04 30 Giornata internazionale del jazz

Fonte ONU

L’edizione 2024 dell’International Jazz Day sarà celebrata il 30 aprile in più di 190 paesi. L’ospite globale per la celebrazione di quest’anno è la città di Tangeri, in Marocco. È la prima volta che una città del continente africano ospita la Giornata internazionale del jazz.

Tangeri è un crogiolo di espressioni culturali, situato al crocevia tra Europa e Africa. Vanta una lunga e ricca storia del jazz ed è nota per la sua eredità jazzistica. Molti artisti jazz di fama mondiale si sono esibiti e hanno trascorso del tempo a Tangeri, tra cui la cantante Josephine Baker, i sassofonisti Ornette Coleman e Archie Shepp, il flautista Herbie Mann e il maestro pianista jazz Randy Weston, che ha vissuto a Tangeri per molti anni. Weston ha collaborato con il maestro Gnawa Abdellah El Gourd per esplorare le radici del jazz e della musica africana.

I quattro giorni di celebrazione (27-30 aprile) enfatizzano il patrimonio jazzistico della città e mettono in risalto i legami culturali e artistici tra i popoli del Marocco, dell’Europa e dell’Africa. L’evento comprende una serie di programmi educativi, eventi per studenti di tutte le età e conversazioni sulla storia del jazz e il suo impatto su Tangeri, tra gli altri.

Il concerto culminante dell’All-Star Global si svolge nel nuovo Palazzo delle Arti e della Cultura di Tangeri. Lo spettacolo sarà trasmesso tramite YouTube, Facebook, le Nazioni Unite e l’UNESCO a milioni di spettatori in tutto il mondo.

Oltre al concerto globale, l’UNESCO incoraggia scuole, università e organizzazioni non governative di tutto il mondo a celebrare la Giornata internazionale del jazz. I luoghi dello spettacolo, i centri comunitari, le piazze, i parchi, le biblioteche, i musei, i ristoranti, i club e i festival organizzano migliaia di attività, mentre la radio e la televisione pubblica trasmettono il jazz durante e nei dintorni della Giornata internazionale del jazz.

Perché il jazz?

  • Il jazz abbatte le barriere e crea opportunità di comprensione e tolleranza reciproca;
  • Il jazz è un vettore di libertà di espressione;
  • Il jazz è un simbolo di unità e pace;
  • Il jazz riduce le tensioni tra individui, gruppi e comunità;
  • Il jazz promuove l’uguaglianza di genere;
  • Il jazz rafforza il ruolo svolto dai giovani per il cambiamento sociale;
  • Il jazz incoraggia l’innovazione artistica, l’improvvisazione, nuove forme di espressione e l’inclusione di forme musicali tradizionali in nuove;
  • Il jazz stimola il dialogo interculturale e dà potere ai giovani provenienti da società emarginate.

Nel novembre 2011 la Conferenza Generale dell’UNESCO ha proclamato il 30 aprile “Giornata Internazionale del Jazz”. Questa Giornata Internazionale riunisce comunità, scuole, artisti, storici, accademici e appassionati di jazz di tutto il mondo per celebrare e conoscere l’arte del jazz, le sue radici, il suo futuro e il suo impatto. Questa importante forma d’arte internazionale è celebrata per promuovere la pace, il dialogo tra le culture, la diversità e il rispetto dei diritti umani e della dignità umana, sradicando la discriminazione, promuovendo la libertà di espressione, favorendo l’uguaglianza di genere e rafforzando il ruolo dei giovani per il cambiamento sociale.

Pizza di Pasqua PAT Emilia Romagna

E’ un dolce a base di farina e uova fresche, caratterizzato dalla presenza di un ripieno di mostarda tradizionale bolognese, uva sultanina ed  eventualmente pinoli. Presenta forma oblunga e bordi arrotondati. Al taglio appare la cornice chiara dell’impasto che raccoglie l’amalgama scuro del ripieno. La Pinza Bolognese presenta una pasta compatta al taglio e il caratteristico sapore di mele cotogne e di caramello proprio della mostarda tradizionale bolognese.

Continua a leggere

Agriturismo in Italia: le 50 migliori strutture, regione per regione

L’Italia paese delle meraviglie, delle città d’arte, della natura da scoprire, dai paesaggi che non ti aspetti di trovare. Una vacanza bio, a contatto della natura, semplice ma raffinata onesta vera. Qui di seguito una lista selezionata dal sito specializzato in turismo expedia.it. I 50 migliori agriturismo italiani suddivisi regione per regione

Continua a leggere

AGRIGENTO, Valle dei Templi! Area archeologica

Fondata come colonia greca nel VI secolo a.C., Agrigento divenne una delle principali città del mondo mediterraneo. La sua supremazia e il suo orgoglio sono dimostrati dai resti dei magnifici templi dorici che dominano l’antica città, gran parte dei quali giace ancora intatta sotto i campi e i frutteti di oggi. Zone di scavo selezionate gettano luce sulla città successiva ellenistica e romana e sulle pratiche di sepoltura dei suoi primi abitanti cristiani.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *