Vini di Lombardia
LAMBRUSCO MANTOVANO DOP

I vini della Denominazione di Origine Protetta “Lambrusco Mantovano” possono essere sia rossi che rosati e, inoltre, possono portare indicazione di una delle due sottozone: “Viadanese – Sabbionetano” e “Oltre Po Mantovano”.

Uvaggio

I vini Lambrusco Mantovano devono essere prodotti utilizzando uve provenienti da vigneti dove sia presente, per almeno l’85%, almeno uno dei seguenti vitigni della tipologia Lambrusco: Viadanese (localmente detto Grappello Ruberti), Maestri (localmente Grappello Maestri), Marani e Salamino. Per una quota non superiore al 15%, possono poi concorrere anche il Lambrusco di Sorbara, il Lambrusco Grasparossa, l’Ancellotta e il Fortana.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Il Lambrusco Mantovano rosso (10,5% vol.) ha un piacevole aspetto rosso rubino o granato, con intensità variabile, eventualmente impreziosito da una spuma frizzante ed evanescente. L’odore è vinoso e fruttato e a volte presenta sentori di viola o di ribes. Si abbina ad un gusto sapido e acidulo, che può essere asciutto o amabile. Il Lambrusco Mantovano rosato (10,5% vol.), invece, può presentarsi in diverse intensità di colorazione rosata, con la medesima spuma frizzante ed evanescente. L’odore è gradevole e fruttato, mentre al palato risulta leggermente acidulo, asciutto o amabile. Nelle varianti con indicazione di sottozona, il titolo alcolomentrico è di poco superiore, pari a 11% vol.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione è nettamente distinta nelle due sottozone del Viadanese – Sabbionetano e dell’Oltre Po Mantovano. Pur nelle differenze territoriali, entrambe presentano caratteristiche climatiche simili: afosità estive con forte umidità, inverni rigidi e ritorni di gelo primaverili.

Specificità e note storiche

Conosciuta già in epoca romana, la coltivazione della vite nel mantovano ebbe un deciso sviluppo grazie ai monaci benedetti, insediatisi nell’abbazia di Polirone, a San Benedetto Po. Una crescita resa possibile anche dalla lungimirante politica della contessa Matilde di Canossa, che favorì l’arrivo dei monaci nelle sue terre.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE vino LAMBRUSCO MANTOVANO DOP

Vini di Lombardia
RONCHI DI BRESCIA IGP

Il bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,50% vol.) è di color giallo paglierino più o meno carico, abbinato a odore fruttato e gusto fresco, sapido, armonico. La tipologia rosso (10,50% vol.) presenta color rosso rubino con riflessi granata, con profumo vinoso intenso e gusto asciutto, sapido, corposo, giustamente tannico. Il novello (11% vol.) si…

Leggi di +

Vini di Lombardia
VALTÈNESI DOP

Il Valtènesi rosso (11,5% vol) è un vino di colore rubino brillante, con tonalità che può risultare anche piuttosto intensa ed eventualmente venata da riflessi granati, legati soprattutto all’invecchiamento. L’odore è vinoso e caratteristico, da giovane può essere impreziosito da note fruttate che con il tempo virano su quelle speziate. Il sapore è fine, sapido…

Leggi di +

Vini di Lombardia
VALCALEPIO DOP

I rossi (vol. 11,5% per il base e 12,5% per il Riserva) hanno un colore rubino più o meno carico, che tende al granata nella versione Riserva; il profumo è intenso, gradevole, talvolta etereo e il sapore è asciutto, di corpo, talvolta vellutato. Il bianco (vol 11,5%) invece ha un colore giallo paglierino, il profumo…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.