Vini della Toscana
SOVANA DOP

I vini Sovana, denominazione di origine protetta, possono essere prodotti in quattro tipologie base: Rosso, Rosso riserva, Rosso superiore, e Rosato. Ci sono poi le varianti con indicazione di vitigno: Aleatico (Riserva, Passito, Riserva passito e Superiore), Cabernet sauvignon (Superiore e Riserva), Ciliegiolo (Superiore e Riserva), Merlot (Superiore e Riserva) e Sangiovese (Superiore e Riserva).

Uvaggio

Per i vini Sovana rossi e rosati, senza indicazione di vitigno, la produzione avviene con almeno un 50% di uve Sangiovese. Nel caso dei vini monovitigno, invece, le uve specifiche di riferimento devono coprire l’85% del totale (minimo). In tutte le tipologie, inoltre, a completamente delle quote mancanti, è ammesso l’uso di altri vitigni a bacca analoga, idonei alla coltivazione in Toscana.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Le caratteristiche organolettiche dei vini Sovana rossi (vol. 11-12%) sono fortemente influenzate dalla percentuale di presenza del Sangiovese. In generale, si tratta di vini dalla colorazione rosso rubino, con possibili riflessi violacei, quando giovani, e sfumature verso il granato, quando invecchiati. L’invecchiamento è anche responsabile del progressivo aumento della complessità aromatica, dell’ampiezza e dell’eleganza, con l’emergere di sentori erbacei e di piccoli frutti rossi e note speziate. Effetto analogo a livello di gusto, con i vini che acquistano corpo e volume. Il Rosato (vol. 11%), invece, ha un colore che va dal rosa tenue al cerasuolo, impreziosito da profumi intensi, fruttati e delicati e con un sapore fresco, sapido, asciutto e leggermente acidulo. Una descrizione più dettagliata delle caratteristiche organolettiche di ciascun vino è rintracciabile nel disciplinare.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione, coincidente con la parte sud-orientale della provincia di Grosseto, è caratterizzata da un paesaggio collinare e pedecollinare, con clima mediterraneo.

Specificità e note storiche

Nell’area dei vini Sovana, la vite era già conosciuta e coltivata nei periodi etrusco e greco. Fu durante la dominazione romana, però, che le tecniche furono notevolmente affinate e la produzione raggiunse livelli di eccellenza.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE VINO SOVANA DOP

Vini della Toscana
VIN SANTO DEL CHIANTI CLASSICO DOP

Il “Vin Santo del Chianti classico”, sia base che Occhio di Pernice, hanno un tasso alcolometrico di 16% vol. La versione base presenta un colore giallo paglierino che può variare dal dorato all’ambrato, il profumo risulta etereo e intenso, il sapore invece va dal secco all’amabile, con una più pronunciata rotondità per il tipo amabile….

Leggi di +

Vini della Toscana
SAN TORPÈ DOP

Nel vino Bianco (11% vol.) la colorazione è paglierina, con diversi gradi di intensità; l’odore è caratteristico, vinoso e vivace e si abbina ad un sapore secco, delicato e armonico. Il Rosato (11% vol.), invece, si presenta con aspetto che varia dal rosa tenue al cerasuolo e rilascia un odore vinoso e delicato, impreziosito da…

Leggi di +

Vini della Toscana
VALDINIEVOLE DOP

I vini “Valdinievole” hanno un tasso alcolometrico che varia da 11% a 12,5% vol. e raggiunge il 17% con il Vin Santo. I bianchi hanno un colore giallo paglierino tendente al dorato chiaro; il profumo è gradevole, con sentori di fiori e frutta, mentre il sapore risulta secco, armonico e persistente. Il Rosso base, il…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.