Mauritius dichiara l’emergenza ambientale dopo la fuoriuscita di un carico di carburante da una petroliera incagliatasi a terra

Sabato 8 agosto 2020 08:44, MAURITIUS

(Photo Courtesy: Karmagawa/Twitter)

La nave trasportava quasi 4.000 tonnellate di carburante quando il suo scafo si è rotto.

La fuoriuscita di petrolio raggiunge le coste di Mauritius

A Mauritius è stato dichiarato lo “stato di emergenza ambientale” dopo che una nave incagliata al largo dell’isola dell’Oceano Indiano ha iniziato a spargere tonnellate di petrolio.

Le immagini satellitari hanno mostrato una chiazza di petrolio scura che si diffonde nelle acque turchesi vicino alle aree ambientali vulnerabili.

Secondo quanto riferito, la nave stava trasportando quasi 4.000 tonnellate di carburante quando il suo scafo si è rotto. I subacquei lavorano per contenere la fuoriuscita di petrolio dalla petroliera a Mauritius.

Il primo ministro Pravind Jugnauth ha affermato che la fuoriuscita “rappresenta un pericolo” per il Paese di circa 1,3 milioni di persone già colpite dalla pandemia di coronavirus.

Il sig. Jugnauth ha chiesto alla Francia di aiutare la piccola nazione insulare che fa affidamento sulle sue acque per la pesca e il turismo.

“Il nostro paese non ha le capacità e le competenze per rilanciare navi arenate, quindi ho chiesto aiuto alla Francia e al (suo presidente) Emmanuel Macron”, ha detto. “Il maltempo ha reso impossibile agire e temo cosa potrebbe accadere domenica quando il tempo peggiorerà”.

Il video pubblicato online mostrava acque oleose che lambivano la riva. I localizzatori di navi online hanno mostrato che la nave petroliera battente bandiera di Panama era diretta dalla Cina al Brasile.

L’isola francese di Reunion è la più vicina alle Mauritius. Il ministero degli Esteri francese afferma di essere il “principale investitore straniero” di Mauritius e uno dei suoi maggiori partner commerciali.

Dichiarazione del Ministro dell’Ambiente delle Mauritius

Il ministro dell’ambiente delle Mauritius, Kavy Ramano, ha detto che lo stato era in una “crisi ambientale”, definendo il Blue Bay Marine Park e altre aree vicino alla nave che perde “molto sensibili”. Dopo che sono state trovate le crepe nello scafo, una squadra di salvataggio che stava lavorando sulla nave è stata evacuata, ha detto Ramano. Nel tentativo di contenere la fuoriuscita sono stati dispiegati circa 400 boe marine.

La nave si è incagliata il 25 luglio e la Guardia costiera nazionale non ha ricevuto alcuna richiesta di soccorso, ha detto una dichiarazione del governo, aggiungendo che la polizia sta indagando su possibili negligenze.

Il responsabile del clima e dell’energia di Greenpeace Africa, Happy Khambule, ha dichiarato in una dichiarazione che tonnellate di gasolio e petrolio stanno ora perdendo nell’acqua.

“Migliaia di specie intorno alle lagune incontaminate di Blue Bay, Pointe d’Esny e Mahebourg rischiano di annegare in un mare di inquinamento, con conseguenze disastrose per l’economia, la sicurezza alimentare e la salute di Mauritius”, ha detto Khambule.

Una prospettiva ambientale del governo pubblicata quasi un decennio fa diceva che le Mauritius avevano un piano nazionale di emergenza per le fuoriuscite di petrolio, ma le attrezzature disponibili erano “adeguate solo per affrontare fuoriuscite di petrolio inferiori a 10 tonnellate metriche”.

In caso di sversamenti importanti, si potrebbe chiedere aiuto ad altri paesi dell’Oceano Indiano o alle organizzazioni internazionali di intervento in caso di fuoriuscita di petrolio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.