Dolomiti

VEDI ANCHE PARCO NAZIONALE DELLE DOLOMITI BELLUNESI

Dolomiti

Il sito delle Dolomiti comprende una catena montuosa delle Alpi settentrionali italiane, con 18 cime che superano i 3.000 metri e coprono 141.903 ettari.

Presenta alcuni dei più bei paesaggi montani ovunque, con pareti verticali, scogliere a picco e un’alta densità di valli strette, profonde e lunghe.

Una proprietà seriale di nove aree che presentano una varietà di paesaggi spettacolari di importanza internazionale per la geomorfologia segnata da campanili, pinnacoli e pareti rocciose, il sito contiene anche morfologie glaciali e sistemi carsici.

È caratterizzato da processi dinamici con frequenti frane, alluvioni e valanghe. La proprietà presenta anche uno dei migliori esempi di conservazione dei sistemi di piattaforme carbonatiche mesozoiche, con documentazione fossile.

Eccezionale valore universale

I nove componenti della proprietà del patrimonio mondiale delle Dolomiti proteggono una serie di paesaggi montani molto distintivi di eccezionale bellezza naturale.

Le loro drammatiche vette verticali e di colore chiaro in una varietà di forme scultoree distintive sono straordinarie in un contesto globale. Questa proprietà contiene anche una combinazione importante a livello internazionale di valori delle scienze della terra.

La quantità e la concentrazione di formazioni calcaree estremamente varie è straordinaria in un contesto globale, mentre la geologia superbamente esposta fornisce una visione del recupero della vita marina nel periodo Triassico, dopo il più grande evento di estinzione registrato nella storia della vita sulla Terra.

I paesaggi sublimi, monumentali e colorati delle Dolomiti hanno anche attratto a lungo ospiti di viaggiatori e una storia di interpretazioni scientifiche e artistiche dei suoi valori.

Dolomiti

Le Dolomiti sono ampiamente considerate tra i paesaggi montani più attraenti del mondo.

La loro intrinseca bellezza deriva da una varietà di spettacolari forme verticali come pinnacoli, guglie e torri, con superfici orizzontali contrastanti tra cui sporgenze, falesie e altopiani, che si innalzano bruscamente al di sopra di vasti depositi di talus e colline più dolci.

Una grande varietà di colori è fornita dai contrasti tra le nudi superfici rocciose di colore chiaro e le foreste e i prati sottostanti.

Le montagne si innalzano come cime con burroni intermedi, in alcuni punti isolati ma in altri formando panorami ampi.

Alcune delle falesie rocciose qui si innalzano per oltre 1.500 me sono tra le pareti calcaree più alte che si possano trovare in qualsiasi parte del mondo. Lo scenario distintivo delle Dolomiti è diventato l’archetipo di un “paesaggio dolomitico”.

I pionieri del geologo furono i primi ad essere catturati dalla bellezza delle montagne e la loro scrittura, la successiva pittura e fotografia sottolineano ulteriormente il fascino estetico della proprietà.

Le Dolomiti sono di importanza internazionale per la geomorfologia, in quanto sito classico per lo sviluppo delle montagne in calcare dolomitico.

L’area presenta una vasta gamma di morfologie legate all’erosione, al tettonismo e alla glaciazione. La quantità e la concentrazione di formazioni calcaree estremamente varie è straordinaria in un contesto globale, tra cui picchi, torri, pinnacoli e alcune delle pareti rocciose verticali più alte del mondo.

I valori geologici sono anche di importanza internazionale, in particolare l’evidenza di piattaforme carbonatiche mesozoiche, o “atolli fossilizzati”, in particolare in termini di prove che forniscono dell’evoluzione dei bio-costruttori dopo il confine Permiano / Triassico e la conservazione di le relazioni tra le barriere coralline che hanno costruito e i bacini circostanti.

Le Dolomiti includono anche diverse sezioni di tipo internazionale per la stratigrafia del periodo triassico.

I valori scientifici della proprietà sono inoltre supportati dall’evidenza di una lunga storia di studio e riconoscimento a livello internazionale.

Nel loro insieme, la combinazione di valori geomorfologici e geologici crea una proprietà di significato globale.

Integrità

Le nove parti che compongono la proprietà includono tutte le aree essenziali per mantenere la bellezza della proprietà e tutti o la maggior parte degli elementi chiave correlati e interdipendenti delle scienze della terra nelle loro relazioni naturali.

La proprietà comprende parti di un parco nazionale, diversi parchi naturali provinciali e siti Natura 2000 e un monumento naturale.

Sono state definite zone di buffer per ogni parte del componente per proteggerlo dalle minacce esterne ai suoi confini. I paesaggi e i processi naturali essenziali per mantenere i valori e l’integrità della proprietà sono in buono stato di conservazione e in gran parte non influenzati dallo sviluppo.

Requisiti di gestione e protezione

Come insieme di siti aree, le Dolomiti richiedono un accordo di governance interprovinciale con risorse adeguate che garantisca che tutte e cinque le province con territorio all’interno della proprietà siano legate all’interno di un sistema di gestione comune e con una strategia di gestione comune concordata e un quadro di monitoraggio e rendicontazione per la proprietà nel suo insieme.

Politiche e programmi comuni per la gestione dell’uso pubblico e la presentazione della proprietà sono richiesti anche per la proprietà e le sue zone cuscinetto. La proprietà richiede protezione dalle pressioni turistiche e dalle relative infrastrutture.

Ognuna delle parti componenti il sito richiede il proprio piano di gestione individuale, che prevede non solo la protezione e la gestione dell’uso del suolo, ma anche la regolamentazione e la gestione delle attività umane per mantenere i suoi valori, e in particolare per preservare le qualità di i suoi paesaggi e processi naturali, comprese vaste aree che hanno ancora un carattere selvaggio.

Le aree soggette a visite più intense devono essere gestite per garantire che il numero e le attività dei visitatori rientrino nelle capacità della proprietà in relazione alla protezione dei suoi valori e dell’esperienza dei visitatori della proprietà.

Sono inoltre indispensabili risorse e personale adeguati e il coordinamento tra i team del personale nelle diverse componenti della proprietà.

VEDI ANCHE PARCO NAZIONALE DELLE DOLOMITI BELLUNESI

© whc.unesco.org

La Convenzione sulla Protezione del Patrimonio Mondiale culturale e naturale, adottata dall’UNESCO nel 1972, prevede che i beni candidati possano essere iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale come:

Patrimonio culturale:
  1. monumenti: opere architettoniche, plastiche o pittoriche monumentali, elementi o strutture di carattere archeologico, iscrizioni, grotte e gruppi di elementi di valore universale eccezionale dall’aspetto storico, artistico o scientifico,
  2. agglomerati: gruppi di costruzioni isolate o riunite che, per la loro architettura, unità o integrazione nel paesaggio hanno valore universale eccezionale dall’aspetto storico, artistico o scientifico,
  3. siti: opere dell’uomo o opere coniugate dell’uomo e della natura, come anche le zone, compresi i siti archeologici, di valore universale eccezionale dall’aspetto storico ed estetico, etnologico o antropologico.
Patrimonio naturale:
  1. i monumenti naturali costituiti da formazioni fisiche e biologiche o da gruppi di tali formazioni di valore universale eccezionale dall’aspetto estetico o scientifico,
  2. le formazioni geologiche e fisiografiche e le zone strettamente delimitate costituenti l’habitat di specie animali e vegetali minacciate, di valore universale eccezionale dall’aspetto scientifico o conservativo,
  3. i siti naturali o le zone naturali strettamente delimitate di valore universale eccezionale dall’aspetto scientifico, conservativo o estetico naturale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *