Chiodi di Garofano, Sygygium aromaticum

Caratteristiche botaniche:

NOME COMUNE: Chiodi di Garofano

Chiodi di Garofano

NOME SCIENTIFICOSyzygium aromaticum (L.) Merr&L.M. Perry, Eugenia caryophyllus (Spreng.) Bullock&S.Harrison

FAMIGLIA: Myrtaceae

NOMI POPOLARI: Clavero

NOMI STRANIERI:

  • (Eng) Clove
  • (Fra) Giroflier
  • (Ger) Gewurznelke
  • (Spa) Clavo de olor, Girofle

DESCRIZIONE E STORIA

DESCRIZIONE BOTANICA

  • Portamento: albero sempreverde alto fino a 10-12 metri.
  • Foglie: coriacee e dalla forma lanceolata, sono provviste di punti traslucidi dovuti alla presenza di ghiandole.
  • Fiori: sono caratterizzati da un ricettacolo allungato e carnoso al di sopra del quale si trovano il calice e la corolla composta da quattro petali di colore rossastro.

ETIMOLOGIA DEL NOME/STORIA E TRADIZIONI:

Contrariamente a quello a cui il nome potrebbe far pensare, non ha nulla a che vedere con la pianta del garofano, ma i boccioli vengono chiamati “chiodi di garofano” per la somiglianza a un garofano che assumono una volta essiccati.

DOVE SI TROVA

HABITAT: si tratta di una pianta tropicale, originaria dalle isole dell’arcipelago indonesiano. E’ coltivato sia in queste zone, sia in altre con clima tropicale come Brasile, Antille, isole dell’oceano Indiano.

TEMPO E MODALITA’ DI RACCOLTA O COLTIVAZIONE: i boccioli dei fiori si raccolgono a mano prima della fioritura.

UTILIZZO

Ecco a cosa servono e come si usano i chiodi di Garofano in erboristeria e in cucina.

PARTE UTILIZZATA: boccioli dei fiori non ancora aperti, detti “chiodi di garofano”.

COME SI USA IN COSMETICA: i preparati a base di chiodi di garofano vengono utilizzati per uso topico per l’igiene e la pulizia del cavo orale. Un tempo i chiodi di garofano erano impiegati nelle medicazioni dentistiche per la loro azione anestetica.

COME SI USA IN CUCINA: i chiodi di garofano possono essere impiegati in varie ricette per aromatizzare vari tipi di cibi, come ad esempio la selvaggina, e bevande come ad esempio il vin brulé o i liquori.

PROPRIETA’ E BENEFICI

PRINCIPALI COMPONENTI

  • Olio essenziale composto prevalentemente da eugenolo (70-90%)
  • Tannini
  • Flavonoidi
  • Acidi fenolcarbonici, muccilagini

PROPRIETA’ SALUTISTICHE PRINCIPALI

Le principali proprietà benefiche dei chiodi di Garofano sono:

  • Favorisce la regolare motilità gastro-intestinale e l’eliminazione dei gas
  • Digestiva
  • Purificante
  • Antiossidante
  • Anestetica locale
  • Balsamica

FORME IN CUI SI UTILIZZA

Ecco alcuni utilizzi, quando usarlo e la posologia (dose giornaliera). Infuso: lasciare in infusione 1 cucchiaino di chiodi di garofano in una tazza di acqua bollente per circa 10 minuti. Filtrare e bere 2-3 tazze al giorno Soluzione idroalcolica (tintura madre): 50-60 gocce 2 volte al giorno, sciolte in un po’ d’acqua Olio essenziale: diluito in acqua al 2-3% per gargarismi.

RIMEDIO NATURALE PER:

A cosa fanno bene i fiori di Garofano? In fitoterapia sono utili come rimedi naturali per:

  • Digestione lenta e difficile
  • Gonfiore, flatulenza, aerofagia
  • Disturbi da raffreddamento
  • Mal di denti
  • Pulizia del cavo orale (uso esterno)

CONTROINDICAZIONI: la letteratura non segnala particolari effetti collaterali e controindicazioni, se non in caso di ipersensibilità individuale. Non utilizzare l’olio essenziale per uso interno, se non sotto consiglio di un esperto. Per uso esterno l’olio essenziale può essere caustico sulla pelle, quindi non va utilizzato puro ma diluito in una crema o in un olio vegetale. Evitare di applicarlo sulla cute lesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.