Toscana
FARINA DI NECCIO DELLA GARFAGNANA DOP

SCARICA in formato PDF DISCIPLINARE FARINA DI NECCIO DELLA GARFAGNANA DOP

Farina di Neccio della Garfagnana DOP

La Farina di Neccio della Garfagnana DOP è ottenuta dalle seguenti varietà di piante di castagno: “Carpinese”, “Pontecosi”, “Mazzangaia”, “Pelosora”, “Rossola” (“Rossolina”, “Rossarda”, “Rossale”, “Rosetta”, “Rosellina”), “Verdola” (“Verdarella”, “Verdona”), “Nerona” (“Gragnanello”, “Bocca storta”, “Morona”), “Capannaccia” (“Capannaccina” e “Insetina”). Di consistenza fine sia al tatto che al palato con un’umidità massima del 13%, la farina di Neccio quando è immessa al consumo è di color avorio ed ha un sapore dolce e delicato con retrogusto amarognolo.

Metodo di produzione

Per ottenere la Farina, gli alberi di castagno sono coltivati secondo la metodologia stabilita dal disciplinare. Quando i frutti sono maturi vengono raccolti, separati da quelli guasti ed essiccati in un apposito contenitore di legno denominato “metato”. A seguito della battitura (pulitura), le castagne sono molite con la tipica macina in pietra. Al termine dell’elaborato processo di produzione, la farina è immessa al consumo solo a partire dal 1°dicembre.

Legame tra il prodotto e il territorio

La lavorazione che «farina di Neccio della Garfagnana» richiede ha da tempi lontani impegnato l’uomo a realizzare opere che consentissero di agevolare le operazioni di trasformazione. Sul territorio si riscontra la presenza di molte strutture usate per l’essiccazione delle castagne, i metati, e per la macinatura delle stesse. Secondo stime approssimative nell’area considerata, si calcola che nel 1950 i metati fossero circa 5 000, mentre nel 1800 erano presenti circa 245 mulini. Queste strutture hanno caratteristiche architettoniche e strutturali particolari tanto che, sia nel disciplinare che nei regolamenti edilizi comunali, esistono vincoli affinché le stesse possano essere preservate, come espressione della cultura locale ed a manifestazione del legame con l’ambiente. Un altro aspetto di rilievo è sicuramente quello che evidenzia quanto la farina di neccio abbia condizionato la cucina locale. Infatti, tra le ricette tipiche troviamo la polenta di farina di neccio, i manafregoli (farina di neccio cotta con il latte), il castagnaccio (pizza al forno ottenuta con farina di neccio, olio, noci e pinoli) per concludere con quello che potremmo definire il pane della Garfagnana che prende il nome di «neccio», prodotto con farina, acqua e sale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.