Vini del Veneto
SOAVE DOP

Nella denominazione di origine protetta “Soave” rientra l’omonimo vino bianco, nonché la sua versione Spumante e le produzioni con indicazione delle sottozone Classico e Colli Scaligeri.

Uvaggio

La produzione dei vini Soave avviene partendo da uve che provengono da vigneti composti dai vitigni Garganega (minimo 70%), Trebbiano di Soave e Chardonnay (non più del 30%, da soli o congiuntamente). Nella quota del 30%, però, è possibile anche far rientrare, fino ad un massimo del 5%, altri vitigni a bacca bianca, non aromatici, idonei alla coltivazione in provincia di Verona.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Il vino Soave, anche nelle sue varianti Classico e Colli Scaligeri, si presenta con un aspetto giallo paglierino che può tendere al verdognolo. L’odore che rilascia è caratteristico, con un profumo intenso e delicato, e si abbina ad un sapore di medio corpo, asciutto, armonico e leggermente amarognolo. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo spazia dai 10,5% vol. della versione base agli 11% vol. dei vini con menzione di sottozona. Caratteristiche organolettiche analoghe si ritrovano anche nello Spumante (11% vol.), prodotto nelle versioni extra brut, brut, extra dry o dry; differisce solo per una maggiore brillantezza della colorazione, impreziosita anche dalla presenza di una spuma fine e persistente.

Zona di produzione delle uve

L’area di produzione dei vini Soave D.O.C. è compresa nella porzione centro-occidentale della regione dei Monti Lessini in posizione prossima al punto di immersione nella Pianura Padana.

Specificità e note storiche

Già in epoca romana, la zona dei vini Soave era conosciuta per la particolare intensità della produzione vitivinicola, caratteristica presente ancora oggi. Negli anni, all’abbondanza delle coltivazioni si è aggiunto anche un innalzamento del livello qualitativo che ha contribuito a rendere rinomate le produzioni locali.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE vino SOAVE DOP

Vini del Friuli Venezia Giulia
RAMANDOLO DOP

Alla vista, il Ramandolo si presenta di un piacevole colore giallo dorato. L’odore è intenso e caratteristico, libera un profumo di acacia, miele di montagna e frutta matura, come le susine, le albicocche. Al palato risulta gradevolmente dolce e vellutato, di corpo e con buona acidità totale. Il titolo alcolometrico minimo è di 14,00% vol.

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.