Inquinamento atmosferico: quali città europee hanno la migliore qualità dell’aria?

Le città più pulite d’Europa in termini di qualità dell’aria nel 2020 e nel 2021 sono state Umeå in Svezia e Faro e Funchal in Portogallo secondo il visualizzatore di dati sulla qualità dell’aria delle città europee aggiornato pubblicato oggi dall’Agenzia europea dell’ambiente (AEA). Oltre al visualizzatore, l’AEA ha anche pubblicato due rapporti che esaminano le emissioni di inquinanti atmosferici, oggetto di diversi requisiti dell’UE e dell’UNECE.

Oltre 340 città sono incluse nel visualizzatore europeo della qualità dell’aria nelle città. Le città sono classificate dalla  più pulita alla  più inquinata in base ai livelli medi di particolato fine (PM 2,5 ). I dati alla base della classifica sono stati raccolti da oltre 400 stazioni di monitoraggio nei paesi membri del SEE negli ultimi due anni solari. Dal 2020 al 2021, la qualità dell’aria è stata buona solo in 11 città , il che significa che i livelli di PM 2,5 erano al di sotto delle linee guida sanitarie dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per l’esposizione a lungo termine a PM 2,5 di 5 microgrammi per metro cubo d’aria ( 5 μg/m3 ) . La linea guida è stata superata nel 97% delle 343 città europee incluse nel viewer.

Al contrario, il valore limite annuale dell’Unione Europea (UE) per il PM 2,5 di 25 µg/m 3 è stato superato solo nelle tre città più inquinate , tra cui Nowy Sacz, in Polonia, e Cremona e Padova in Italia, evidenziando la differenza tra l’OMS linea guida e la norma UE.

Il visualizzatore d’aria per città europee può essere utilizzato per verificare la qualità dell’aria nelle città europee negli ultimi due anni. Lo spettatore si concentra sulle concentrazioni a lungo termine di PM 2,5 , poiché l’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico provoca gli effetti più gravi sulla salute e il PM 2,5 è l’inquinante atmosferico con il maggiore impatto sulla salute in termini di morte prematura e malattie.

Maggiori informazioni e collegamento a European City Air Quality Viewer

Progressi contrastanti nel rispetto degli impegni di riduzione delle emissioni dell’UE

In base alla  direttiva sugli impegni nazionali per la riduzione delle emissioni (NEC) , gli Stati membri dell’UE sono tenuti a rispettare gli impegni nazionali di ridurre le emissioni di cinque inquinanti atmosferici al fine di fornire aria pulita per la salute umana e l’ambiente. Ai sensi della direttiva, l’anno 2020 ha visto il passaggio a una nuova serie più ambiziosa di impegni nazionali di riduzione delle emissioni.

Nel 2020 (ultime informazioni disponibili), poco meno della metà degli Stati membri ha rispettato tutti i propri impegni nazionali di riduzione delle emissioni secondo la relazione annuale dell’AEA pubblicata oggi, che esamina i progressi degli Stati membri nella riduzione delle principali emissioni di inquinanti atmosferici.

Sulla base dell’analisi dei dati forniti dagli Stati membri e non ancora completamente verificati dalla Commissione, la relazione ha rilevato che la sfida più grande rimane la riduzione delle emissioni di ammoniaca dall’agricoltura , con 11 Stati membri che devono ridurre i propri livelli di emissioni. Solo 13 Stati membri hanno rispettato i propri impegni per ciascuno dei cinque principali inquinanti (ossidi di azoto, composti organici volatili diversi dal metano, ammoniaca, anidride solforosa e PM 2,5 ). Quattordici Stati membri non hanno rispettato i propri impegni di riduzione delle emissioni per almeno uno dei cinque principali inquinanti atmosferici.

L’analisi dell’AEA si basa sui dati più recenti dell’inventario delle emissioni di inquinanti atmosferici, come comunicati dagli Stati membri nel febbraio 2022. Ha costituito la prima opportunità per valutare le prestazioni di riduzione delle emissioni rispetto agli impegni di riduzione delle emissioni per il periodo 2020-2029.

Direttiva sugli impegni nazionali di riduzione delle emissioni che riporta lo stato di rendicontazione 2022

Rapporti ai sensi della Convenzione aerea dell’UNECE

Insieme al briefing dell’AEA sulla direttiva NEC, l’AEA ha anche pubblicato la relazione annuale sull’inventario delle emissioni dell’UE 1990-2020 che esamina le emissioni di inquinanti atmosferici dichiarate dall’UE ai sensi della convenzione UNECE sull’aria. Il rapporto ha mostrato una continua, anche se di recente rallentamento, tendenza al ribasso delle emissioni dal 1990 al 2020 di sei principali inquinanti atmosferici: monossido di carbonio, ammoniaca, ossidi di azoto, composti organici volatili non metanici, ossidi di zolfo e particolato. Le emissioni di ammoniaca hanno mostrato il calo minore dal 1990.

IL nuovo St. Pete Pier by Rogers Partners

La “collana verde” del litorale pubblico lungo il centro è ciò che rende St. Pete così speciale, hanno capito gli architetti, non solo il molo come attrazione isolata. “Ci ha fatto guardare il nuovo molo sotto una luce completamente diversa, come un’estensione di quel sistema di parchi”, dice Lee, con programmi e topografia molto più…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.