La plastica in Europa

La plastica ha oltre cent’anni, ma non li dimostra. Perché una delle sue caratteristiche peculiari è proprio quella di essere indistruttibile. La produzione di plastica, tuttora quasi interamente (per il 90%) dipendente da materie fossili, impiega il 4-6% di tutto il petrolio e il gas usati in Europa.

A questi vengono aggiunti poi additivi, come coloranti, ritardanti di fiamma, antiossidanti o antistatici, che ne esaltano o ne attenuano le proprietà. Oggi 7 materie plastiche coprono l’85% della domanda totale a livello globale. 3 tipi di plastica coprono il 50% della domanda in Europa.

L’Europa è il secondo maggiore produttore mondiale di plastica dopo la Cina.

Nel 2016 ha prodotto 60 milioni di tonnellate di plastica, che si sono trasformate in 27 milioni di tonnellate di rifiuti. Di queste, solo il 31% è stato avviato al riciclo, mentre il 27% è finito in discarica e il resto è stato avviato al recupero energetico.

Il 40% della plastica europea è destinato agli imballaggi e si trasforma in 16,7 milioni di tonnellate di rifiuti. Nonostante la situazione stia migliorando, il ricorso alla discarica (senza quindi passare per nessun tipo di riciclo) rimane ancora per molti paesi europei la prima o la seconda opzione: è predominante nei paesi balcanici e in alcune aree dell’Est Europa ed è il 50% in Italia, Francia e Spagna.
Ad oggi la domanda di plastica riciclata copre solo il 6% del mercato europeo.

Fonte @WWF.IT

PASCOLI ARBORATI

manza era una volta pratica comune in tutta Europa, ma era particolarmente importante per le dehesas. La loro complessa struttura, associata a una gestione dinamica, offre una ricca varietà di habitat e microhabitat alle specie selvatiche. Il rigogolo Oriolus oriolus, la ghiandaia marina Coracias garrulus e l’upupa Upupa epops sono un avvistamento frequente durante tutto…

Leggi di +

Una nuova stagione di volontariato per l’Orso Marsicano

Orso – Thanks to Simon Infanger Unsplash “Nei giorni scorsi è stata avviata la stagione estiva 2020: tantissime le persone che hanno scritto al WWF Abruzzo per diventare volontari per l’Orso e molti di loro sono già stati impegnati nelle prime giornate di attività che li hanno visti montare recinti elettrificati a difesa di un…

Leggi di +

One Spadina Crescent

La ristrutturazione e l’ampliamento di One Spadina Crescent per la Facoltà di Architettura, Paesaggio e Design (DFALD) John H. Daniels dell’Università di Toronto incarna un approccio olistico al design sostenibile. Il progetto si è concentrato sul contesto della città e sui modelli di utilizzo dinamici nel tempo, invece di concentrarsi esclusivamente su quadri di accreditamento…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.