Affrontare l’acidificazione degli oceani.

La chimica del nostro oceano sta cambiando.

Ostriche. Salmone. Squali. Aragosta. Corallo. Cosa hanno in comune questi animali? Evocano forti immagini e associazioni: ricordi di aver bevuto la tua prima ostrica, indossato le tue prime perle, la prima volta che hai visto uno squalo o ti sei sentito ispirato da una magnifica barriera corallina.

Questi animali e il loro ambiente fanno parte del tessuto delle nostre vite, sia che viviamo a kilometri di distanza dall’oceano, sia che siamo abbastanza fortunati da viverci.

Forniscono servizi importanti, dal filtraggio dell’acqua oceanica all’essere una fonte di cibo primaria per altri animali. Forniscono mezzi di sussistenza a milioni di persone in tutto il mondo, attraggono turisti e supportano intere comunità.

E condividono anche qualcosa di preoccupante in comune: sono tutti a rischio estinzione a causa dell’acidificazione degli oceani.

Man mano che l’inquinamento da carbonio viene assorbito dall’oceano, il nostro oceano sta diventando sempre più acido. Ciò influisce sul modo in cui gli animali crescono e sopravvivono, il che ovviamente danneggia gli animali che li mangiano e le persone che li pescano.

Questo problema è reale e sta accadendo ora. Nel 2014, un’azienda canadese di allevamento di molluschi ha riferito di aver perso 10 milioni di capesante e 10 milioni di dollari a causa dell’acidificazione degli oceani.

Mentre la traiettoria dell’acidificazione continua ad aumentare, i crostacei, comprese ostriche, cozze e granchi, potrebbero presto diventare scarsi sui piatti della cena delle persone e difficili da trovare per la fauna oceanica affamata.

Dall’Atlantico al Pacifico e in tutto il mondo, le comunità stanno combattendo gli impatti dell’acidificazione. Che tu sia un pescatore, operi nel settore del turismo o semplicemente ti piacciono i frutti di mare, questo è un problema che riguarda tutti noi.

Il problema della minaccia ai fondamenti della sopravvivenza della vita marina

Dall’inquinamento atmosferico al deflusso terrestre, l’inquinamento da carbonio sta inondando il nostro oceano. L’acqua di mare assorbe gran parte delle emissioni di carbonio che pompiamo nell’atmosfera e questo provoca un aumento dell’acidità che altera l’equilibrio chimico dell’oceano.

Questo cambiamento rende la vita difficile per ostriche, vongole, coralli e altri animali, che lottano per costruire i loro gusci e scheletri, per cacciare e riprodursi normalmente.

Immagina una barriera corallina senza coralli o un letto di ostriche senza ostriche: questi animali forniscono habitat e cibo a innumerevoli altri animali sottomarini e sono parte integrante degli ecosistemi marini.

Per non parlare dell’importanza economica di queste attività di pesca: l’industria ittica sostiene migliaia di posti di lavoro e mezzi di sussistenza, ma l’acidificazione degli oceani può metterli a rischio.

L’acidificazione ha enormi implicazioni per i delicati ecosistemi che dipendono dai molluschi e per il ruolo che svolgono nell’ambiente.

Prendi le ostriche, ad esempio: un’ostrica adulta è in grado di filtrare 25-50 litri di acqua al giorno! Ma le epidemie di pesca e malattie hanno ridotto le ostriche a solo l’1% della loro popolazione storica. Gli sforzi di ripristino sono in corso in molti luoghi del mondo, ma l’acidificazione potrebbe minacciare questo lavoro.

Le barriere coralline di ostriche forniscono riparo a pesci e granchi e filtrano l’acqua priva di minuscole alghe e particelle.

Questo incoraggia la crescita di più ‘fanerogame’ e fornisce case per altre specie che amiamo mangiare, come lo scorfano e il granchio blu. L’acidificazione degli oceani è più del solo cambiare la loro chimica.

ACIDIFICAZIONE DEGLI OCEANI

L’acidificazione degli oceani è anche un problema per il lavoro e per la comunità che vivono di e per il mare, che apprezzano le ostriche, le vongole e le cozze prodotte dagli allevatori di molluschi. Celebriamo occasioni speciali con pasti a base di pesce, granchi e aragoste pescati dai pescatori. Molti di questi agricoltori e pescatori hanno gestito le loro attività costiere per decenni, con nuovi membri della famiglia che prendono le redini ogni generazione. Vogliamo preservare questo stile di vita. Fa parte della cultura e del nostro patrimonio marinaro.

L’acidificazione degli oceani minaccia la sopravvivenza delle attività costiere multigenerazionali. Dobbiamo agire ora per garantire il futuro di questi ecosistemi marini e delle comunità che fanno affidamento su di essi. Per risolvere definitivamente il problema, dobbiamo ridurre le emissioni di carbonio. Ma ci sono molti passi che possiamo intraprendere in questo momento per aiutare a mitigare i danni a livello locale e regionale.

Lavoriamo con leader di tutte le comunità e settori per affrontare in modo collaborativo l’inquinamento da carbonio e l’acidificazione degli oceani. Supportiamo gli investimenti nella ricerca scientifica per comprendere meglio questa complessa minaccia.

Lo facciamo perché amiamo le nostre comunità costiere, le economie e le acque marine. Ocean Conservancy è in prima linea nella ricerca e nel campo dell’acidificazione degli oceani.

Stiamo lavorando instancabilmente per spargere la voce sul problema e riunire più parti interessate per trovare soluzioni.

Questo è un problema multiforme e necessita di soluzioni creative.

Qui a Ocean Conservancy, lavoriamo con pescatori locali, responsabili politici e scienziati che sono tutti concentrati sullo stesso obiettivo di proteggere le nostre comunità costiere, il patrimonio ittico e la cultura. Ci impegniamo a riunire le menti più brillanti da costa a costa e in tutto il mondo per lavorare verso scoperte scientifiche entusiasmanti e azioni politiche.

Cerchiamo di essere una risorsa per il pubblico e un sostenitore delle parti interessate. Dai un’occhiata alle nostre infografiche, video e altri strumenti educativi che puoi utilizzare per diffondere la consapevolezza sul problema. E, come sempre, unisciti a noi nel tentativo di ridurre le nostre emissioni giornaliere di carbonio e il deflusso per aiutare a rallentare il flusso di carbonio nel nostro oceano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.