Sensibilità ecologica degli apoidei verso colture in serra!

Colture in serra

L’uso di insetti per l’impollinazione in serra costiuisce una alternativa efficace in termini economici rispetto all’impollinazione manuale. Per molte coltivazioni agricole gestite in serra e altre tipologie di ambiente protetto, le specie del genere Bombus rappresentano gli impollinatori più diffusi, grazie al loro maggiore adattamento e alla resistenza a condizioni di confinamento, di alta temperatura ed umidità e grazie all’alta velocità di impollinazione.

Per la peculiare conformazione del corpo, inoltre, i bombi sono particolarmente efficienti nell’impollinazione del pomodoro e altre solanaceae che richiedono un energico scuotimento del fiore per consentire il rilascio del polline dalle antere (“Buzz pollination”). Il loro contributo è particolarmente rilevante anche per la coltura protetta del lampone.

Buoni risultati sono emersi in vari studi caratterizzati dall’utilizzo dei Meliponini (famiglia Apidi) per la produzione del pomodoro. Sebbene l’impollinazione di tale pianta possa essere prevalentemente anemofila e la maggior parte delle varietà coltivate sono autogame, il frutto con impollinazione aggiuntiva entomofila presenta una maggiore concentrazione di carboidrati, un maggior numero e qualità dei semi e migliori qualità organolettiche.

Attraverso la produzione di ormoni, infatti, il numero di semi può modificare e stimolare i processi di divisione ed espansione cellulare, aumentando la capacità di stoccaggio di solidi solubili nelle cellule. È bene ricordare, tuttavia, che la tribù dei Meliponini è costituita da specie alloctone da non utilizzare in Europa.

Un genere di apoidei con crescente impiego nelle colture protette (serra e tunnel) è l’Osmia, con caratteristiche e adattabilità superiori alle api per l’impollinazione di diverse ortive, della fragola e piccoli frutti. Il cetriolo è una delle coltivazioni più diffuse in serra, a causa della sensibilità e suscettibilità della specie alle variazioni delle condizioni ambientali, specialmente temperatura e umidità relativa. In ambiente protetto la coltivazione è praticata con ibridi di cetriolo partenocarpici che non necessitano di impollinazione entomofila. Studi a riguardo hanno dimostrato, tuttavia, che la resa delle varietà di cetriolo con semi (non partenocarpiche) aumenta con la presenza di insetti impollinatori.

Paulonia – Jacaranda, Paulownia tomentosa

Albero dal portamento maestoso e fioriture molto decorative, con foglie cuoriformi, tomentose, caducifolia, e che a fine primavera produce fiori di colore bianco o lilla, lunghezza 5–7 cm, profumatissimi, riuniti in grandi corimbi, eretti a pannocchia piramidale di 20–30 cm, fino a 50 cm.

Leggi di +

Il valore della biodiversità

La biodiversità racchiude l’immenso patrimonio biologico formatosi nel corso dell’evoluzione della Terra. Esso è custodito nell’aria e nel suolo, nei fiumi, nei mari e negli oceani, ed è costituito da tutte le forme di vita che li abitano, vegetali e animali.

Leggi di +

Ripristinare ecosistemi acqua dolce

Il quadro giuridico dell’UE in materia di acque è ambizioso ma l’attuazione è in ritardo e il controllo dell’applicazione deve essere rafforzato. Al fine di conseguire gli obiettivi della direttiva quadro sulle acque occorre adoperarsi di più per ristabilire gli ecosistemi di acqua dolce e le funzioni naturali dei fiumi. Uno dei modi per farlo…

Leggi di +

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.