I 4 musei da vedere vicino alla stazione di Milano Centrale

La città di Milano ha davvero poco da invidiare da un punto di vista culturale alle altre città d’arte d’Italia. Per quanto la storia del capoluogo Lombardo sia meno nota di quella fiorentina, veneziana o Romana, al giorno d’oggi Milano è un epicentro culturale senza precedenti, che ha capitalizzato su di sé un’impronta storica e culturale di proporzioni impressionanti.

Credito foto

Per un qualche curioso scherzo del caso, molti dei musei più interessanti e importanti di Milano si trovano a giusto un paio di chilometri dalla stazione di Milano Centrale. Questo vuol dire che è possibile visitarli con una semplice passeggiata di circa mezz’ora una volta usciti dalla stazione, senza nemmeno dover prendere mezzi pubblici (che comunque sono presenti, e sono un ottimo metodo per spostarsi lungo tutta la città).

Per godersi al meglio i musei, innanzitutto, è bene lasciare le proprie valigie al sicuro: a nessuno piace esplorare l’arte con dietro trolley e borsoni. A tal proposito, perché non approfittare dei depositi bagagli vicino alla stazione di Milano centrale? Il massimo della comodità e della sicurezza a portata di turista!

Pinacoteca di Brera

In via Brera 28 c’è la Pinacoteca di Brera, una delle più importanti di tutta Italia e di sicuro uno dei musei più importanti di tutto il capoluogo lombardo. La pinacoteca di Brera nasce durante la seconda metà del ‘700 e diventa, durante il corso degli anni, uno dei più vasti e rilevanti complessi di Milano.

La pinacoteca, infatti, vanta ben 24000 metri quadri di superficie adibiti a museo. Il suo pezzo forte è senza dubbio la raccolta di quadri e dipinti, quasi tutti appartenenti alle scuole venete e lombarde. Non mancano anche altri pezzi provenienti da altri stili della storia italiana, spesso giunti nelle collezioni grazie alle donazioni.

Il percorso espositivo della Pinacoteca è davvero vasto, partendo dalla preistoria per arrivare fino all’arte contemporanea, con particolare occhio alle grandi opere relative al ventesimo secolo. L’impostazione particolare del museo fu conferita dalla direzione dello stesso durante l’epoca napoleonica: per volontà dei francesi, infatti, la Pinacoteca fungeva da polo espositivo per le opere prelevate da chiese e conventi.

L’ambiente tranquillo della pinacoteca lo rende il luogo perfetto per trascorrere qualche ora immersi nella bellezza e nell’arte. Il museo è aperto tutti i giorni (lunedì escluso) e il biglietto intero ha un prezzo pari a 10€.

Gallerie d’Italia

In Piazza della Scala 6 è possibile trovare la sede milanese di Gallerie d’Italia, ovvero uno dei percorsi espositivi realizzati da Intesa SanPaolo così da rendere disponibile il patrimonio artistico ed architettonico accumulato durante il corso degli anni. 

Lo spazio espositivo milanese ha aperto nel 2011 e si trova tra Palazzo Anguissola Antona Traversi, Palazzo Brenni ed il Palazzo della Banca Commerciale Italiana, a 2 chilometri dalla stazione di Milano Centrale.

Il focus del percorso espositivo delle Gallerie d’Italia è doppio: da una parte c’è un’enorme collezione di opere legate all’Ottocento italiano, con opere di artisti come Canova e Boccioni, ma anche Francesco Hayez, Giuseppe Molteni o Francesco Filippini; la seconda parte, invece, è più contemporanea, e si concentra sugli artisti del ventesimo secolo. Tra questi troviamo Mario Schifano, Piero Manzoni, Salvatore Garau e tanti altri.

Al netto del percorso, sicuramente un poco labirintico, le Gallerie d’Italia vantano un’alta concentrazione di capolavori inseriti all’interno di un contesto di pregio e a soli pochi minuti di camminata.

Museo Poldi Pezzoli

fonte

Gian Giacomo Poldi Pozzoli è stato uno dei più raffinati collezionisti d’arte del XIX secolo e quella che una volta era la sua casa è stata trasformata in un museo incredibile. La passione per l’arte del collezionista ha permesso di trasformare la sua dimora in un luogo dove potersi gustare la bellezza del mondo. Il collezionista, infatti, nel testamento dichiarava di voler far sì che la casa e le opere contenute diventassero parte di una fondazione artistica collegata alla pinacoteca di Brera.

