Camomilla romana, Anthemis nobilis L.

NOME COMUNE: Camomilla Romana

Famiglia: Asteracee (conosciuta un tempo anche come Compositae), una vasta famiglia di piante dicotiledoni dell’ordine delle Asterales.

Specie: Anthemis nobilis L.

Sinonimo: Chamaemelum nobile All.

Altri nomi comuni: Camomilla nobile

Generalità

Pianta originaria dell’Europa occidentale. Coltivata in Italia, raramente spontanea.

Caratteri botanici

Erbacea perenne sempreverde, con fusti striscianti o ascendenti, un po’ legnosi in basso, alta 10 cm quando è verde e fino a 30 cm. quando è in fiore. In estate produce fiori grandi, singoli, bianchi, simili a margherite. Le foglie, pennatosette, sono verdi e hanno un profumo dolce se schiacciato. Spesso si trova in coltivazione la forma orticola a fiori doppi, tutti ligulati bianchi.

Coltivazione

La semina viene effettuata in primavera su substrato fertile e sciolto. Una volta sviluppate, le piantine possono essere poste in terra piena o in vaso, in zone soleggiate e con terreno ben drenato. Le piante adulte si possono moltiplicare per talea o per divisione.

Raccolta e conservazione

Cogliere i fiorellini non appena sono schiusi e utilizzarli freschi o essiccati.

Uso in cucina e proprietà terapeutiche

La camomilla romana viene utilizzata per vermuth, vini e liquori di erbe. L’infuso preparato con i fiori freschi o essiccati allevia l’insonnia e i disturbi digestivi. Proprietà terapeutiche: amaro-toniche, digestive, antispasmodiche, antielmintiche e come disinfettante del cavo orale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.