5 giugno, Giornata Mondiale dell’Ambiente

REIMMAGINARE. RICREARE. RISTABILIRE.

Per troppo tempo abbiamo sfruttato e distrutto gli ecosistemi del nostro pianeta. Ogni tre secondi, il mondo perde abbastanza foresta per coprire un campo da calcio e nell’ultimo secolo abbiamo distrutto metà delle nostre zone umide. Fino al 50% delle nostre barriere coralline è già andato perso e fino al 90% delle barriere coralline potrebbe andare perso entro il 2050, anche se il riscaldamento globale è limitato a un aumento di 1,5°C.

La perdita dell’ecosistema sta privando il mondo di pozzi di assorbimento del carbonio, come foreste e torbiere, in un momento in cui l’umanità meno se lo può permettere. Le emissioni globali di gas serra sono cresciute per tre anni consecutivi e il pianeta è a un passo da un cambiamento climatico potenzialmente catastrofico.

L’emergere di COVID-19 ha anche mostrato quanto possano essere disastrose le conseguenze della perdita dell’ecosistema. Riducendo l’area dell’habitat naturale per gli animali, abbiamo creato le condizioni ideali per la diffusione degli agenti patogeni, compresi i coronavirus.

Con questo quadro ampio e impegnativo, la Giornata mondiale dell’ambiente si concentra sul ripristino dell’ecosistema e il suo tema è “Reimagine. Ricrea.Ripristina.”

Ripristino dell’ecosistema significa prevenire, arrestare e invertire questo danno, passare dallo sfruttamento della natura alla guarigione. Questa Giornata mondiale dell’ambiente darà il via al Decennio delle Nazioni Unite sul ripristino dell’ecosistema (2021-2030), una missione globale per far rivivere miliardi di ettari, dalle foreste ai terreni agricoli, dalla cima delle montagne alle profondità del mare.

Solo con ecosistemi sani possiamo migliorare i mezzi di sussistenza delle persone, contrastare i cambiamenti climatici e fermare il crollo della biodiversità.

Investire negli ecosistemi significa investire nel nostro futuro

La Giornata mondiale dell’ambiente 2021, che quest’anno conta con il Pakistan come paese ospitante per le sue celebrazioni ufficiali, chiede un’azione urgente per far rivivere i nostri ecosistemi danneggiati.

Dalle foreste alle torbiere alle coste, dipendiamo tutti da ecosistemi sani per la nostra sopravvivenza. Gli ecosistemi sono definiti come l’interazione tra gli organismi viventi – piante, animali, persone – con l’ambiente circostante. Ciò include la natura, ma anche sistemi creati dall’uomo come città o fattorie.

Il ripristino dell’ecosistema è un’impresa globale su vasta scala. Significa riparare miliardi di ettari di terra – un’area più grande della Cina o degli Stati Uniti – in modo che le persone abbiano accesso a cibo, acqua pulita e lavoro.

Significa riportare piante e animali dall’orlo dell’estinzione, dalle vette delle montagne alle profondità del mare.

Ma include anche le tante piccole azioni che tutti possono intraprendere, ogni giorno: far crescere alberi, rendere più verdi le nostre città, risistemare i nostri giardini o ripulire i rifiuti lungo i fiumi e le coste.

Il ripristino degli ecosistemi comporta notevoli benefici per le persone. Per ogni dollaro investito nel restauro, ci si può aspettare almeno dai sette ai trenta dollari in ritorni per la società. Il ripristino crea anche posti di lavoro nelle zone rurali dove sono più necessari.

Alcuni paesi hanno già investito nel restauro come parte delle loro strategie per riprendersi dal COVID-19. Altri si stanno rivolgendo al restauro per aiutarli ad adattarsi a un clima che sta già cambiando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.