Asilong Christian High School

Questa è la storia di una comunità che immagina un futuro diverso per se stessa, iniziando con la ricerca della pace nella regione attraverso l’accesso all’acqua pulita e quindi migliorando le opportunità educative per i diplomati della scuola primaria.

Integrazione

Asilong Christian High School

A causa della sua posizione remota nel nord-ovest del Kenya e all’interno di una comunità di agricoltori di sussistenza e pastori, la vera sostenibilità è stata il motore di ogni decisione progettuale, inclusa l’integrazione progettuale di un ambiente severo, una comunità impegnata e l’economia locale.

Il progetto è un campus di una scuola superiore che al completo istruirà 320 studenti. Le strutture ospitano al suo interno aule, uffici, dormitori e alloggi per insegnanti.

Le condizioni locali sono dure secondo qualsiasi standard: drastiche oscillazioni stagionali tra stagioni secche con sole equatoriale e stagioni umide con forti temporali che erodono il terreno arido e scarsamente piantumato senza alcun collegamento a un sistema idrico o elettrico comunale.

I vincoli e le opportunità di progettazione sono dettati dal luogo: zero energia netta, zero acqua netta, enfasi sui materiali regionali e sulla manodopera locale e l’impegno della comunità per garantire il successo generazionale.

Le strategie guidate da una filosofia integrata seguendo tre linee guida:

  • Rispetta la bellezza del luogo e delle persone fornendo un design semplice e durevole al tempo stesso.
  • Progettare edifici iniziali che siano flessibili nell’uso (aule o uffici o camere da letto).
  • Usa materiali familiari, ma con dettagli e tecniche di costruzione migliorati.

Riconoscere il clima estremo fornendo un’abbondanza di aree ombreggiate, aumentando lo spazio educativo disponibile.

Asilong Christian High School – Plan

Cattura dell’acqua piovana nelle stagioni delle piogge per le necessità quotidiane.

Incoraggiare la capacità dei lavoratori locali di apprendere nuove competenze e migliorare la loro situazione economica (produzione di mattoni in loco, calcestruzzo gettato in opera, fabbricazione di schermi di vimini).

Fornire alloggi per insegnanti che attirino i migliori insegnanti della regione.

Integrare i bisogni originari della comunità per l’acqua, l’istruzione e la salute.

Comunità

Dopo che l’installazione di 10 nuovi pozzi d’acqua ha calmato le tensioni tra le tribù in guerra e portato la pace nella regione, la comunità ha identificato l’accesso all’istruzione scolastica secondaria come il prossimo bisogno critico.

Le idee progettuali iniziali per il campus provenivano da incontri con la comunità che ha donato la terra e la facoltà della scuola primaria che ha condiviso intuizioni critiche sulle norme culturali.

Ora che inizia il suo terzo anno di lezioni, la scuola ha un consiglio di amministrazione che include anziani del villaggio, docenti e personale scolastico, genitori di studenti, membri della comunità e gruppi sponsor.

Dalla produzione di mattoni alla raccolta dei materiali, la manodopera locale viene utilizzata durante tutto il processo di costruzione, con un impatto positivo sull’economia locale.

Le attività in loco delle migliori pratiche agricole e dello sviluppo del bestiame forniscono opportunità educative per gli adulti nella comunità soddisfacendo al contempo i bisogni alimentari di base per studenti e docenti.

Studenti e docenti vivono nel campus, riducendo in modo significativo la dipendenza dai combustibili a base di carbonio. Il trasporto da e per la scuola avviene principalmente durante le pause del trimestre quando le persone camminano (70%) o vanno in moto (30%) a casa.

Inoltre, tutti i requisiti di alimentazione della scuola provengono da energia rinnovabile (solare), quindi le operazioni di costruzione richiedono combustibili a base di carbonio zero.

Più di ogni altra cosa, questa scuola è progettata per essere di e per la comunità.

ECOLOGIA


Il tradizionale stile di vita pastorale delle persone in questa regione crea una popolazione intimamente legata alla terra.

Ciò è evidente in tutti gli aspetti della loro vita, comprese le loro strutture tradizionali.

Lo sviluppo del campus ha mirato ad estendere questo collegamento realizzando edifici che rispondono al clima rigido con ambienti ospitali e confortevoli che supportino le esigenze educative.

Gli edifici sono orientati a catturare le brezze attraverso la ventilazione naturale.

Le grandi sporgenze del tetto sopra i portici e le “breezeways” coperte forniscono ampi spazi di raccolta all’aperto riparati per studenti e docenti al di fuori del normale orario di lezione.

Lo sviluppo del sito in corso mira a mitigare i comuni problemi di erosione causati da forti piogge intermittenti, comprese le piantagioni che supportano anche il programma alimentare della scuola.

La scuola ha ridotto gli acquisti di cibo piantando diversi giardini di cavoli, “sakumawiki” (verdure tradizionali), cavoli e mais.

Questi giardini integrano una dieta sana, il curriculum agricolo della scuola e l’educazione degli adulti per i membri della comunità, il tutto aggiungendosi alle piantagioni native in loco che prevengono un’ulteriore erosione del suolo.

Oltre ad alcuni termitai nel campus, nessun habitat vegetale o animale è stato influenzato dal campus.

“C’è chiarezza e natura elementare nei vari componenti di questo edificio, ciascuno con il proprio scopo e i propri mezzi.”

ACQUA

Questo progetto è nato dalla diminuzione dell’accesso di una comunità all’acqua pulita a causa dello sviluppo a monte e del cambiamento dei modelli climatici.

Con il nuovo accesso all’acqua dolce attraverso i pozzi d’acqua regionali, i bambini potrebbero trascorrere più tempo a scuola invece di percorrere lunghe distanze per ottenere l’acqua quotidiana necessaria.

In meno di tre anni, la popolazione della scuola primaria è passata da 60 studenti a oltre 340.

Il campus si trova in un clima di caldo estremo e siccità stagionale e molto distante da una fonte d’acqua comunale.

Pertanto, tutta l’acqua del campus è fornita da un pozzo in loco che utilizza una pompa a energia solare.

L’acqua viene immagazzinata in serbatoi sopraelevati in tutto il campus e un rubinetto separato viene convogliato fuori dal campus per l’uso della comunità.

Nella maggior parte degli edifici, l’acqua viene raccolta dai tetti e immagazzinata in barili per la pioggia per un uso successivo nel campus, come il lavaggio dei vestiti, la costruzione, il lavaggio dei pavimenti, il bestiame e l’irrigazione.

In alcuni edifici delle aule, l’acqua piovana dai tetti viene convogliata lontano dall’edificio attraverso i canali di scolo nella lastra della veranda e reindirizzata al sito per ricaricare la falda freatica. A causa delle forti ondate di pioggia durante le stagioni umide, lo stoccaggio al 100% dell’acqua piovana non è attualmente economicamente fattibile.

ECONOMIA

Bilanciare abbondanza ed economia è appropriato per questo progetto con base in Africa, dove l’abbondanza si trova regolarmente in mezzo a risorse scarse.

Grandi lezioni vengono apprese ad ogni visita: la comunità incarna un’economia della condivisione che riteniamo nuova; la presenza in loco del team è valutata al di là degli stessi fondi utilizzati per costruire più strutture;l’ora del pasto è lenta e piena di conversazioni; e così via.

Le strutture tradizionali non hanno alcun impatto sull’ambiente, ma durano solo pochi anni. Il rispetto dei rischi sismici regionali, le modifiche ai dettagli di progettazione e il sequenziamento della costruzione aumentano la durata utilizzando materiali tradizionali.

Il lavoro locale costa meno (economia) mentre sostiene la comunità (abbondanza).

I mattoni tradizionali sono di bassa qualità e richiedono una finitura in gesso.

L’acquisto di una macchina per mattoni che consente ai lavoratori locali di fornire mattoni di qualità superiore a un costo inferiore rispetto all’acquisto e alla spedizione da lontano aiuta anche a sviluppare una forza lavoro qualificata.

L’estrazione di materiali localmente riduce al minimo l’impatto ambientale e contribuisce alla collocazione degli edifici, ottimizzando tutti gli obiettivi sociali, ambientali ed economici.

Approcci simili sono stati adottati per la miscelazione del calcestruzzo, la fabbricazione di porte e finestre, l’assemblaggio di tralicci in acciaio e la realizzazione di schermi in vimini.

Con ogni nuovo edificio, i benefici a lungo termine continuano a essere bilanciati con i primi costi, con miglioramenti incrementali realizzati ogni anno.

“Questo edificio è rigenerativo per l’ambiente e la comunità, fatto con così poche risorse, ma ancora in grado di restituire così tanto. Con il budget limitato sono stati in grado di concentrarsi sulle cose importanti”

ENERGIA

La posizione remota di questo sito del progetto e l’abbondanza di accesso solare consente alla scuola di operare utilizzando energia rinnovabile per tutte le esigenze di alimentazione.

Inoltre, un’attenta selezione dei materiali e delle volumetrie degli edifici ha impiegato strategie passive che forniscono aule e spazi abitativi confortevoli.

L’orientamento solare è meno critico all’equatore, ma i tetti di grandi dimensioni che forniscono ampio spazio per i pannelli solari mentre forniscono ombra fresca creano una condizione in cui non è richiesto alcun sistema meccanico attivo nel campus.

La potenza è fornita da 2 kW di pannelli solari distribuiti tra i tetti di più edifici con batteria tampone.

Viene utilizzato per l’illuminazione, la ricarica di telefoni cellulari e tablet in classe, una stampante e una TV nell’area comune dell’insegnante.

Poiché solo il 75% circa di tale capacità viene utilizzato ogni giorno, la scuola attualmente opera con un valore netto positivo.

L’illuminazione nelle aule consente agli studenti di studiare fino a sera. L’alimentazione affidabile per la ricarica di tablet con accesso web fornisce un ambiente di e-learning migliorato.

I coetanei nelle scuole regionali vicine devono affrontare una rete elettrica nazionale meno affidabile. Questa capacità di “e-book” riduce anche il numero di libri stampati necessari per la popolazione studentesca.

BENESSERE

Le aule tipiche in questa regione sono spesso sovraffollate e, a causa delle finestre minime, sono comunemente estremamente calde e non adeguatamente illuminate.

Queste condizioni contribuiscono ad ambienti di apprendimento estremamente poveri, un grave svantaggio per gli studenti nelle comunità rurali.

Il design di questi edifici bilancia la ventilazione naturale, l’accesso alla luce del giorno, gli spazi ombreggiati per la raccolta, l’acustica e lo spazio generoso per gli studenti.

Creando un ampio spazio d’aria tra il soffitto e il tetto, l’aria calda sotto il tetto metallico si dissipa prima di entrare nell’aula.

Il design del tetto e del soffitto mitiga anche il rumore estremo causato dai temporali, che in genere interrompono il tempo in classe.

Le finestre a persiana azionabili consentono livelli adeguati di luce diurna oltre alla ventilazione naturale in classe.

La selezione dei materiali si concentra sull’approvvigionamento locale e sulla durata nella costruzione.

L’accesso all’acqua pulita, l’istruzione, il miglioramento dell’agricoltura e la salute del bestiame hanno contribuito a migliorare le condizioni di salute che hanno trasformato la comunità, il tutto in pochi anni. L’accesso all’acqua pulita tramite il pozzo in loco consente alla scuola e alla comunità di enfatizzare l’igiene personale.

La scuola ha integrato le pratiche agricole e lo sviluppo del bestiame nel curriculum e ha invitato la comunità nel campus per imparare di più dalle loro migliori pratiche.

RISORSE

Semplicità nel design: per necessità, c’è un’intraprendenza intrinseca alle strutture tradizionali in questa regione.

