ENOTURISMO
Alla scoperta della CULTURA del VINO ITALIANO attraverso le sue Cantine

Chianti in Toscana, la regiona è stata la zona vinicola più conosciuta d’Italia e rimane una delle preferite dai viaggiatori di tutto il mondo, ma ci sono molte altre destinazioni da esplorare. L’Italia offre innumerevoli opzioni per una vacanza del VINO con una vasta gamma di scelte. Dai vigneti alpini dell’estremo nord al territorio vulcanico della Sicilia del Sud

Tre consigli per le vostre scelte:

La Maremma in TOSCANA.

“La parte più meridionale della Toscana in provincia di Grosseto con borghi come Scansano, Magliano in Toscana, Pitigliano e Manciano. Soprattutto, scegli il vino Morellino di Scansano ”.

I Castelli Romani nel LAZIO.

“Negli ultimi anni sono stati compiuti enormi sforzi per aumentare la qualità e la reputazione dei vini tradizionali della capitale, come Marino DOC e Frascati DOC. Le tenute più note offrono anche ospitalità e cibo della campagna romana “.

Il Collio Goriziano in FRIULI VENEZIA GIULIA

“Belle tenute con sontuosi castelli dove dormire, ristoranti di alta qualità e vino altrettanto pregiato; prova uno dei Super Bianchi, tra i grandi vini qui. Le principali zone di riferimento sono Cormons, Capriva del Friuli e Gorizia

I diversi tipi di alloggio che troverai nella regione del vino.

Tra le scelte ci sono agriturismi (che possono variare da basic a lussuosi); tenute vinicole, castelli e ville con camere e / o appartamenti; e bellissime località vinicole. “Legalmente, un agriturismo è semplicemente una fattoria in cui alcuni edifici sono stati convertiti in alloggi o ospitalità”, afferma Curnow.

“Devono servire ai loro ospiti quello che producono in loco e, se sono produttori di vino, potrebbe anche essere una DOC.

I wine resort sono generalmente classificati come hotel di lusso, che sono stati appositamente costruiti per accogliere gli ospiti interessati a una vacanza di fascia alta “.

ENOTURISMO

Ufficialmente riconosciuta come attività dal governo italiano. “I produttori di vino sono ora liberi di commercializzare attività al di là della vinificazione che prima sarebbero state classificate come turismo e fuori dal loro compito. Ciò consente loro di proporre pacchetti ai tour operator o di vendere direttamente ai clienti “.

Il periodo migliore per visitare una regione vinicola italiana.

“Autunno sicuramente, subito dopo la vendemmia e nei mesi più freddi di ottobre e novembre che precedono il periodo natalizio, per l’abbinamento della vendemmia autunnale, delle fiere gastronomiche e del vino novello in offerta”.

Anticipo dei periodi di vendemmia.

“Quest’anno è il quindicesimo anno consecutivo che l’innalzamento delle temperature ha costretto la vendemmia nell’Italia meridionale a iniziare a luglio piuttosto che alla data legale del 1 agosto. In alcune zone la vera preoccupazione è che diventerà troppo caldo e secco per coltivare come prima. Ma anche troppo imprevedibile, con piogge abbondanti e grandine nel periodo critico per l’uva.

Tuttavia, sono allo studio nuovi tipi di uva per adattarsi meglio alle nuove condizioni, supponendo che la situazione sia permanente. Ci sono molte varietà autoctone da sperimentare, e anche altre portate da altrove. La tecnologia si rivelerà essenziale. “

Regioni vinicole sotto osservazione da esplorare: la Lombardia.

” L’area montuosa della Valtellina tra Morbegno e Aprica [vicino al confine svizzero]. I terrazzamenti costruiti a mano dove si coltiva la vite lasciano senza fiato, mentre i pendii esposti a sud catturano quanto più sole possibile regalandoci il favoloso Sforzato di Valtellina DOCG e altri vini “.

Toscana.

“L’area del Montecucco in provincia di Grosseto all’ombra del Monte Amiata, unico monte (e vulcano spento) della Toscana meridionale. Questa zona vinicola è a due passi dalla famosa città del vino di Montalcino e della Val d’Orcia, ma propone un diverso tipo di esperienza. I viticoltori di Montecucco sono rimasti un mosaico di aziende a conduzione familiare che coltivano piccoli appezzamenti di terroir e vendono localmente “.

Puglia. “La zona del Primitivo di Manduria tra Ionio e Adriatico. Qui ci sono metodi di coltivazione unici e tradizionali e alcuni dei vini rossi più forti d’Italia, così forti che non osano trasformare tutto lo zucchero in alcol! Sono vini DOC dal 1974 “.

