Palma delle Canarie, Phoenix canariensis

Caratteristiche botaniche:

Nome comune: Palma delle Canarie
Famiglia: Arecaceae
Pianta monoica/dioica: dioica
Portamento: arboreo

Foglie: pennate, di colore verde cupo, di 4-5 m, con 80-100 segmenti su ciascun lato del rachide

Fiori: infiorescenze portate da peduncoli che possono superare il metro di lunghezza

Frutti: drupa ovale, lunga circa 2 cm, di colore giallo-arancio alla maturazione, contenente un grosso seme singolo; edule

Periodo di dispersione del polline: G F M A M G L A S O N D

Impollinazione: anemofila

Si tratta di una pianta sempreverde di grandi dimensioni, originaria delle Canarie; da secoli queste palme vengono coltivate nell’area mediterranea, tanto da essere considerate piante tipiche del paesaggio mediterraneo. Alcune palme, tra cui le Phoenix, sono rustiche, e vengono coltivate da tempo anche nell’America settentrionale ed in gran parte delle zone costiere Europee, anche sul versante atlantico.

Hanno uno spesso tronco eretto, che raggiunge agevolmente i 15-20 metri di altezza ed i 60-80 cm di diametro; è di colore marrone scuro o grigiastro, segnato da vistose rugosità a forma di rombo, dovute ai segni lasciati dall’inserzione del picciolo delle fronde ormai cadute. Le fronde sono molto grandi, possono raggiungere i 4-5 metri di lunghezza, arcuate; sono di colore verde scuro brillante, pennate, portano lunghe foglioline lineari ai lati del picciolo; il picciolo è lungo fino ad un metro, e presenta numerose spine acuminate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.