Arabis

Arabis Brassicaceae – Nome scientifico
ARABIS

L’Arabis, conosciuta anche come Pelosella delle Alpi, è una piccola pianta erbacea rustica e perenne appartenente alla famiglia delle Brassicaceae & Crucifere proveniente dall’ Europa e dall’Asia (Caucaso), diffusa in tutti i paesi temperati.

È un genere di piante erbacee note come arabidi, appartenenti alla famiglia Crocifere. Sono ca. 170 specie di erbacee di mole piccola e modesta, presenti in Europa, Asia boreale, Etiopia e America boreale. In Italia vivono specialmente sui monti; hanno portamento eretto o cespitoso, foglie semplici, per lo più oblunghe o spatolate, fiori piccoli a 4 petali, bianchi, rosei o giallastri. Il frutto è una siliqua.

Portamento

La pianta di Arabis ha portamento cespuglioso tappezzante infatti in pieno sviluppo vegetativo forma densi cuscini compatti e verdeggianti che coprono il suolo sottostante.

Esposizione

E’ una pianta erbacea pur prediligendo i luoghi parzialmente soleggiati si sviluppa forte e rigogliosa anche in quelli luoghi ombrosi ma in questo caso forma cespugli verdeggianti più poveri di fiori. Tollera abbastanza bene il freddo anche se necessita di essere protetta durante l’inverno.

Terreno

Ama i terreni poveri e ben drenati anche se si sviluppa bene anche in quello comune da giardino purchè misti a sabbia.

Annaffiature

La Pelosella d’Alpe caucasica necessita di regolari annaffiature per tutto il  periodo vegetativo e durante la fioritura. Durante l’inverno le annaffiature vanno sospese del tutto e vanno praticate  raramente, solo quando il terriccio è asciutto da diversi giorni se viene coltivata in vaso.

Foglie

Gli steli son cilindrici portano foglie ovali o ellittiche di colore grigio-verde. La pagina fogliare è pelosa, il margine dentato.

Fiori

Arabis Viola

Durante il periodo della fioritura gli steli si ricoprono di tantissimi fiori profumati con corolla composta da 4 petali, bianchi, rosa o azzurri. I petali hanno forma tondeggiante e sono disposti a croce.

Le piante di Arabis producono spettacolari fioriture dalla primavera fino a luglio inoltrato.

Come in tutte le Crucifere, dopo la fioritura, sulla pianta compaiono i frutti.

frutti sono delle lunghe silique contenenti ognuna dai 10 ai 20 piccoli semi.

I semi piccolissimi e grigiastri sono molto fertili e possono essere raccolti e seminati nella primavera successiva per ottenere nuove piante di Arabis caucasica.

Concimazione

Ha bisogno di nutrienti quindi durante il periodo vegetativo somministrare del concime specifico per piante da fiore  una volta al mese se liquido ogni 2 mesi se si utilizza quello granulare a lenta cessione.

Moltiplicazione

La pianta si propaga per seme e ancora meglio mediante la divisione di cespi, subito dopo la fioritura.

La semina della Arabis viene poco praticata perchè le piante per svilupparsi richiedono molto tempo.

Questa tecnica vegetativa è preferita alla semina perchè oltre ad assicurare piante identiche a quella originale consente di ottenere piante da fiore fin da subito.

All’inzio della primavera, prima della fioritura, si estrae dal terreno una pianta sana e vigorosa di almeno 2-3 anni di vita, e si divide il cespo in più porzioni portanti ciascuna delle radici vigorose.

I cespi ottenuti per divisione si mettono subito a dimora e dopo aver compattato ben bene il terreno intorno al colletto si annaffiano abbondantemente.

Messa in dimora

Si pianta in settembre o marzo nel terreno ben lavorato, soffice e ben drenato sul fondo con l’aggiunta di una manciata di sabbia.

