Calabria
PATATA DELLA SILA IGP

Scarica in formato PDF il DISCIPLINARE PATATA DELLA SILA IGP

La Patata della Sila IGP appartiene alla specie “Solanum tuberosum” ottenuta dalle seguenti varietà: “Agria”, “Desirèe”, “Ditta”, “Majestic”, “Marabel” e “Nicola”. Quando è immessa al consumo, la patata presenta le seguenti caratteristiche fisiche: la forma è variabile con un calibro di dimensione fino a 76 mm. Il colore della buccia cambia in base alla varietà. Le “Agria”, “Ditta”, “Marabel” e “Nicola” hanno buccia e polpa gialle. La “Majestic” ha polpa bianca e buccia gialla. Infine la “Desirèe” ha la buccia di colore rosso e la polpa gialla.

Metodo di coltivazione

Per coltivare la patata il terreno è arato e liberato dai ristagni d’acqua. La coltura ha una rotazione biennale e la semina si svolge da metà aprile a fine giugno. La raccolta inizia la seconda metà di agosto e finisce il 30 novembre e viene eseguita a mano o con mezzi meccanici. Dopo la raccolta, la patata è conservata in luoghi idonei per almeno 8 mesi. Il disciplinare prevede anche la conservazione in celle frigorifere, ma vieta l’utilizzo di ogni trattamento chimico.

Legame tra il prodotto e il territorio

La Patata della Sila ha un’alta conservabilità. Questa nota distintiva è favorita dalle condizioni pedo-climatiche della zona di produzione. L’area geografica è caratterizzata da forti escursioni termiche che favoriscono la maturazione della patata in maniera lenta e costante. La Patata della Sila è coltivata nella zona da secoli e ad oggi costituisce una delle principali attività economiche degli agricoltori silani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.