WWF Indice della Popolazione vivente d’acqua dolce (diminuzione media 84 %)

In media, le tendenze della popolazione per le specie di acqua dolce monitorate sembrano in forte calo, con la megafauna particolarmente a rischio.

Quasi una specie di acqua dolce su tre è minacciata di estinzione, con tutti i gruppi tassonomici che mostrano un rischio maggiore di estinzione in acqua dolce, rispetto a quella del sistema terrestre,

Se guardiamo alle tendenze della popolazione utilizzando l’LPI, emerge una storia simile. Le 3.741 popolazioni monitorate, che rappresentano 944 specie di mammiferi, uccelli, anfibi, rettili e pesci presenti nell’indice della popolazione vivente d’acqua dolce è diminuito in media di 84% (intervallo: da -89% a -77%), equivalente al 4% all’anno da quando è cominciato nel 1970 il monitoraggio.

La maggior parte del declino si osserva negli anfibi d’acqua dolce, rettili e pesci; e vengono registrati in tutte le regioni, in particolare America Latina e Caraibi.

Degrado dell’habitat dovuto all’inquinamento o alla modifica del flusso, sovrasfruttamento, specie invasive ed estrazione della sabbia nei fiumi sono tra le maggiori minacce che colpiscono le specie di acqua dolce.

L’azione di Conservazione spesso non riesce a proteggere le specie o gli habitat d’acqua dolce, in parte anche perché la protezione degli ambienti d’acqua dolce spesso richiede sforzi multisettoriali su larga scala.

Maggiore è la dimensione, maggiori sono le minacce

Specie con dimensioni corporee maggiori rispetto alle altre specie dello stesso gruppo tassonomico viene talvolta definito “megafauna”.

In tutto il mondo, queste specie sono particolarmente a rischio: tendono essere meno resilienti ai cambiamenti nell’ambiente perché loro richiedono generalmente habitat complessi e di grandi dimensioni, si riproducono in un secondo momento dello stadio di vita e tendono ad avere meno figli.

Nel sistema di acqua dolce, le megafaune sono specie che crescono più di 30 kg, come storione e pesce gatto gigante del fiume Mekong, delfini, lontre, castori e ippopotami.

Sono soggetti a intensi minacce antropogeniche, compreso lo sfruttamento eccessivo, e di conseguenza è stato osservato un forte calo della popolazione.

I Mega-pesci sono particolarmente vulnerabili. Le catture nel bacino del fiume Mekong tra il 2000 e il 2015, ad esempio, sono diminuite del 78% delle specie, e il declino è più forte tra le specie di corpo medio-grande.

Anche i pesci di grandi dimensioni sono fortemente diminuite, a causa delle costruzioni, che bloccano le loro rotte migratorie verso la deposizione delle uova e zone di alimentazione.
È necessaria una collaborazione transfrontaliera su larga scala per proteggere le specie di acqua dolce e perseveranza degli sforzi per avere successo. Il castoro eurasiatico, per esempio, è stato ora reintrodotto in molti paesi da cui era scomparso , comprese Cechia, Estonia, Finlandia,
Svezia e Regno Unito.

WWF Living Planet Report 2020.

Fonte @wwf.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.