Porto Venere, Cinque Terre e le isole Palmaria, Tino e Tinetto

Patrimonio Mondiale dell’ Umanità UNESCO

Cinque terre

La costa ligure tra le Cinque Terre e Portovenere è un paesaggio culturale di grande valore paesaggistico e culturale. La disposizione e la disposizione delle piccole città e la modellatura del paesaggio circostante, superando gli svantaggi di un terreno ripido e irregolare, incapsulano la storia continua dell’insediamento umano in questa regione nel corso del millennio passato.

Eccezionale valore universale

Si estende per 15 km lungo la costa orientale della Liguria tra Levanto e La Spezia, il paesaggio costiero frastagliato e ripido è stato sviluppato intensamente per secoli con terrazze murate in pietra per la coltivazione di viti e ulivi.

L’area fu quasi inaccessibile, tranne che via mare, fino a quando la ferrovia Genova-La Spezia fu costruita negli anni 1870.

L’area si estende da Punta Mesco a ovest e a Punta Persico a est, comprende il territorio di Porto Venere, le tre isole del suo arcipelago (Palmaria, Tino e Tinetto) e le Cinque Terre, il nome collettivo dei cinque paesi di Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore.

Alcune terrazze di coltivazione si estendono fino a 2 km di lunghezza. Le terrazze si estendevano lungo i ripidi pendii da pochi metri sul livello del mare fino a 400 m s.l.m., l’altitudine più elevata adatta alla coltivazione.

CInque terre al tramonto

Furono costruiti principalmente nel XII secolo, quando le incursioni saracene dal mare erano terminate. Le pareti in pietra a secco sono spesso costruite con cura in blocchi di pietra arenaria grezzi, uniti insieme a ciottoli rimossi da terra.

Il mantenimento delle terrazze e la coltivazione di viti e ulivi sulle terrazze riflettono un approccio comune all’agricoltura e alla collaborazione e cooperazione delle comunità senza le quali tale coltivazione non sarebbe stata possibile.

La gariga naturale e la vegetazione macchia mediterranea sopravvivono intatte nelle parti più alte della ripida cresta.

La natura del terreno e della vegetazione offre cibo e riparo a una vasta gamma di specie di insetti e animali.

Le comunità locali si sono adattate a questo ambiente apparentemente ruvido e inospitale vivendo in insediamenti compatti sulla costa o in piccoli borghi sui pendii (ad esempio Volastra, Groppo, Drignana, San Bernardino o Campiglia), eretti direttamente sulla roccia con strade tortuose.

L’uso generale della pietra naturale per coperture conferisce a questi insediamenti un aspetto caratteristico.

Sono generalmente raggruppati attorno a edifici religiosi o castelli medievali.

Le terrazze sono inoltre punteggiate da innumerevoli piccole capanne di pietra isolate o raggruppate insieme (ad esempio a Fossola, Tramonti, Monestiroli o Schiara) utilizzate per il ricovero temporaneo durante il raccolto.

I cinque principali villaggi delle Cinque Terre risalgono al tardo Medioevo. A partire da nord-ovest, il primo è il centro fortificato di Monterosso al Mare, che è una città costiera cresciuta lungo due brevi vallate e affacciata su una delle poche spiagge presenti nell’area.

Vernazza

Vernazza si è sviluppata lungo il corso d’acqua di Vernazzola sulle pendici dello sperone roccioso a protezione del paese dal mare.

Corniglia è l’unico villaggio che non è stato costruito sulla costa stessa ma su un alto promontorio che sporge verso il mare.

Manarola è una piccola frazione in cui le case sono disposte in parte su uno sperone roccioso che scende verso il mare e in parte lungo il torrente Grappa.

Il paese più a sud-est è Riomaggiore; le sue case fiancheggiano la stretta valle del torrente Rio Maggiore, oggi coperta per essere utilizzata come strada principale.

Portovenere era un importante centro commerciale e culturale risalente al periodo romano, dal quale sopravvivono resti archeologici nelle sue vicinanze. È di forma compatta, le case allineate lungo la costa culminano nel Castello dei Doria, che domina l’insediamento ed è un palinsesto storico, con molte tracce del suo predecessore medievale.

Attività locali di Affitta camere

Al largo della costa di Portovenere, le tre isole di Palmaria, Tino e Tinetto, degne di nota non solo per la loro bellezza naturale ma anche per i numerosi resti dei primi stabilimenti monastici che contengono.

Il paesaggio costiero aspro e visivamente drammatico, con i suoi alti insediamenti compatti e le terrazze visivamente spettacolari che sono state modellate nel corso di quasi un millennio, è una testimonianza eccezionale del modo in cui le comunità tradizionali hanno interagito e interagiscono ancora con il loro ambiente difficile e isolato per produrre un sostentamento sostenibile.

La riviera ligure orientale tra le Cinque Terre e Portovenere è un sito culturale di eccezionale valore che illustra un modo di vivere tradizionale che esiste da mille anni e continua a svolgere un importante ruolo socio-economico nella vita del Comunità.

La regione costiera ligure dalle Cinque Terre a Portovenere è un eccezionale esempio di paesaggio in cui la disposizione e la disposizione delle piccole città, storicamente stratificate, in relazione al mare, e la modellatura delle terrazze circostanti che hanno superato gli svantaggi di un terreno ripido e irregolare, racchiude la storia continua dell’insediamento umano in questa regione nel corso del millennio passato.

Portovenere, Cinque Terre e Isole (Palmaria, Tino e Tinetto) è un paesaggio culturale straordinario creato dallo sforzo umano nel corso di un millennio in un ambiente naturale aspro e drammatico. Rappresenta l’interazione armoniosa tra persone e natura per produrre un paesaggio di eccezionale qualità scenica.

Integrità

CInque Terre

Il paesaggio e gli insediamenti come li conosciamo oggi sono scesi a noi grazie all’assiduità e alla perseveranza negli anni con cui gli umani hanno costantemente riparato i muri di pietra che circondano i campi coltivati ​​per consentire all’agricoltura di prosperare.

I tradizionali sistemi vitivinicoli e agricoli comuni e collaborativi sono un attributo essenziale per l’eccezionale valore universale della proprietà.

Al momento dell’iscrizione, è stato stimato che 130 m di mura per ettaro di vigneto e 30-300 m per ettaro di oliveto necessitavano di una ricostruzione urgente. Da allora sono stati attivati ​​meccanismi per collegare l’attività turistica e la manutenzione del paesaggio e programmi per la bonifica del paesaggio terrazzato hanno consentito il recupero di alcune decine di ettari di viti e olivicoltura.

Anche le attività comuni per la commercializzazione del vino sono state rafforzate.

Alcune terrazze abbandonate sono ora molto vulnerabili alle frane e c’è bisogno che queste siano mappate e registrate. Anche il rimboschimento sta diventando una minaccia per le terrazze e il suo impatto deve essere affrontato.

Le costruzioni monumentali sono state oggetto di restauro, in modo che da un lato ci siano state tramandate le aggiunte di diversi periodi e dall’altro le parti più antiche sono state conservate, in modo che ora possiamo considerare questa area di territorio come un particolare ritratto della storia, dell’economia e della vita delle comunità liguri.

Nonostante i danni subiti dalle inondazioni in alcuni villaggi e nei corsi d’acqua che scendono lungo i pendii terrazzati, gli effetti delle alluvioni sono stati limitati a aree specifiche e le principali caratteristiche paesaggistiche e insediative non sono state sostanzialmente e permanentemente modificate. Sebbene il danno sia stato limitato ad alcune aree, le aree interessate non sono state ancora completamente ripristinate.

Le misure di mitigazione devono essere valutate per il loro impatto sull’eccezionale valore universale della proprietà prima del lavoro svolto.

Le inondazioni hanno messo in evidenza la vulnerabilità della proprietà alle catastrofi naturali e la necessità di sviluppare misure di preparazione al rischio.

L’impostazione visiva della proprietà è vulnerabile ai cambiamenti previsti e imprevisti e deve essere adeguatamente protetta.

Autenticità

La proprietà è un esempio di “paesaggio organico culturale ed evoluto”. La sua autenticità si riferisce al sostegno dell’agricoltura tradizionale e dei sistemi vitivinicoli e dei loro insediamenti integrati.

Questi sono stati mantenuti nonostante le pressioni causate dal moderno sviluppo socio-economico. Tuttavia, il sistema agricolo a terrazze, compreso il mantenimento delle terrazze e dei sistemi di gestione delle risorse idriche, rimane altamente vulnerabile e avrà bisogno di molto sostegno per consentire agli agricoltori di aggiungere valore ai loro prodotti al fine di sostenere i loro mezzi di sussistenza e il paesaggio.

L’autenticità degli insediamenti si riferisce al mantenimento dei metodi e dei materiali tradizionali e all’uso dell’artigianato tradizionale. Requisiti di protezione e gestione

I singoli edifici, insiemi urbani e resti archeologici all’interno dell’area nominata sono protetti ai sensi delle disposizioni di base sulla protezione della proprietà culturale italiana, il Decreto Legislativo 42/2004, Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio: una disposizione di legge che stabilisce che qualsiasi attività all’interno del sito deve essere autorizzata dalla Soprintendenza (ufficio periferico del Ministero per i beni e le attività culturali).

Inoltre, l’intera area dei comuni delle Cinque Terre e di Portovenere rientra nelle disposizioni del Codice dei beni culturali e del paesaggio come paesaggio protetto.