La maggior parte è costruita con tre materiali (legno, fango e paglia) e ha una durata prevista di pochi anni.

Gli edifici nel campus della scuola superiore continuano l’etica della semplicità e dell’intraprendenza, ma con una migliore qualità dei materiali e tecniche di costruzione che aggiungono durata, longevità e sicurezza.

Ogni edificio è della cultura e del luogo, sensibile al clima rigido e servirà la scuola a lungo nel futuro.

Materiali locali: la maggior parte dei materiali utilizzati nella costruzione degli edifici del campus vengono raccolti dal sito o dalla comunità circostante, spesso entro pochi chilometri.

I mattoni sono realizzati in loco da un team locale che ha imparato a fabbricare mattoni di qualità oltre a mantenere un funzionamento coerente dei 10 pozzi d’acqua della comunità.

Gli schermi di vimini vengono anche fabbricati in loco da donne locali utilizzando materiali raccolti localmente e tecniche di costruzione adattate dalle loro tradizionali strutture di stoccaggio del granaio.

Il calcestruzzo viene miscelato in loco e le capriate vengono fabbricate in loco, riducendo le principali spese di trasporto.

Cambiamenti


Adattabilità: la flessibilità nella progettazione degli edifici ha consentito a un tipo di spazio di fungere da aula, ufficio amministrativo o posto letto per gli studenti.

Ciò ha consentito una flessibilità critica nei primi due anni di avvio della scuola. Ad oggi, 50 studenti negli anni 1 e 2 vivono e studiano nel campus.

Si prevede che altri quaranta inizi nel terzo anno. È stato fondamentale costruire strutture adattabili del campus in questi primi anni di fondazione della scuola.

Resilienza: la muratura confinata è una tecnica di costruzione semplice che viene impiegata in zone sismicamente sensibili in tutto il mondo.

Questa strategia utilizza materiali da costruzione familiari e locali, incorporando dettagli e sequenze criticamente diversi per ottenere una struttura significativamente più forte e più sicura.

Le fonti in loco per il 100% del fabbisogno idrico ed energetico prevengono le carenze di elettricità e acqua comuni in altre parti del paese che dipendono dai sistemi municipali.

Pertanto, la resilienza e la sopravvivenza sono integrate nella progettazione complessiva del campus.

A causa della posizione remota, questa comunità ha rapidamente superato le tecnologie che portano a una maggiore resilienza nei processi di costruzione e nelle operazioni quotidiane.

Scoperte

La partecipazione della comunità al processo di progettazione, costruzione e gestione di una scuola superiore basata sulla comunità è stata fondamentale per il senso di appartenenza di Asilong a questa nuova comodità.

Il team di progettazione fa parte del comitato consultivo della scuola e partecipa a chiamate settimanali con gli amministratori scolastici riguardanti le operazioni quotidiane e l’uso dell’edificio.

Queste conversazioni in corso con gli utenti degli edifici hanno migliorato la progettazione e la costruzione di ogni struttura successiva.

Queste chiamate regolari fungono da sondaggi post-occupazione. Dal design delle uniformi scolastiche al design dei mobili, ai miglioramenti della costruzione per la durabilità alle strategie per le piantagioni in loco e le strutture ricreative, la facoltà, il personale, gli studenti ed i membri della comunità hanno fornito un ciclo di feedback continuo per i miglioramenti.

Nel 2018, la Asilong Christian High School ha ricevuto un Honor Award dell’AIA locale. La giuria ha osservato del progetto:

“Questo progetto dimostra come l’architettura possa essere una forza positiva in una comunità”.

Come architetti, crediamo che il design abbia il potere di avere un impatto positivo sull’umanità.

Inoltre, suggeriamo che promuovere relazioni reali con una comunità imparando dalle diverse prospettive l’uno dell’altro crea il miglior tipo di design che ha un impatto positivo su tutte le misure sociali, economiche e ambientali.

Fonte @AIA.ORG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.