Castello Roero a Guarene (Cuneo)

Le Ville Italiane ed i loro Giardini

Notizie storiche

Il castello dei conti Roero, esempio di architettura barocca piemontese, domina la collina di Guarene. Esso fu costruito a partire dal 1726 per iniziativa del conte Carlo Giacinto Roero che, abbandonato il castello di Vezza, decise di ricostruire quello guarenese, radendo al suolo il maniero medievale munito di torri risalenti al 1200. Trasformato nella residenza estiva della famiglia, fu disegnato personalmente dal più noto della casata, il conte Carlo Giacinto, allievo di Filippo Juvarra, e concluso dal figlio Traiano Giuseppe che dal 1749, anno della morte del padre, subentra nel cantiere guarenese. La costruzione è imponente a tre piani, tocca i 25 metri di altezza ed è circondata da vasti ed eleganti giardini all’italiana, progettati nel 1740 dal giardiniere del vicino castello di Govone e dallo stesso conte.

All’interno si possono ammirare quindici sale con decorazioni e affreschi di pittori come Francesco Casoli, Giacomo Rappa, Bernardino Galliori e Giuseppe Palladino. Particolarmente pregevoli la copiosa biblioteca, le Stanze Cinesi, le tappezzerie provenienti dalla Compagnia delle Indie, la Stanza del Vescovo, lo Scalone, il Salone d’ingresso, la Sala da Pranzo e la Galleria. Con l’estinzione dei conti Roero, il castello fu ereditato dalla famiglia Provana di Collegno. Nel 2011 è passato a nuova proprietà ed è stato destinato a struttura ricettiva di alto livello, nell’assoluto rispetto del valore museale. Gli interventi di restauro conservativo e di adeguamento sono durati tre anni.

Il castello comprende anche la cappella patronale, situata in un angolo del giardino verso valle, eretta per volontà del conte Traiano Giuseppe Roero (1702-1781), figlio di Carlo Giacinto. Dedicata a Santa Teresa, è un edificio a pianta ellittica, disegnato dall’architetto Filippo Castelli di San Damiano, eretto nel 1778 tra maggio e ottobre. Secondo le testimonianze d’archivio vennero pagate 1000 lire al capomastro Pianarossa per le opere murarie e sembra che suscitasse molta ammirazione da parte dei visitatori. All’interno si trovano preziosi candelieri, carte-gloria, un crocifisso. Orna l’altare un dipinto dedicato a Santa Teresa posto entro una cornice ovale. Le opere in legno sono state realizzate per mano dello scultore Francesco Boselli nel 1778.

Villa Angarano, ora Bianchi Michiel

Importante complesso di villa veneta articolato attorno a due grandi corti regolari: quella occidentale, a destinazione produttiva, è delimitata da edifici rustici; quella orientale è invece caratterizzata da un alto corpo padronale ai fianchi del quale si innestano due basse barchesse porticate che piegano ad angolo retto delimitando in modo speculare la corte centrale. Sulla…

Continua a leggere

Villa Landi (Messina)

La villa castello Landi ad opera dell’architetto Carlo Falconieri dominava il Torrente Boccetta. Quest’ultima opera è tuttora esistente, sebbene alquanto rimaneggiato e soffocato da costruzioni di epoca recente e rappresenta forse la sua opera messinese più bella. Si tratta di una sorta di originale villa in stile neogotico di derivazione siculo-catalana, come egli stesso chiarisce…

Continua a leggere

TIVOLI, Villa d’Este

La Villa d’Este a Tivoli, con il suo palazzo e il giardino, è una delle più notevoli e complete illustrazioni della cultura rinascimentale nella sua forma più raffinata. Il suo design innovativo insieme alle componenti architettoniche del giardino (fontane, vasche ornamentali, ecc.) Ne fanno un esempio unico di giardino italiano del XVI secolo. La Villa…

Continua a leggere

Villa Larderia a Bagheria

Edificata nel 1752, nei pressi della Piazza del Duomo, da Letterio Moncada, Principe di Larderia,  ha la caratteristica composizione architettonica a tre bracci radiali a 120°, unico esempio nel palermitano di costruzione a pianta centrale.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.