Di conseguenza, tutti gli interventi richiedono l’approvazione delle autorità competenti responsabili della protezione e pianificazione del paesaggio e del patrimonio (Comuni, Province, Regioni e Soprintendenze). Inoltre, dal 1990 è in vigore un piano di coordinamento regionale del paesaggio per l’intera regione, che opera a livello territoriale, locale e dettagliato, definendo i livelli di possibili interventi relativi alle caratteristiche del paesaggio di ciascuna area identificata.

Infine, ciascuna delle amministrazioni comunali ha il proprio piano generale che, secondo la legge urbana regionale (L.R. 36/1997), deve contenere misure che tengano conto delle qualità paesaggistiche.

La proprietà gode dell’esistenza di diverse altre disposizioni di legge dedicate alla sua protezione attuata dalle autorità ad hoc: La legge regionale n. 12/1995 ha designato l’area come parte del Parco Naturale Regionale delle Cinque Terre (Parco Regionale Naturale delle Cinque Terre); ciò ha comportato il rispetto delle disposizioni della legge nazionale n. 394/1991 sulle aree protette, che impone controlli rigorosi su tutte le forme di attività all’interno del parco designato.

A seguito dell’iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale, nel dicembre 1997 è stata istituita l’Area Marina Protetta e, nel 1999, il Parco Naturale Regionale è stato trasformato in Parco Nazionale (Decreto del Presidente della Repubblica 6.10.1999).

Il territorio delle Isole Palmaria, Tino e Tinetto, l’area marina nella direzione sud-ovest di queste isole (area marina protetta) e una parte significativa della superficie terrestre che comprende il borgo medievale di Porto Venere, sono stati inclusi nel Parco di Porto Venere.

La città di Porto Venere è soggetta al piano dettagliato del centro storico approvato nel 1992, che prevede alcune particolari strategie di recupero. Attualmente, una serie di piani e regolamenti di salvaguardia concorrono a garantire la gestione della proprietà, in particolare i due piani di parco elaborati secondo le disposizioni di legge esistenti per il Parco Nazionale delle Cinque Terre e il Parco Regionale di Porto Venere (lr 30/2001 ).

Un primo piano per il Parco delle Cinque Terre è stato adottato nel 2002 e ha introdotto alcune norme restrittive specifiche per proteggere il sito. Il piano deve essere periodicamente rivisto e aggiornato.

L’introduzione del Regolamento dell’Area Marina Protetta delle Cinque Terre nel 2005 mira alla protezione dell’area marina. Il Piano per il Parco Regionale di Porto Venere definisce diversi regimi di restrizione per l’uso in base alle caratteristiche del territorio in modo da garantire il mantenimento dei valori della proprietà.

La proprietà include alcuni “Siti di interesse CE” che sono stati progettati per garantire il mantenimento della conservazione del paesaggio e della flora e della fauna locali. Gli edifici protetti come le chiese di San Pietro a Portovenere e San Venerio (Tine) e il Castello di Portovenere sono oggetto di campagne sistematiche di restauro da parte degli uffici periferici del Ministero della Cultura.

Esistono anche programmi di manutenzione regolari per tutti i monumenti protetti. Vi sono rigorose limitazioni alla creazione di strutture turistiche. Sono state previste misure a supporto del mantenimento delle terrazze e del paesaggio e delle attività agricole, tuttavia queste si applicano su base volontaria. Il mantenimento delle terrazze rimane di responsabilità dei singoli agricoltori e proprietari terrieri.

Il territorio della proprietà è sotto la responsabilità di due diversi corpi: il Parco Nazionale delle Cinque Terre e il Parco Regionale di Porto Venere, quest’ultimo coincidente con il Comune di Porto Venere.

Ulteriori responsabilità di gestione sono a carico dei Comuni, delle Province e della Regione Ligure. Nell’ambito del nuovo piano di gestione, presentato nel 2016, un nuovo protocollo di gestione è stato firmato da tutte le parti interessate.

Stabilisce un sistema di gestione strutturato, che comprende un Comitato di coordinamento, con compiti di direzione e controllo, la Comunità dei Comuni della futura zona cuscinetto, per garantire la loro partecipazione alle attività decisionali e di promozione, un gruppo di lavoro tecnico-amministrativo permanente, incaricato con l’attuazione delle azioni del piano di gestione, l’ “Office for the UNESCO site”, che supporta il gruppo di lavoro permanente ed è responsabile del monitoraggio e della rendicontazione periodica.

Il ruolo di site manager è occupato a rotazione dal Presidente del Parco Nazionale delle Cinque Terre e dal Sindaco del Comune di Porto Venere.

È inoltre previsto un comitato consultivo per fornire consulenza in materia di ricerca e altre questioni di gestione.

In considerazione dei molteplici livelli di strumenti di protezione e pianificazione in atto, il sistema / piano di gestione della proprietà deve garantire che l’OUV della proprietà sia rispettato da tutti questi strumenti e che vengano istituiti e attuati meccanismi di coordinamento e armonizzazione tra le loro disposizioni.

© whc.unesco.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *