Annona cherimola

Albero dalla chioma espansa, alto fino a 6-7 metri con foglie grandi e pubescenti, caduche a fine primavera. Il frutto verde, coniforme, con polpa bianca molto dolce. Fiorisce e vegeta a primavera subito dopo la caduta delle foglie. La fioritura è scalare (fino a luglio-agosto), la maturazione inizia ad ottobre e termina a dicembre. Tra i frutti piu buoni al mondo, è ricco di potassio, e azoto. Preferisce terreni leggeri, soffici, profondi, e ben drenati, neutri o leggermente acidi.

Delicato al vento e la salsedine, non sopporta temperature inferiori allo zero. La varietà “Fino de Jete” è la più produttiva, con ottima qualità e pezzatura, autofertile ed autoimpollinante. L’impollinazione manuale aiuta ad avere una produzione maggiore ed una pezzatura dei frutti più uniforme. Non è comunque necessario ricorrere all’impollinazione incrociata con un’altra pianta. 

L’annona cherimola è un frutto esotico, che può essere coltivato con successo anche in Italia. Da molti anni, infatti, la coltivazione dell’annona è fiorente in Calabria, precisamente nella provincia di Reggio Calabria.

Questo è vero a tal punto che questo particolare frutto è diventato tipico di quella zona. Altre coltivazioni estensive dell’annona cherimola sono presenti in Sicilia e, in generale, nello stesso areale di coltivazione degli agrumi. La pianta rustica, esteticamente molto bella, che non richiede troppe cure colturali. E’ quindi perfetta per essere piantata in un frutteto familiare, arricchendo così la biodiversità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.