Villa Cortellotto Comello a Rossano Veneto (VI)

Le Ville Italiane ed i loro Giardini

Questo imponente complesso, affacciato all’incrocio tra via Mottinello Nuovo e la provinciale delle Statue, rappresenta il fulcro attorno al quale si è sviluppata Mottinello Nuovo. La presenza di una casa padronale comprendente vari annessi (a partire Seicento esistette anche una filanda) è attestata sin dal Cinquecento quando era dei Cortellotto, proprietari dell’intera località di Mottinello.

Ferrari fecero delle innovazioni tra il 1770 e il 1795 fu completamente rinnovata e assunse l’aspetto attuale; in questa occasione furono inoltre erette le due foresterie, rifatto l’oratorio, spianato il viale d’accesso e realizzata la piazza antistante. Nel 1795 ai Ferrari successe Valentino Comello che eseguì altri lavori affidandoli a Francesco Bagnara (in particolare la scala della loggia).

Il complesso, orientato a meridione, si articola in un lungo corpo padronale e in due foresterie che si innestano perpendicolari ad esso, racchiudendo un giardino separato dalla strada da una cancellata interrotta al centro dai due pilastri dell’ingresso con statue settecentesche.

Altro cortile si dispone rispettivamente a oriente creando una corte interna in ghiaino, a nord della villa si apre l’area verde divisa in tre grandi zone quella più orientale destinata prevalentemente a prato, quella centrale a parco inglese con un laghetto e un isolotto e la parte ad ovest destinata a brolo.

Nel 1926 la villa venne acquistata dai padri camilliani che la adibirono prima a seminario minore poi, dagli anni 1980, a casa di spiritualità e durante quest’ultimo periodo furono effettuati altri interventi, fra cui la costruzione dei due edifici che chiudono il giardino secondario a nord e a sud e la rimozione della galleria di busti nella foresteria est.

Villa Saraceno Bettanin detta “delle Trombe”

Lungo la vecchia strada che dalla Riviera Berica porta a Vò sui colli Euganei, al crocevia di Finale, sorge questo complesso di edifici da cui la famiglia Saraceno controllava le sue estese campagne. La grande corte cinta da un muro è delimitata a nord-ovest dalla villa padronale, a est da alcuni rustici e da una…

Continua a leggere

Villa Lante, Bagnaia di Viterbo

Villa Lante a Bagnaia VT Puoi goderti questo capolavoro di progettazione del paesaggio semplicemente come una serie coreografata di cascate, fontane gocciolanti e un parterre d’acqua fiancheggiato da un paio di piccoli palazzi i cui interni sono adornati da bellissimi affreschi. Pensare come uno storico del paesaggio, tuttavia, ti porterà a un altro livello di…

Continua a leggere

Villa Cavour SANTENA (TO)

Il vecchio castello dei Benso fu demolito nel 1708 da Carlo Ottavio Benso, che al suo posto fece costruito, tra il 1712 ed il 1722 il nuovo edificio. Il progetto è di Francesco Gallo, architetto di Vittorio Amedeo II. Il Conte Benso acquistò inoltre la proprietà dei Fontanella ( dove oggi si trova la Sala Diplomatica) ed il Castellazzo dei Tana ( unica torre ancor oggi esistente)….

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *