Mais Granoturco, Zea mays L.

NOME COMUNE: Mais, Granoturco

Maize (Zea mays) is a large grain plant domesticated by indigenous peoples in Mesoamerica in prehistoric times.

NOME SCIENTIFICOZea mays L.

FAMIGLIA: Graminaceae

NOMI POPOLARI: Barba di meliga.

NOMI STRANIERI:

  • (Eng) Corn silk, Maize
  • (Fra) Mais, Blè d’Inde
  • (Ger) Mais
  • (Esp) Maiz

DESCRIZIONE E STORIA

DESCRIZIONE BOTANICA

  • Portamento: pianta erbacea annuale alta fino a 2/3 metri.
  • Foglie: di forma allungata e relativamente larga, si sviluppano dai nodi presenti sul fusto.
  • Fiori: sono presenti fiori maschili e femminili nella stessa pianta. L’infiorescenza maschile è detta volgarmente pennacchio, mentre quella femminile è chiamata pannocchia.

Il mais viene impiegato anche per scopi zootecnici per l’alimentazione del bestiame e per scopi energetici, per esempio per la produzione del biodiesel.

DOVE SI TROVA

HABITAT: pianta originaria dell’America ed importata in Europa da Cristoforo Colombo, dove è largamente coltivata a scopo alimentare.

TEMPO E MODALITA’ DI RACCOLTA O COLTIVAZIONE: gli stimmi, chiamati volgarmente anche barbe di mais, si raccolgono dalla parte superiore della pannocchia durante la fioritura della pianta.

UTILIZZO

PARTE UTILIZZATA: stimmi.

COME SI USA IN COSMETICA: in cosmetica si utilizza l’olio di mais (ricavato dal germe del seme) per la preparazione di saponi, oli per il corpo e creme dall’effetto idratante ed elasticizzante sulla pelle.

COME SI USA IN CUCINA: i chicchi del mais sono utilizzati per la produzione dell’olio di mais, oppure vengono macinati ottenendo la farina di mais con cui si prepara la polenta oppure quando la pannocchia è tenera e giovane, i chicchi possono essere bolliti e mangiati tali e quali.

PROPRIETA’ E BENEFICI

COMPONENTI

  • Sali minerali
  • Flavonoidi
  • Mucillagini
  • Olio essenziale
  • Polifenoli tannici

PROPRIETA’ SALUTISTICHE PRINCIPALI

Le principali proprietà benefiche degli Stimmi di Mais sono:

  • Diuretica, depurativa
  • Lenitiva delle vie urinarie
  • Favorisce l’eliminazione degli acidi urici
  • Favorisce la produzione e la fuoriuscita della bile (azione coleretica e colagoga)

FORME IN CUI SI UTILIZZA

Ecco alcuni utilizzi, quando assumerlo e la posologia.

  • Infuso: mettere un cucchiaio di erba secca in una tazza di acqua bollente e lasciare riposare per 10 minuti. Filtrare e bere 2/3 tazze al giorno.
  • Tintura madre (Soluzione Idroalcolica): 50-60 gocce 2 volte al giorno, sciolte in acqua
  • Estratto secco: 400/500 mg al giorno

RIMEDIO NATURALE PER:

A cosa serve? Utile come rimedio naturale in caso di:

  • Ritenzione idrica
  • Inestetismi della Cellulite
  • Depurazione dei reni
  • Coadiuvante nelle diete dimagranti
  • Renella e piccoli calcoli renali
  • Depurazione delle vie urinarie
  • Gotta

CONTROINDICAZIONI: evitare di assumere insieme a farmaci diuretici, in gravidanza, durante l’allattamento e nelle persone con ipersensibilità individuale alla pianta, in quanto può avere effetti collaterali.

Il mais (Zea mays L., 1753) è una pianta erbacea annuale della famiglia delle Poaceae, tribù delle Maydeae: addomesticato dalle popolazioni indigene in Messico centrale in tempi preistorici circa 10.000 anni fa, è uno dei più importanti cereali, largamente coltivato sia nelle regioni tropicali sia in quelle temperate, in quest’ultimo caso a ciclo primavera-estate.

Base alimentare tradizionale delle popolazioni dell’ America Latina e di alcune regioni dell’Europa e del Nordamerica, nelle regioni temperate è principalmente destinato all’alimentazione degli animali domestici, sotto forma di granella, farine o altri mangimi, oppure come insilato, generalmente raccolto alla maturazione cerosa; è inoltre destinato a trasformazioni industriali per l’estrazione di amido e olio oppure alla fermentazione, allo scopo di produrre per distillazione bevande alcoliche o bioetanolo a scopi energetici.

L’infiorescenza femminile, che porta le cariossidi, si chiama correttamente spadice, ma viene più spesso impropriamente chiamata “pannocchia”, mentre la pannocchia propriamente detta è l’infiorescenza maschile posta sulla cima del fusto (stocco) della pianta, che di contro viene talvolta chiamata impropriamente “spiga” per il suo aspetto. Le cariossidi sono fissate al tutolo e il tutolo è fissato alla pianta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.