Tomino delle Valli Saluzzesi PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale del PIEMONTE

Il Tomino delle Valli Saluzzesi è un formaggio a latte vaccino intero, crudo o più frequentemente a latte pastorizzato, a pasta molto umida, senza stagionatura, di forma cilindrica bassa e stretta. Peso da 100 a 150 g. Crosta assente; pasta: bianca, compatta, morbida e umida. Sapore dolce di latte.

Territorio di produzione

Si produce nell’area Pedemontana saluzzese, Bagnolo e Barge.

Metodo di preparazione

Il latte si può trasformare crudo ma, sempre più frequentemente essendo un prodotto caseario molto umido, il latte viene pastorizzato prima della caseificazione. Comunemente viene prodotto a partire da latte intero. La temperatura di coagulazione è variabile tra 32 e 38° C, la durata di coagulazione varia da 30 a 45 minuti. Il taglio della cagliata in caldaia non deve essere eccessivo perché si desidera trattenere un buona quantità di acqua/siero nel formaggio. Per le sue caratteristiche di freschezza e morbidezza si effettua un taglio a croce seguito da una breve sosta e da un altro taglio (distanza 4-5 cm) sino a ottenere granuli di cagliata a noce, sufficienti per dare la corretta umidità alla pasta. Una volta estratta la cagliata si pone nelle formine in plastica alimentare e dopo 30-60 minuti di sgrondo in caseificio si trasferiscono in cella frigo a 4 °C sino al momento della vendita. Il formaggio può essere venduto già dalle 12 ore successive alla produzione. La salatura è facoltativa poiché deve ricordare il sapore dolce del latte.

Storia

Il Tomino delle Valli Saluzzesi, come la “Tuma” erano i formaggi prodotti in tutte le aziende agricole che allevavano bovini; un tempo erano preparati prevalentemente con latte parzialmente scremato per affioramento mentre oggi prevale la produzione a latte intero

Curiosità

Per la sua delicatezza di sapore si apprezza al meglio consumato al naturale con l’eventuale aggiunta di un filo di olio extravergine di oliva delicato accompagnato da una fetta di pane fresco.

Lattughino di Moncalieri PAT

Sotto il nome di Lattughino di Moncalieri sono raggruppate due tipologie di lattughe che si identificano sostanzialmente nella lattuga riconducibile alla tipologia Parella. L’ecotipo locale appartiene alla specie Lactuca sativa L., famiglia delle Asteracee o Composite, piante erbacee annuali, formanti un grumolo centrale più o meno sviluppato di foglie.

Leggi di +

Salame di cinghiale PAT

Il salame è poco stagionato (20-30 giorni) e si ottiene da carne magra di cinghiale mescolata a pancetta di maiale (15-20 %). E’ un prodotto di piccola pezzatura, avendo una lunghezza di 18-20 cm, un diametro di 4-5 cm ed un peso di 250-300 g. Al taglio, la frazione magra si presenta di colore rosso…

Leggi di +

Civrin della Val Chiusella PAT

La forma è cilindrica a facce piane e scalzo diritto. La crosta è liscia, regolare, di colore bianco leggermente paglierino con presenza di lieve muffettatura bianca, tendente a diventare più intenso con l’avanzare della stagionatura. La pasta è morbida, non elastica, di colore paglierino. Ha un aroma caratteristico, armonico e delicato, legato alle varietà stagionali…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.