Arabis: coltivazione in vaso

E’ una pianta che può essere coltivata anche in vaso purchè di dimensioni adeguate allo sviluppo delle radici. Si utilizza terreno calcareo, ben drenato e ricco di sostanza organica.

Le piante di Arabis allevate in vaso tendono ad occupare in poco tempo tutto lo spazio disponibile e pertanto quando le radici fuoriescono dai fori di drenaggio dell’acqua delle annaffiature è opportuno trasferirle con tutto il pane di terra che avvolge le radici in vasi o in fioriere molto più grandi utilizzando della sabbia o del pietrisco sul fondo del vaso per favorire lo sgrondo e quindi evitare il ristagno idrico che danneggerebbe seriamente l’apparato radicale.

Abbinamenti

Le piante di Arabis possono essere abbinate nelle aiuole miste con piante di Aubretia, Phlox e Alisso.

Cimatura o potatura Arabis

Per stimolare la fioritura e l’emissione di nuovi getti cimare quelli che hanno prodotto i fiori, accorciandoli alla base con cesoie o forbici disinfettate e ben affilate.

Parassiti e malattie Arabis

Si tratta di una pianta rustica resistente alle malattie fungine ma se il clima locale è eccessivamente umido soffre gli attacchi degli afidi neri che generalmente tendono ad ammassarsi lungo gli steli come accade in molte piante ornamentali e soprattutto nel crisantemi.

Cure e trattamenti

Prima dell’arrivo dl freddo proteggere i cespi di Arabis con una leggera pacciamatura di paglia. Svuotare il sottovaso per evitare il marciume delle radici.

Per contrastare le infestazioni da afidi questo è possibile effettuare dei trattamenti irrorando tutte le piante con prodotti specifici o preparati naturali come l’ antiparassitario biologico all’aglio preparato in casa o con una soluzione acquosa di sapone di Marsiglia.

Varietà e specie di Arabis

Specie principali per la nostra flora sono Arabis turrita, alta 10-80 cm, bienne; Arabis alpina, tomentosa, con foglie attenuato-picciolate, dentate o subpennatosette; Arabis hirsuta, Arabis muralis, Arabis caerulea, alpina; Arabis thaliana, annua, comune nei luoghi erbosi; Arabis halleri, con petali bianchi o rosei, dei ghiaioni alpini.

Usi

Le piante di Arabis caucasica sono apprezzate in giardinaggio per tappezzare i giardini rocciosi, muretti a secco e per realizzare aiuole o bordure fiorite. Belle da coltivare anche in vasi o in fioriere rettangolari.

Curiosità

Il nome generico Arabis fu dato alla pianta da Linneo e secondo alcuni botanici non fa rifermento all’Arabia come luogo di provenienza bensì all’habitat arido e sassoso in cui crescono molte specie.

Fonte @ casaegiardino.it

Ibisco

Arbusto a foglie caduche, originario dell’Asia, molto diffuso in coltivazione come pianta ornamentale, nei giardini e come arredo urbano. Ha portamento eretto, ben ramificato, e raggiunge i 2-3 metri di altezza; la corteccia è grigia, liscia, tende a divenire rugosa e profondamente segnata con il passare degli anni. Il fogliame è di forma ovale, presenta…

Leggi di +

Biancospino

Il biancospino (Crataegus monogyna) è un arbusto o un piccolo albero molto ramificato, contorto e spinoso, appartenente alla famiglia delle Rosaceae e al genere dei Crataegus. Talvolta è usato il sinonimo Crataegus oxyacantha.

Leggi di +

Viola cornuta

la viola cornuta è una pianta robusta adatta a fioriere e aiuole. Ama particolarmente stendere il suo tappeto di fiori in luoghi parzialmente ombreggiati, ma con un’irrigazione sufficiente può svilupparsi bene anche in luoghi soleggiati – solo in ombra pura devi aspettarti meno fiori. Con il suo sviluppo a tappeto, la viola cornuta è ideale…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.