Veneto
ASPARAGO DI BADOERE IGP

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE ASPARAGO DI BADOERE IGP

ASPARAGO DI BADOERE IGP

L’Asparago di Badoere IGP è un ortaggio fresco ottenuto da piante della specie “Asparagus Officinalis”. L ‘Asparago è di due tipologie: bianco e verde. La tipologia bianca appartiene alle seguenti varietà: “Dariana”, “Thielim”, “Zeno”, “Avalim”, “Grolim”. Le varietà “Eros”, “Thielim”, “Grolim”, “Dariana” e “Avalim” per il tipo Verde. Quando è immesso al consumo, l’Asparago di Badoere ha una consistenza tenera ed è privo di fibre. Ha un sapore molto tenue e delicato. La tipologia verde ha un sapore molto più intenso con un aroma fruttato-erbaceo.

Metodo di coltivazione

La coltivazione del prodotto ha un ciclo triennale e si svolge in pieno campo o in serra. La prima fase della produzione è rappresentata dalla preparazione delle piantine, la seconda dalla preparazione del terreno e la terza dall’innesto tra Febbraio e Giugno. La raccolta dei turioni inizia dopo 18 mesi e si effettua a mano. La massima resa non potrà superare i 7.000 kg.

Legame tra il prodotto e il territorio

Fonti storiche narrano che la coltivazione dell’asparago è praticata in Veneto fin dai tempi degli antichi Romani. La produzione dell’Asparago è stata favorita dalle condizioni pedo-climatiche del territorio e dalle caratteristiche del terreno.

Veneto
MIELE DELLE DOLOMITI BELLUNESI DOP

Considerate le differenti tipologie di Miele, le caratteristiche organolettiche e melisso-palinologiche sono variabili. Sebbene vi siano queste differenze basilari, il Miele delle Dolomiti Bellunesi ha degli elementi che si riscontrano in tutte le tipologie: la purezza, la salubrità e l’alta conservabilità. Il procedimento di lavorazione inizia con la raccolta – a seconda delle diverse fioriture…

Leggi di +

Veneto
PESCA DI VERONA IGP

Le metodologie di coltivazione della Pesca di Verona sono tre, in base al disciplinare di produzione: “convenzionale”, che segue le buone prassi della Regione Veneto; “integrata”, realizzata seguendo le norme tecniche del disciplinare della Regione Veneto e, infine, “biologica”, secondo il Reg. (CE) n. 2092/91. La densità di piantagione non deve superare le 1.000 piante…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *