Bonsai che passione! Ligustro

I bonsai di ligustro cinese crescono molto velocemente, se ben curati. Per la cura dei bonsai, d’inverno, è importante un’esposizione nella stanza in un posto molto ben illuminato, davanti alla finestra.

Concimazione

Nella stagione vegetativa, la concimazione dovrebbe essere abbondante. Se la pianta riceve troppo poco concime, le foglie potrebbero avere un aspetto giallastro. Con una concimazione adatta, esse avranno un aspetto tendente al verde scuro. Entrambi i concimi importati dal Giappone sono adatti e facili da usare, come tutti i concimi liquidi per bonsai offerti nel negozio. Se si utilizzano i concimi liquidi, durante la stagione di crescita, si può somministrare anche una dose doppia.

Annaffiatura

Come bonsai da interno, il ligustro cinese non ha bisogno di molta più acqua rispetto agli altri bonsai. Soprattutto in inverno. In estate, tuttavia, soprattutto quando viene collocato in giardino, ha bisogno di molta acqua, di solito al mattino e la sera presto.

Esposizione

Se le temperature restano alte per molto tempo, le piante possono essere tranquillamente collocate all’aperto. Ma dovrebbero abituarsi lentamente alla quantità più elevata di luce (rispetto all’atmosfera nella stanza). Meglio dunque collocarle in un posto semi-ombreggiato nelle prime 2 settimane. Quando le temperature sono alte in piena estate, il bonsai consuma molta acqua. Una posizione all’ombra sarà dunque ottimale. Molta luce solare favorisce infatti la crescita. Se in inverno viene curato come un bonsai da interno è importante una posizione molto ben illuminata proprio davanti alla finestra.

Svernamento

Il ligustro cinese non è resistente alle basse temperature. Non dovrebbe essere tenuto a meno di 6° C. A partire da 4° C, si verificano i primi danni dovuti al freddo.

Rinvaso

Con una buona cura, questi bonsai crescono rapidamente e riempiono completamente il substrato di radici dopo 2-3 anni. È allora che andrebbe rinvasato, meglio se a fine febbraio in un substrato ben drenante come Akadama o una miscela di Akadama con un substrato per bonsai, come l’ardesia espansa (rapporto 1:1). Quindi ponilo in un luogo luminoso e caldo e non concimarlo per 4 settimane.

Malattie, Parassiti

Se la cura è adeguata, un bonsai di ligustro è poco soggetto a parassiti. Durante lo svernamento si possono osservare periodicamente infestazioni da funghi, che possono essere trattate con prodotti contro i funghi della ruggine disponibili in commercio. Molto più importante è la prevenzione, collocandolo in una posizione molto luminosa e fresca nella stanza.

Filatura, Applicazione filo

È possibile impostare un bonsai di ligustro applicando il filo. Meglio se prima che i germogli diventino più legnosi. Poiché i germogli diventano sempre più spessi, devono essere controllati a intervalli di 4 settimane, affinché il filo per bonsai non lasci dei segni sui germogli.

Potatura

Questo tipo di ligustro cresce molto rapidamente in estate all’aperto con una buona concimazione. Non è raro vederlo crescere di 20 cm in un mese se collocato in una serra. Dopo una potatura drastica, i nuovi germogli escono dopo 2 settimane e dopo un mese sono di nuovo della lunghezza di almeno 5-10 cm. Con una crescita così prepotente, puoi e devi potare drasticamente un bonsai di ligustro 2-3 volte l’anno. Più costantemente lo tagli, più finemente si ramifica il ligustro e le foglie rimangono piacevolmente piccole.

Stile

La maggior parte dei ligustri cinesi sono importati dall’Asia, dove vengono spesso impostati in stile eretto informale – stile Moyogi. Altri stili sono possibili. Per questo dovresti reimpostare completamente un bonsai acquistato (di solito in eretto informale) o costruirlo da zero da giovani piante. In assenza di serra tale operazione richiederebbe molto tempo.

Fiori, Frutti

I ligustri formano infiorescenze terminali con molti piccoli fiori bianchi, seguiti da piccoli frutti neri simili a bacche. È però raro osservare bonsai di ligustro con fiori o frutti. Il motivo è che durante la potatura, che per il ligustro dovrebbe avvenire circa 2-3 volte l’anno, i fiori terminali vengono solitamente tagliati.

Corteccia, Radici

Poiché la corteccia è molto liscia, un bonsai con filo deve essere controllato regolarmente altrimenti questo lascerà segni antiestetici. Le radici non sono importanti nei ligustri in commercio.

Informazioni generali

Il genere di bonsai Ligustro (Ligustrum) comprende più di 50 specie. Alcune specie di ligustro sono conosciute come piante da siepe. Poiché i ligustri presentano una crescita rapida e tollerano bene una potatura drastica, i ligustri sono adatti all’impostazione come bonsai. Tre specie (Ligustrum sinensis – ligustro cinese, Ligustrum vulgaris – ligustro comune, Ligustrum ovalifolium – ligustro a foglie ovali) sono modellate più frequentemente come bonsai. Nei negozi di bonsai viene offerto principalmente il ligustro cinese. È importato dalla Cina in gran numero e come bonsai da interno è molto adatto e popolare. Le seguenti informazioni si riferiscono principalmente ai bonsai di ligustro cinese.

Il ligustro cinese (anche ligustro dalle piccole foglie, con il nome botanico Ligustrum sinensis) è originario dell’Asia, soprattutto della Cina e del Vietnam. Cresce nelle foreste miste come un piccolo albero di 3-4 m di altezza, raramente di più. Il ligustro cinese è anche spesso piantato come siepe. In Cina, il suo legno (noto come legno di cera bianco) viene utilizzato per le frecce perché i germogli sono molto dritti, stabili ma flessibili allo stesso tempo. Nel sud del Nord America, il ligustro cinese si è diffuso in maniera invasiva su oltre 1 milione di ettari dalla sua introduzione, proprio grazie al suo vigore. In Cina, questa specie di ligustro viene spesso coltivata come bonsai. Nel sud della Cina è possibile osservare bonsai di ligustro davanti alle case in quasi tutte le strade. La cura semplice e la sua robustezza lo rendono un buon albero per i bonsaisti alle prime armi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.