i modelli di coerenza territoriale.

Cattedrale di Bourges – Francia

La Cattedrale di Saint Etienne di Bourges, costruita tra la fine del XII e la fine del XIII secolo, è uno dei grandi capolavori dell’arte gotica ed è ammirata per le sue proporzioni e l’unità del suo disegno. Particolarmente suggestivi sono il timpano, le sculture e le vetrate colorate. Oltre alla bellezza dell’architettura, testimonia il potere del cristianesimo nella Francia medievale.

Continua a leggere

Parigi e le rive della Senna – Francia

Parigi è una città fluviale. Fin dai primi insediamenti umani, dalla preistoria alle tribù Parisii, la Senna ha svolto sia un ruolo difensivo che economico. L’attuale città storica, sviluppatasi tra il XVI e il XX secolo, esprime l’evoluzione del rapporto tra il fiume e la città. L’area ben delimitata tra il Pont de Sully e il Pont d’Iéna si basa sull’antica distinzione tra monte e valle. A monte, il porto ed i trasporti fluviali; a valle, la Parigi reale e aristocratica. È quest’ultimo tratto della Senna, dove si sono sviluppate le funzioni della capitale, ad essere iscritto. La presenza dello Stato attraverso le sue realizzazioni e le sue leggi ha permesso di preservare il bene nella sua intera integrità.

Continua a leggere

Cattedrale di Notre-Dame, ex Abbazia di Saint-Rémi e Palazzo di Tau, Reims – Francia

Proprietà dello Stato, la Cattedrale è classificata nella sua totalità come Monumento Storico dal 1862 (Palazzo del Tau dal 1886). È legalmente destinato al culto cattolico. Il Palazzo del Tau è gestito dal Centre des monuments nationaux, un’istituzione pubblica sotto la supervisione del Ministero della Cultura, che ne assicura l’apertura al pubblico. Programmi annuali e pluriennali assicurano la manutenzione e il restauro dei monumenti; essi sono attuati direttamente dallo Stato oppure svolti sotto il suo controllo scientifico e tecnico. L’Abbazia di Saint-Rémi è di proprietà della città di Reims; la sua manutenzione e il suo restauro sono di responsabilità del comune sotto il controllo scientifico e tecnico dello Stato. La riqualificazione del piazzale contribuisce a migliorare l’accesso e la circolazione attorno al monumento.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *