Frick Environmental Center

Centro di Apprendimento vivente per l’educazione ambientale esperienzale

L’ubicazione di questo progetto è straordinaria, migliorando le viste dal modo in cui si inserisce attentamente nella topografia.

Integrazione

Frick Environmental Center

L’edificio e il suo sito di quattro acri fungono da porta d’accesso al Frick Park boscoso di 644 acri di Pittsburgh e incarnano l’ideale vicinanza alla natura che è servito da ispirazione per la formazione del parco più di 90 anni fa. Il centro esemplifica i principi di equità, apprendimento esperienziale e impegno pubblico ed è accogliente e inclusivo per tutti. Una joint venture tra la città di Pittsburgh e la Pittsburgh Parks Conservancy, il centro è certificato LEED Platinum e Living Building, di proprietà municipale e ha l’ingresso gratuito.

Il centro dimostra la missione della Conservancy di ripristinare i parchi in rovina della città e ristabilire un ciclo di gestione. L’intensa attività di sensibilizzazione e impegno della comunità si è svolta durante tutte le fasi di pianificazione, progettazione e costruzione e continua a funzionare bene per mantenere l’orgoglio della proprietà che costruisce la sostenibilità a lungo termine.

In qualità di aula principale per la programmazione educativa di Pittsburgh Parks Conservancy, l’edificio e il sito circostante sono ecosistemi educativi sia per un’educazione all’aria aperta immersiva che per lezioni pratiche sulla sostenibilità.

Le strategie di progettazione biofila utilizzate durante il progetto invitano e riparano, spingendo delicatamente i visitatori del parco dai quartieri adiacenti verso il cuore del parco alberato.

L’edificio a tre piani è annidato in un pendio esistente e protetto da un semplice tetto che poggia su sottili colonne. Un fienile di servizio, un anfiteatro all’aperto, portoni storici in pietra restaurati e una fontana completano il sito.

La bellezza e la storia sostenibile del centro ispirano nuovi visitatori e allo stesso tempo li incoraggiano a cimentarsi con l’impatto della nostra umanità in un ecosistema naturale dinamico, di cui facciamo parte, ma da cui siamo intrinsecamente distanti.

Il centro fornisce il palcoscenico per il discorso pubblico su questo delicato equilibrio.

Comunità

l progetto del Frick Environmental Center si espande sul masterplan originale degli anni ’30 di Frick Park, che prevedeva che il terreno fungesse da parco pubblico selvaggio e densamente boscoso, fornendo svago e relax ai residenti della città industriale di Pittsburgh.

Questo parco amato e ben utilizzato ora collega otto quartieri distinti della città attraverso un sistema intrecciato di sentieri pubblici.

Situato lungo il bordo orientale del parco, il centro è altamente accessibile a piedi, in auto e con i mezzi pubblici.

Con ampi parcheggi in strada e ampi marciapiedi e piste ciclabili, i visitatori vengono condotti direttamente dai quartieri all’ingresso del sito. Gli spazi democratici come i parchi pubblici incarnano l’equità sociale a tutti i livelli.

Il centro offre oltre 350 diversi programmi pubblici per l’educazione ambientale, che servono oltre 6.000 partecipanti all’anno, con la maggior parte della popolazione studentesca proveniente da quartieri scarsamente serviti.

L’impegno precoce e prolungato della comunità per la visione del centro è stato fondamentale per il suo successo come risorsa pubblica. Più di 1.000 parti interessate (gruppi per il miglioramento del quartiere, studenti K-12, RAND Corporation, Università di Pittsburgh Graduate School of Public and International Affairs e comitati della città e della contea) sono stati attivi nel processo, partecipando a workshop, forum, esercizi di brainstorming e tour.

ECOLOGIA

Lavorare su un sito trascurato all’ingresso di un parco pubblico attivo ha presentato diverse sfide.

Per ristabilire gli ecosistemi nativi presenti nel parco esterno, è stato necessario affrontare questioni ecologiche come la crescita eccessiva, le specie invasive, l’erosione, le inondazioni e l’inquinamento dell’acqua e del suolo.

Per ridurre al minimo l’interruzione degli habitat naturali, il nuovo edificio a tre piani si trova all’interno dell’impronta dell’ex centro scolastico abbandonato.

La rimozione di piante invasive in tutto il sito ha consentito la piantumazione di oltre 7.000 nuove piante autoctone, inclusi 200 nuovi alberi autoctoni.

Questo nuovo paesaggio contiene prati, boschi aperti, fitti boschi e aree di piantagione di zone umide che supportano la biodiversità e il ripristino degli habitat per impollinatori, mammiferi, rettili, insetti e uccelli.

Specie resistenti o adattive sono state scelte per emulare la biodiversità degli ecosistemi indigeni.

Il piano paesaggistico supporta la successione naturale con erbe autoctone che possono superare le erbacce e preparare il terreno per le specie più vulnerabili.

Per promuovere l’apprendimento esperienziale, ogni area di impianto conserva il suo habitat particolare all’interno dell’ecosistema più ampio.

Gli elementi di design, comprese le finestre dal pavimento al soffitto e l’aula all’aperto, collegano visivamente e fisicamente gli utenti al sito.

Le vetrate a prova di uccello e l’illuminazione conforme al cielo scuro riducono al minimo gli impatti negativi su uccelli e altri animali.

ACQUA

Il centro gestisce l’acqua in modo sia tecnico che celebrativo.

Mantenendo la divisione naturale del sottodrenaggio del sito, il flusso d’acqua attraverso il sito preserva e ripristina il flusso idrico ecologico naturale, particolarmente importante in un’area che sopporta l’inquinamento da fonte non puntuale e gli straripamenti fognari combinati.

L’acqua piovana che cade a nord ‘dell’allée’ riempie lo spartiacque Fern Hollow, mentre l’acqua piovana a sud ricostituisce lo spartiacque Nine Mile Run.

Questo spartiacque in particolare è stato suscettibile all’erosione dovuta alle inondazioni.

Il reimpianto dei pendii delle colline e l’incorporazione di vaste zone umide costruite riduce l’erosione, aumentando la salute del torrente.

L’acqua piovana a nord del sito viene raccolta da tettoie solari in una cisterna sotterranea da 15.000 galloni per l’uso di acqua non potabile.

Sul lato sud del sito, in un elemento chiamato velo antipioggia, l’acqua piovana cade in una cortina d’acqua dinamica dal bordo settentrionale del tetto, visibile dall’interno e dall’esterno.

Da lì, l’acqua piovana incanala nel burrone, una caratteristica acqua di arenaria a gradini che evoca la geologia dello scisto della regione.

L’acqua serpeggia scherzosamente lungo la collina dell’anfiteatro, continuando il suo viaggio verso le zone umide sottostanti, contribuendo a ripristinare questa sezione di Nine Mile Run.

ECONOMIA

La creazione di spazi adattabili e ben proporzionati è stato un importante fattore programmatico per soddisfare le esigenze dei numerosi stakeholder del progetto.

La maggior parte dei servizi del centro, sia interni che esterni, possono essere prenotati da gruppi della comunità locale, compreso l’anfiteatro all’aperto che ospita piccoli raduni e grandi eventi.

All’interno, due piccole aule possono combinarsi in un’unica grande stanza per supportare più funzioni pubbliche e comunitarie.

Una serie di strategie ingegneristiche e strumenti di modellazione energetica sono stati utilizzati per quanto riguarda i sistemi di costruzione per valutare le implicazioni dei costi nelle prime fasi del processo di progettazione. Ad esempio, le analisi delle prestazioni economiche hanno suggerito la riduzione dell’isolamento del tetto rispetto al potenziale risparmio energetico dell’isolamento durante la vita utile del tetto.

Allo stesso modo, il desiderio di utilizzare un tubo di terra per precondizionare l’aria di alimentazione è stato infine eliminato per ragioni di costi e prestazioni simili.

In alternativa, un sistema a pompa di calore geotermico è stato determinato per essere conveniente durante il ciclo di vita del centro, nonostante l’investimento iniziale.

Olisticamente, l’impegno a creare una struttura pubblica all’avanguardia per l’educazione e la scoperta ambientale esperienziale ha aggiunto un valore tangibile alla comunità e alla città e continuerà a farlo anche in futuro.

ENERGIA

Durante la pianificazione del Frick Environmental Center è stata data priorità alle strategie di progettazione passiva.

Situato nel clima di quattro stagioni della Pennsylvania occidentale, il centro si avvale di una serie di approcci, tra cui sito / orientamento, grandi sporgenze del tetto e ventilazione naturale.

Le strategie di fonte / fornitura attive includono una pompa di calore geotermica che serve il riscaldamento radiante dell’edificio, mentre le finestre azionabili manualmente forniscono un’abbondante ventilazione naturale.

L’ombreggiatura trasparente della matrice fotovoltaica nel parcheggio contribuisce ulteriormente al risparmio energetico.

I dati recenti raccolti negli ultimi 24 mesi di occupazione hanno indicato un surplus di fornitura di energia dal campo fotovoltaico in loco, consentendo al progetto di restituire energia alla rete, ottenendo energia netta positiva durante tutto l’anno.

Un sistema di luci rosse / verdi avvisa gli occupanti delle condizioni climatiche esterne, incoraggiando gli utenti a interagire personalmente con i sistemi e gestire il flusso d’aria naturale.

Nel complesso, lo scopo del centro – servire come struttura ambientale educativa – è stata un’eccellente opportunità per il team di progettazione di utilizzare le strategie degli utenti finali.

Gli edifici passivi interagiscono con gli occupanti attivi e, quindi, la riduzione consapevole del consumo di energia da parte di tutti gli occupanti dell’edificio offre opportunità di apprendimento, contribuendo a ridurre ulteriormente il consumo di energia.

BENESSERE

La promozione del benessere per gli occupanti dell’edificio a tempo pieno e in visita era una delle principali priorità per questa struttura pubblica.

Tutte le aree regolarmente occupate godono di abbondante luce naturale, vista sulla natura e accesso all’aria fresca fornito da finestre in legno dal pavimento al soffitto.

Il sistema di ventilazione naturale fornisce il mezzo principale per il condizionamento dell’edificio e include un sistema di luci rosse / verdi per avvisare gli occupanti quando aprire o chiudere le finestre.

Brevi divisori per la privacy tra le postazioni di lavoro creano spazi personali e acusticamente gestiti che consentono anche l’illuminazione diurna e le viste per tutti. È vietato fumare in tutto il sito e nel parco. La conformità alla Lista Rossa ha assicurato l’uso di materiali sani, e seguendo la politica stabilita di “pulizia verde” assicura che l’edificio venga pulito con prodotti sani.

Gli spazi interni / esterni, come l’aula all’aperto, il balcone e il portico privato del personale consentono ai dipendenti di interagire con la natura; il deposito biciclette e le docce per il personale promuovono ulteriormente attività sane all’aperto.

I risultati dell’indagine post-occupazione mostrano che la felicità, il comfort e la produttività complessivi dei dipendenti sono aumentati da quando si è trasferito al centro. Una migliore regolazione di temperatura, ventilazione e umidità ha portato a un ambiente di lavoro più confortevole.

Il personale ha anche evidenziato una migliore qualità dell’aria interna come fattore della loro esperienza lavorativa superiore.

RISORSE

La tavolozza dei materiali del centro dà la priorità all’uso di prodotti naturali di provenienza regionale, che è stato fondamentale per soddisfare il petalo dei materiali della Living Building Challenge e rispettare la Lista Rossa.

I materiali utilizzati – cemento, alluminio, acciaio, pietra e rivestimenti in robinia (un legno regionale che non richiede trattamento, macchia o sigillante) – esemplificano semplicità e durata e sono destinati a resistere agli agenti atmosferici e naturalmente alla patina nel tempo.

