Covid si sta diffondendo velocemente perché miliardi di persone non hanno acqua per lavarsi

Una grave carenza idrica domestica che affligge due persone su cinque nel mondo sta minando gli sforzi per contenere la pandemia di coronavirus. Il lavaggio frequente e accurato delle mani sono tra le misure più efficaci nel limitare la diffusione del virus perché, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, le principali vie di trasmissione sono le goccioline e il contatto diretto. Tuttavia, circa 3 miliardi di persone non hanno accesso all’acqua corrente e al sapone a casa e 4 miliardi soffrono di grave carenza idrica per almeno un mese all’anno, ha detto il gruppo UN-WATER delle Nazioni Unite.


“È una situazione disastrosa per le persone che vivono senza accesso ad acqua potabile e servizi igienici gestiti in modo sicuro”, ha detto in un’intervista il presidente delle Nazioni Unite per l’acqua, Gilbert F. Houngbo. “Il cronico sottoinvestimento ha reso miliardi di persone vulnerabili e ora ne stiamo vedendo le conseguenze”.

Le tue mani sono pulite?

Percentuale di popolazione con servizi di base per il lavaggio delle mani a casa nel 2017

Fonti: Programma congiunto di monitoraggio dell’approvvigionamento idrico dell’OMS e dell’UNICEF Nota: dati insufficienti per le aree in bianco

Anni di investimenti differiti in acqua pulita e servizi igienico-sanitari stanno ora mettendo tutti a rischio mentre il virus si diffonde attraverso i paesi sviluppati e in via di sviluppo, generando un ciclo di infezione e reinfezione. Il mondo ha bisogno di spendere 6,7 trilioni di dollari in infrastrutture idriche entro il 2030, secondo le Nazioni Unite, non solo per le urgenti esigenze igienico-sanitarie, ma per affrontare i problemi a lungo termine della pandemia come fornire una migliore irrigazione per scongiurare una potenziale crisi alimentare, ha detto Houngbo .

Alcune aziende sono intervenute per offrire soluzioni ai problemi più urgenti collaborando con Unicef ​​e altri partner per creare un dispositivo per il lavaggio delle mani fuori rete che richiede solo una piccola quantità di acqua in una bottiglia. Per 1 milione di dollari, in India verranno donate 500.000 unità per servire 2,5 milioni di persone prima che inizi la vendita al dettaglio.

È una risposta rapida a breve termine per aiutare a combattere la pandemia, ma sono necessari investimenti più sostenibili, come l’installazione di condutture idriche in più case, ha affermato Clarissa Brocklehurst, membro della facoltà del Water Institute presso l’Università del North Carolina e ex “WATER”, capo igiene e igiene dell’Unicef.

Disuguaglianze idriche

La mancanza di accesso all’acqua di base e ai servizi igienico-sanitari è un altro esempio degli effetti letali della disuguaglianza messi a nudo dalla pandemia.

Gli impatti della cattiva gestione dell’acqua sono avvertiti in modo sproporzionato dai poveri, che sono più propensi a fare affidamento sull’agricoltura alimentata dalla pioggia per il cibo e sono maggiormente a rischio di acqua contaminata e servizi igienici inadeguati, ha affermato la Banca Mondiale.

Le persone svantaggiate nelle città sono particolarmente vulnerabili poiché spesso vivono in aree densamente popolate dove l’allontanamento sociale è difficile, soprattutto se devono condividere una fonte d’acqua.

La trasmissione nelle Americhe è stata più difficile da contenere nelle aree urbane povere che hanno accesso limitato all’acqua, ai servizi igienico-sanitari e ai servizi di salute pubblica, ha affermato Carissa Etienne, direttrice dell’Organizzazione panamericana della sanità.

Fino a 5,7 miliardi di persone potrebbero vivere in aree in cui l’acqua scarseggia per almeno un mese all’anno entro il 2050, creando una competizione senza precedenti per l’acqua, ha detto Houngbo delle Nazioni Unite.

Secondo una stima, ogni grado di riscaldamento globale esporrà circa il 7% della popolazione mondiale a una diminuzione delle risorse idriche rinnovabili di almeno il 20%.

“Il lavaggio delle mani per così tanto tempo è stato quello che chiamerei infantilizzato”, ha detto Brocklehurst.

“All’improvviso, è una questione di vita o di morte e gli adulti stanno insegnando a se stessi come lavarsi le mani”.

Fonte @BloombergGREEN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.