Vini del Lazio
CORI DOP

La Denominazione di Origine Protetta “Cori” identifica l’omonimo vino laziale, prodotto in diverse varianti: Bianco, Rosso, Bellone, Nero buono e Nero buono riserva.

Uvaggio

Il Cori bianco è ottenuto da uve provenienti per almeno il 50% da vitigno Belllone, per il 20% (minimo) da Malvasia del Lazio e per il 15% (minimo) da Greco bianco. Possono concorrere anche altri vitigni a bacca bianca, idonei alla coltivazione nel Lazio, fino ad un massimo del 15%. Il Rosso, invece, è realizzato a partire da vitigni Nero buono (minimo 50%), Montepulciano (minimo 20%) e Cesanese di Affile e/o Cesanese comune (almeno il 15%). Anche in questo caso possono concorrere altri vitigni a bacca nera, fino ad una quota del 15%. Infine, il Bellone e il Nero buono (anche Riserva) sono prodotti a partire da una base di almeno l’85% di uve dal corrispondente vitigno, a cui se ne uniscono altri, a bacca di colore analogo, fino ad un massimo del 15%.

Caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche

Il Bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11% vol.) si presenta giallo paglierino, con diversa gradazione di intensità; ha un odore caratteristico e gradevole e un sapore secco, equilibrato e di buona struttura. Il bianco Bellone (12% vol.), invece, associa riflessi verdognoli alla tonalità paglierina; manifesta un profumo caratteristico della varietà e un sapore secco, equilibrato e sapido. Il Rosso (11,5% vol.) ha l’aspetto rubino, con riflessi violacei, associato ad un odore fragrante e armonico e a un gusto secco e morbido, con struttura e persistenza buone. Medesime caratteristiche di sapore del Nero buono (12% vol.), la cui colorazione rubino tende al granato con l’invecchiamento e il cui odore è delicato e caratteristico, impreziosito da sentori di frutta di bosco.

Zona di produzione delle uve

La zona di produzione si trova nel Lazio centrale ed è caratterizzata dalla presenza della pianura dell’Agro Pontino e dalle pendici dei monti Lepini.

Specificità e note storiche

La città di Cori fu uno dei centri più importanti dei Volsci e nacque all’incirca nel 1400 a.C. Fin da epoca preromana sviluppò un’importante tradizione vitivinicola, di cui i vini Cori sono il frutto.

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE vino CORI DOP

Vini del Lazio
FRASCATI DOP

Il Frascati bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,5% vol.) si presenta come un vino fresco ed equilibrato. L’aspetto è di colore giallo paglierino, con intensità variabile a seconda delle produzioni. Al palato risulta secco, amabile o abboccato, con gusto sapido e morbido. L’odore è intenso e vinoso, accompagnato da un profumo caratteristico e delicato,…

Leggi di +

Vini del Lazio
CESANESE DEL PIGLIO o PIGLIO DOP

Rosso rubino con riflessi violacei, il Cesanese del Piglio è un vino dalla struttura buona e dal corpo pieno, che rilascia un intenso odore con sentori floreali e fruttati. Il sapore è secco e armonico. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è di 12,00% vol. La variante Superiore, invece, si presenta rosso rubino, virando al…

Leggi di +

Vini del Lazio
NETTUNO DOP

Tutti i vini della denominazione si presentano al palato freschi, secchi e armonici. Nello specifico, il Bianco (titolo alcolometrico volumico totale minimo 11% vol.) è paglierino, con intensità variabile, e ha un odore fruttato e caratteristico, assolutamente delicato e gradevole. Nella variante monovitigno Bellone (11,5% vol.) la tonalità si arricchisce di riflessi giallognoli e l’odore…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.