Aree vinicole più convenienti: “L’Abruzzo, che produce vini come il Montepulciano d’Abruzzo e il Trebbiano d’Abruzzo, ha vigneti in tutta la regione. La Passerina e il Pecorino sono uve autoctone e stanno guadagnando popolarità man mano che alcuni produttori di vino locali, come Feudo Antico a Tollo, sperimentano entrambi.

Il Molise coltiva principalmente uve Montepulciano e Aglianico, ma la Tintilia del Molise DOC è autoctona e vista come veicolo dell’identità “eno” della regione. L’uva Tintilia cresce dalla costa ai confini collinari con il Lazio.

Anche la zona del Vulture in Basilicata, che produce il vino rosso Aglianico del Vulture. Ma non ci sono costi proibitivi per visitare qualsiasi azienda vinicola in Italia.”

Suggerimenti per visitare prestigiose cantine Grandi Cru: puoi cercare i produttori di vino che sono membri del Comitato Grandi Cru d’Italia un’associazione di produttori i cui vini si sono costantemente classificati ai primi posti nelle classifiche internazionali per un minimo di 20 anni.

“Un classico è la regione del Barolo con città e paesi come Monforte d’Alba, La Morra, Castiglione Falletto e Serralunga, dove troverai etichette famose come Cannubi, Cerequio, Michele Chiarlo e Bruno Giacosa.

Una pregiata etichetta Grandi Cru in Toscana c’è Biondi Santi.

In Veneto c’è il Cru Cartizze Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG di Bisol, azienda vitivinicola del comune di Santo Stefano, Valdobbiadene “.

Cantine con le migliori scuole di cucina: Questo è destinato a cambiare immensamente nei prossimi anni. Mentre le cantine in Toscana sembrano avere la maggiore esperienza nell’organizzazione di corsi di cucina e molti agriturismi in tutta Italia offrono una sorta di esperienza culinaria, aspettatevi che scuole di cucina di alto livello compaiano in alcune aziende vinicole.

Per ora suggerisco: in Toscana la Country Wine Estate Colognole e Borgo Casa al Vento; in Piemonte Josetta Saffirio.

Fonte @Forbes @PhilipCurnow, fondatore di Delicious Italy

ITINERARI ENOGASTRONOMICI

Villa Cordevigo Wine Relais Verona – VENETO

Emidio Pepe Country Resort Torano Nuovo – ABRUZZO

Baglio di Pianetto Agrirelais Santa Cristina Gela – SICILIA

Josetta Saffirio – PIEMONTE

Borgo casa al Vento – TOSCANA

Country Wine Estate Colognole – TOSCANA

Bisol Santo Stefano Valdobbiadene – VENETO

Biondi Santi Montalcino – TOSCANA

Feudo antico Tollo – ABRUZZO

Cresce il numero dei turisti attirati dal wine & food, e anche di riflesso il numero di mete che offrono delle vere “wine experience”.

Il magazine economico Usa Forbes, che ha stilato una lista delle sei mete imperdibili per gli amanti del turismo enogastronomico!

Il parametro usato è il connubio di tre proprietà fondamentali: paesi, graziosi, paesaggi (con vigneti) mozzafiato e ottime annate di vini, più o meno famosi. Senza nessuna sorpresa, sono tre italiane e tre francesi, in un politically correct ex aequo.

L’unica dell’intera lista che appare due volte è la Toscana, la vera regina delle mete enoturistiche, presente con due dei gioielli della sua produzione enoica, ma anche simbolo dell’eccellenza vitivinicola italiana in tutto il mondo: Montepulciano, col suo Nobile, e Montalcino, col famoso Brunello. Unione perfetta di bellezza del borgo medievale, carico di storia e tradizione, e di cantine e wine bar, in cui degustare i loro fiori all’occhiello, sia tra i vicoli del centro storico sia immersi nella natura e le colline.(FORBES)

Sempre secondo Forbes altra meta imperdibile per i food and wine lovers è Montefalco, in Umbria: meno conosciuto, nel mondo, dei “colleghi” toscani, la patria del Sagrantino, un gioiello del Medioevo, tra architetture da visitare e wine bar per la degustazione dei suoi vini.

Cugini d’Oltralpe in materia di località TOP del vino sono le tre Regioni, scelte da FORBES, simbolo dell’enologia francese, Bordeaux, la Loira e la Provenza, rappresentate rispettivamente da Saint-Émilion, Sancerre e Cassis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *