Simbua frita cun satitzu PAT

Prodotto Agroalimentare Tradizionale della Sardegna

Polenta di grano fritta con salsiccia secca. Sa simbua è un piatto rustico, che prevede l’utilizzo di ingredienti semplici e tipici della tradizione agropastorale del territorio di Villanovaforru. Ingredienti principali sono la semola grossa di grano duro, ciccioli di carne e lardo di maiale e salsiccia semi stagionata . Sa Simbua è anche definita “polenta di grano” perché, a cottura ultimata, presenta la stessa consistenza della polenta.

TERRITORIO INTERESSATO ALLA PRODUZIONE: Villanovaforru

DESCRIZIONE DELLE METODICHE DI LAVORAZIONE, CONSERVAZIONE E STAGIONATURA

Gli ingredienti per 4 persone sono: 300 grammi semola grossa di grano duro, 100 grammi di ciccioli e strutto; 100 grammi salsiccia secca semi stagionata; 1/4 cipolla; 3 litri d’acqua e sale q.b. Per la preparazione, si predispone una casseruola nella quale si fa imbiondire la cipolla tritata, si aggiungono poi i ciccioli e lo strutto e qualche pezzetto di salsiccia semi stagionata. Si fa rosolare il tutto per circa 5 minuti a fuoco basso. In un’altra casseruola si fa portare all’ebollizione l’acqua con l’aggiunta di sale, quindi si versa adagio, a pioggia, la semola grossa , mescolando con un cucchiaio di legno per evitare la formazione di grumi.

Ottenuto il composto omogeneo di semola, si versa il soffritto precedentemente preparato. Si lascia cuocere per 25 minuti a fiamma bassa finché non assume la consistenza cremosa tipica di una polenta. Se necessario, si regola di sale. A cottura ultimata, si versa il composto in un piatto da portata e si cosparge di salsiccia semi stagionata.

DESCRIZIONE DEI LOCALI DI LAVORAZIONE, CONSERVAZIONE E STAGIONATURA

“Sa simbua frita cun satitzu” si realizza nelle cucine delle abitazioni nel paese di Villanovaforru o nelle cucine autorizzate di singoli agriturismi e/o locali o ristoranti. La lavorazione non presenta particolari rischi sia per gli operatori che per la sicurezza del prodotto perché gli ingredienti sono sottoposti a cottura con temperature piuttosto elevate. Il prodotto può essere consumato entro uno o due giorni dalla sua cottura, se conservato a temperature idonee. Non si usa refrigerarlo e conservarlo sotto vuoto, ma si consuma sempre come prodotto fresco di giornata.

TRADIZIONALITÀ

Risalire alle origini di questa peculiarità culinaria è praticamente impossibile per mancanza di dati precisi. Nella memoria degli abitanti di Villanovaforru e in particolare delle donne è sempre stata una ricetta costante. La prima sagra dedicata alla simbua è stata organizzata nel 1996 a cura dell’Associazione Turistica Pro Loco con il principale obiettivo di riscoprire questo piatto antichissimo. La simbua frita ha una tradizione antichissima nel comune di Villanovaforru, si tratta infatti di un piatto molto povero, ma ricco e nutriente. Gli anziani del paese ne tramandano la ricetta e lo descrivono come il piatto più comune del passato

ABBAMELE di SARDEGNA PAT

L’abbamele si presenta con una consistenza simile al miele, colore bruno scuro prossimo al nero e gusto dolce, caramellato e con una persistenza gradevolmente amara.

Leggi di +

Olio di Lentischio Ollu de stincini PAT

Gli scritti e le memorie storiche comprovano che questa pratica di estrazione dell’olio dal lentischio, risale agli anni venti quando, subito dopo la prima guerra mondiale, tanto era il bisogno di approvvigionamento di oli alimentari.

Leggi di +

Culurgiones PAT

Il culurgione è una pasta ripiena. La sfoglia esterna ne racchiude il contenuto. Si pizzicano i due estremi della sfoglia fino ad ottenere una cucitura simile ad una spiga. La forma del “culurgione” è oblunga quasi a forma di chicco di grano dai 4 ai 10 cm di lunghezza e dai 3 ai 5 cm…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.