Per sostenere le economie regionali e ridurre gli impatti ambientali associati ai trasporti, i materiali da costruzione sono stati acquistati a livello regionale in base al peso e, ove possibile, sono stati assunti subappaltatori e commercianti locali.

Durante la costruzione, oltre il 99 per cento dei rifiuti del cantiere è stato deviato dalla discarica.

In linea con la missione guidata dalla comunità di Pittsburgh Parks Conservancy, artisti locali esperti nell’uso di pietra, metallo e legno hanno creato opere d’arte pubbliche permanenti per il centro, migliorando notevolmente la profondità e la ricchezza del design del progetto.

Un falegname locale ha riproposto alberi invasivi abbattuti durante la costruzione, utilizzando il legno per i mobili del centro e il banco della reception principale; un artista metalmeccanico locale ha creato elementi in metallo ornamentali per i ponti d’ingresso e le portali storiche; e un notevole artista paesaggista ha progettato una fontana topografica in arenaria, creando un’oasi urbana per gli appassionati di tutte le età che possono giocare sotto la pioggia.

Cambiamenti

Il sito del Frick Environmental Center è stato a lungo un luogo amato dalla congregazione della comunità.

Uno dei più grandi spazi di ritrovo pubblico della zona, il centro è progettato per essere adattabile nel suo utilizzo e resiliente nella sua volumetria, selezione dei materiali e sopravvivenza passiva.

Per garantire una lunga durata del centro, sono state prese una serie di decisioni di progettazione chiave nelle prime fasi del processo di progettazione. I materiali da costruzione primari – muratura, cemento e acciaio – sono stati selezionati per la loro durata e resistenza.

Le grandi sporgenze del tetto, le volumetrie compatte degli edifici e gli accurati dettagli delle finestre aiutano a ridurre al minimo il guadagno solare mantenendo la vista e il collegamento con la natura. Le planimetrie aperte e un ingresso a livello su ogni piano consentono una moltitudine di usi degli edifici, pubblici o privati, e preservano il potenziale per la riconfigurazione dell’edificio o la manutenzione di utenti simultanei, in caso di necessità future.

Il centro utilizza strategie di progettazione sostenibile passiva come base per i suoi sofisticati sistemi meccanici. Il progetto si basa sull’acqua piovana raccolta, sull’energia dal campo fotovoltaico e sulla ventilazione naturale, che consentono all’edificio di mantenere la funzione nonostante lo stress o lo shock.

Scoperte

Con un livello eccezionale di granularità, questo progetto è stato in grado di superare le metriche previste e diventare zero energia netta e acqua

Il Frick Environmental Center, che ha aperto nel settembre 2016, ha accolto più di 200.000 persone, superando le aspettative come strumento di insegnamento e superando i suoi modelli come un Living Building positivo.

Il team del progetto, nel suo impegno per la formazione continua, ha condiviso le lezioni apprese sulle prestazioni dell’edificio con una varietà di pubblicazioni nazionali e regionali.

Le presentazioni sul centro si sono svolte alla Conferenza sul futuro vivente, alla Convenzione nazionale dell’AIA e ad altre piattaforme regionali, con un pubblico che include educatori, professionisti del settore, responsabili politici e la comunità.

Questo outreach è stato sia olistico che granulare in profondità, spaziando dal concept design all’analisi mirata delle metriche di energia e acqua.

Il team del progetto ha anche partecipato a un seminario di formazione sulla leadership per il gruppo King County GreenTools dello stato di Washington, fornendo indicazioni per il perseguimento dei futuri progetti municipali della Living Building Challenge a Seattle e nella più ampia contea di King.

Ora pienamente certificato come edificio vivente dall’International Living Future Institute, il continuo successo del Frick Environmental Center è assicurato da un team impegnato che continua a collaborare attivamente.

I risultati straordinariamente positivi della creazione di utenti in sondaggi post-occupazione, revisioni online e rapporti locali sono un’ulteriore testimonianza della filosofia globale alla base della Living Building Challenge.

Fonte @AIA.ORG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.