Cosa è possibile vedere al Museo Poldi Pezzoli? Questo museo milanese ha una ricca collezione di arte ed oggettistica tra porcellane, orologi, arredi, armi, sculture e dipinti. La casa museo, oltre ad essere meravigliosa da visitare, possiede diverse opere di una certa importanza.

Qualche esempio: la Madonna del Libro di Sandro Botticelli e le Gondole sulla laguna di Francesco Guardi; ci sono anche il San Nicola da Tolentino di Piero della Francesca e il Ritratto di Giovane Dama di Antonio del Pollaiolo. Completano le collezioni altre opere di rilievo come il crocifisso di Raffaello o le vetrate dantesche di Giuseppe Bertini.

Il museo si trova in Via Manzoni 12, a pochi passi dal Teatro alla Scala, dal rispettivo museo e dalle Gallerie d’Italia. Il biglietto costa 18 euro ed è aperto dalle 10 alle 18 tutti i giorni, martedì escluso.

Museo del Risorgimento

All’interno di Palazzo Moriggia, anche questo posizionato non troppo distante dalla Pinacoteca di Brera, c’è il Museo del Risorgimento Italiano. Alle spalle dell’Orto Botanico di Brera è possibile esplorare un pregevole percorso espositivo permanente che non fa altro che ripercorrere la storia della nostra nazione e del nostro popolo.

Dal sorgere delle prime tensioni indipendentiste alla nascita del paese vero e proprio, con tanto di proclamazione di Roma capitale, il Museo del Risorgimento segue da vicino i primi passi della nostra nazione, accompagnando a reperti storici anche opere d’arte dell’epoca.

Il percorso espositivo, infatti, mette fianco a fianco la pittura romantica Lombarda a partire dagli anni Quaranta del diciannovesimo secolo per arrivare alla pittura contemporanea all’Unità d’Italia. Questo percorso permette di saggiare la crescita delle icone e le diversificazioni dell’immaginario di questo specifico periodo.

Non mancano le sculture all’interno del museo, per lo più busti marmorei di personaggi storici, letterati e politici appartenenti a quella precisa epoca del nostro paese.

Per entrare al Museo del Risorgimento Italiano è necessario pagare un biglietto dal costo di 12 euro; una visita dura circa 90 minuti. Il museo è aperto dal martedì alla domenica dalle 10 alle 17.30.

Fonte

http://www.museodelrisorgimento.mi.it/

Museo Poldi Pezzoli – Case Museo di Milano

https://artsupp.com/it/milano/musei/palazzo-moriggia-museo-del-risorgimento

Gallerie di piazza della Scala – Wikipedia

Pinacoteca di Brera | Official Website (pinacotecabrera.org)

Residenze della Real Casa Savoia

Quando Emmanuel-Philibert, Duca di Savoia, trasferì la sua capitale a Torino nel 1562, iniziò una vasta serie di progetti edilizi (portati avanti dai suoi successori) per dimostrare il potere della casa regnante. Questo eccezionale complesso di edifici, progettato e abbellito dai principali architetti e artisti dell’epoca, si irradia nella campagna circostante dal Palazzo Reale nella…

Continua a leggere

Villa Gavotti della Rovere Albissola Superiore (SV)

Veniva chiamata la Cà grande, probabilmente era un caseggiato a due piani fiancheggiato da una torre. La tradizione la riconosce casa natale di Giuliano della Rovere, poi divenuto nel 1503 Giulio II, il pontefice umanista, mecenate di Michelangelo e di Bramante. Le antiche carte dicono che appartenesse ai della Rovere da tempo immemorabile. Nel Settecento…

Continua a leggere

Candidature al Patrimonio Culturale Immateriale per il ciclo 2021 da presentare al Segretariato Unesco- IHC Unesco

“Cerca e cavatura del Tartufo in Italia: conoscenze e pratiche tradizionali”, candidatura che valorizza un patrimonio che da secoli caratterizza la vita rurale di ampie porzioni del territorio italiano. – I giochi tradizionali, radicati nella vita quotidiana delle comunità – allevamento del cavallo Lipizzano rappresenta un complesso patrimonio di conoscenze e pratiche tramandatesi nel corso…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *